A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #291 - Amianto: l'impunità è tossica (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 23 Feb 2019 12:28:07 +0200


Mentre l'amianto continua a uccidere in tutto il mondo, e sebbene la sua pericolosità sia riconosciuta in Francia, che il suo divieto sia pronunciato, le vittime non riescono, fino ad oggi, ad ottenere che il colpevole di questo crimine gli industriali possono essere perseguiti. ---- Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l'amianto causa ogni anno 3000 vittime in Francia e 107.000 in tutto il mondo. Proibito in Francia e in oltre 60 paesi, la produzione e l'uso dell'amianto persiste ancora in molti paesi del mondo. Ma questa produzione sta perdendo slancio. decisioni di divieto continuano ad essere considerato come il Supremo Tribunale Federale del Brasile, che ha vietato il 24 agosto 2017, la vendita e la produzione di amianto, nello stato di San Paolo, la più industriale del paese.

Gli industriali responsabili
Di fronte a questa situazione, l'industria dell'amianto sta cercando ogni possibile mossa per rimanere a galla. Ogni anno, la Convenzione di Rotterdam sui prodotti pericolosi riunisce gli emissari delle grandi e piccole potenze del mondo. Nel mese di aprile 2017, l'8 ° di registrazione edizione come pericoloso amianto crisotilo, che rappresentano il 90% della produzione mondiale di amianto è stata respinta per la sesta volta consecutiva, su richiesta di India, Zimbabwe, dal Kazakistan e dalla Russia. " Il forum funziona all'unanimità: è sufficiente che un paese produca questa merda e continui a commercializzarla, e gli viene dato un veto " [1].

Oltre alla pressione delle multinazionali durante le riunioni della Convenzione di Rotterdam, le tattiche già utilizzate dall'industria del tabacco, del petrolio e del carbone sono all'opera per l'amianto. Non è necessario confutare i numerosi studi scientifici che stabiliscono la pericolosità del prodotto. Ad esempio, molti rapporti di ricerca russi hanno sollevato dubbi sulla pericolosità dell'amianto crisotilo. " È la corruzione della scienza. Queste industrie riescono pagando agli scienziati la pubblicazione di articoli e ricerche che non sono obiettivi ... In Canada, sono stati in grado di divulgare falsi studi scientifici per anni e corrompere la politica sanitaria del paese. " [2].

In Francia, i responsabili del disastro sanitario in amianto sono ben noti: in primo luogo gli industriali che commerciavano l'amianto. Mentre tutto era noto pericoli dell'amianto a partire dall'inizio del XX ° secolo, hanno sviluppato un mercato globale di questa fibra. Hanno, all'interno del cartello globale sull'amianto, costruito una strategia di disinformazione delle autorità pubbliche, dei lavoratori, dei sindacati, che si sono tutti imbarcati dietro la formula anestetica: " l'uso controllato dell'amianto ".

Questa mistificazione durò in Francia fino alla mobilitazione scientifica e lavorativa, che, dall'inizio degli anni '90, vide l'emergere di una mobilitazione sociale. Nel 1996, il rapporto di esperti collettivi di Inserm ha raccolto tutte le conoscenze schiaccianti sulla tossicità di tutte le categorie di amianto. La pubblicazione di questo rapporto costringerà le autorità pubbliche a vietare tutti gli usi e tutti gli scambi di amianto nel luglio 1996.

Ma questa responsabilità è condivisa con alti funzionari e medici, in particolare quelli che sono stati coinvolti, dal 1982 al 1995, nel Comitato permanente sull'amianto (CPA), la struttura di propaganda per questa fibra mortale. Ricordiamo in particolare il posto di Claude Raffaelli, ex medico del lavoro Ferodo-Valeo, " riconosciuto come il migliore conoscitore in Francia dell'esposizione all'amianto " e che ha fatto di tutto per nascondere i pericoli associati al amianto. E " stata una strage tra i lavoratori sotto la sua carica e pensionati senza reagire, senza urlare, senza maniaco " . " Gli archivi di Raffaelli mostrano chiaramente che era la sicurezza medica della lobby industriale " [3].

Il crimine industriale non è caratterizzato dall'intenzione di uccidere, ma dall'uso intenzionale di sostanze note per essere letali. Il perpetratore sa che gravi conseguenze saranno inevitabili. Nel 2017, due processi, quello dell'AZF-Grande Paroisse alla Corte d'appello di Parigi nel 2017 e quello di Vinci alla Corte di Cassazione, hanno dimostrato che i reati industriali possono essere puniti penalmente secondo la legge francese.

Prova schiacciante di tossicità
Eppure una serie di battute giudiziarie lasciano dubbi sulla volontà della giustizia francese di giudicare i responsabili. E se il processo dei responsabili dell'amianto non dovesse accadere, promuoverebbe la moltiplicazione di tali pratiche mettendo in pericolo la vita umana e la ripetizione di questo scandalo per tutte queste molecole chimiche, interferenti endocrini, radioattività e altri biocidi .

Tra la fine del 2011 e l'inizio del 2012, nove industriali, funzionari statali o medici erano già stati licenziati dalla corte d'appello nel luglio 2014. Motivazione: l'intossicazione dei dipendenti non può essere datata al giorno vicino, è impossibile definire responsabile.

Un desiderio di fare una causa impossibile
Il 18 settembre 2018, la procura di Parigi ha chiesto un posto non generale nel caso dell'esposizione all'amianto di 22 dipendenti del fornitore automobilistico Valeo-Ferodo a Condé-sur-Noireau (Calvados), tra 1952 e 2007.

La camera criminale della Corte di Cassazione ha confermato, martedì 11 dicembre 2018, la cancellazione dell'atto di accusa di otto funzionari nazionali negli archivi del campus universitario di Parigi Jussieu e dei cantieri navali del Normed Dunkirk.

Di fronte a queste battute d'arresto, l'Associazione nazionale delle vittime di amianto e altri inquinanti (AVA) ha annunciato l'8 gennaio un cambio di strategia e speranze con una procedura senza precedenti: la presentazione di una citazione collettiva diretta alla corte del grande istanza di Parigi - per ottenere entro uno o due anni la detenzione del processo penale dei leader nazionali di questo crimine industriale. Caso da seguire !

Jacques Dubart (AL Nantes)

[1] Alain Bobbio, portavoce di Andeva (Associazione nazionale per la difesa delle vittime dell'amianto), Reporterre, 5 settembre 2017.

[2] Kathleen Ruff, Figura storica della lotta all'amianto in Canada, Reporterre, 5 settembre 2017.

[3] Médiapart, 19 febbraio 2018.

http://www.alternativelibertaire.org/?Amiante-L-impunite-c-est-toxique
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it