A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #292 - La vita della ragazza, Vita e creme al cioccolato (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Mon, 18 Mar 2019 10:36:15 +0200


Essere una donna è piegarsi alle ingiunzioni sociali contraddittorie. Ingiunzioni che portano al controllo del corpo da sole a sottoporsi a disturbi alimentari potenzialmente letali. ---- Le donne che soffrono di bulimia o anoressia hanno una paura malsana di ingrassare, rendendo complicata la loro vita sociale. Una donna bulimica ha un bisogno incontrollabile e violento di mangiare, che si manifesta improvvisamente e senza piacere. Viceversa, la donna anoressica mangia poco o nulla. In entrambi i casi, cercano di liberare il loro corpo dalle calorie in eccesso provocando vomito, uso eccessivo di lassativi e intenso esercizio fisico, digiuno o severe restrizioni dietetiche. -- Nella società di oggi le donne devono essere perfette: avere figli mantenendo un corpo con le forme nei posti giusti, da realizzare, sia attivi che seducenti, per essere un carrierista, con una ricca vita sociale.

La globalizzazione ha attraversato la strada del narcisismo e diffuso le sue immagini e i suoi selfie. I social network ci incoraggiano ad avere una vita perfetta, le foto sono sempre splendenti e hanno più " amici, abbonati, io amo ... ". Le donne si confrontano, le specificità culturali svaniscono. Gli standard estetici sono standardizzati. Il corpo è quindi uno strumento sociale di integrazione. La donna deve essere magra e piacere agli altri di potersi affermare in un mondo sociale: il fisico è la carta d'identità di una donna, ma soprattutto il suo CV, il suo profilo di siti di incontri ...

donne perfette ... su carta lucida
L'immagine riflessa dalla stampa femminile, dalla moda e dalla pubblicità corrisponde all'immagine del ramoscello della donna, morbido e discreto: l'ideale della cancellazione. Sempre ben vestita, truccata e sorridente, deve trasmettere l'immagine della donna vivente che mangia senza ingrassare esortando la donna a seguire diete a desiderare. Molte pubblicità sono associate a magrezza e consumo, come se per essere felici non dovrebbe superare un certo peso. La donna mangia creme al cioccolato ma rimane magra. Le diete sono un'ossessione sociale. Il conformismo della magrezza si diffonde su larga scala. La donna descritta come golosissima, alla fine, non ha attributo ritenuto spiacevole: pancia, cosce, smagliature, cellulite.

Morire di fame per abbinare la pistola
Il diktat della magrezza fa pressione sui corpi delle donne per fondersi in standard molto rigidi. La moltiplicazione di immagini del corpo particolarmente magra e ritoccate, considerate da un lato come irraggiungibili canoni femminili contemporanei, la svalutazione sistematica del loro fisico, l'ansia permanente e l'insoddisfazione per i loro corpi dall'altro , sono una somma di ulteriori fattori di disturbi alimentari.

Questo culto dell'apparenza è inculcato a noi molto giovani. La bambola donata a un bambino è già " ben fatta " e iper sessualizzata. Fin dall'infanzia, alle ragazze viene insegnato a mangiare di meno, a prestare attenzione al loro peso.

Bello, silenzioso, inferiore
Difficilmente si può immaginare una donna in un rapporto di seduzione che mangia un hamburger perché non corrisponde all'ideale di femminilità che esiste nella nostra società. Al contrario, considereremo che un uomo deve mangiare cibi coerenti. Nella nostra società, le donne devono essere meno espansive, meno rumorose, controllarsi, prendere meno spazio, parlare meno. La donna è ridotta a un oggetto da contemplare, a desiderare, privo di pensieri, riflessioni e pensiero critico. Questa società dell'immagine stigmatizza le donne ei loro valori dipendono solo dal loro aspetto. L'obiettivo è di mantenere le donne in una posizione sociale e intellettuale inferiore rispetto agli uomini.

A ciò si aggiunge l'iper sessualizzazione del corpo femminile nella pubblicità, riducendo le donne a oggetti sessuali. La violenza sessuale subita dalle donne al lavoro, per strada, in famiglia, porta alcune donne a voler cancellare le loro forme così come questi aspetti della sessualizzazione.

Gli uomini si danno il diritto di ispezionare e valutare i corpi delle donne. Le donne vengono trasformate in oggetti sessuali attraverso questo sguardo, che li riduce ai loro corpi, persino a parti del loro corpo: sguardi malsani accompagnati possibilmente da valutatori di commentatori.

Ingiunzioni contraddittorie
I corpi delle donne devono esse

http://www.alternativelibertaire.org/?Tour-de-taille-et-cremes-au-chocolat
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it