A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #291 - Formats ouverts: Interopérabilité, une notion clé (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 19 Feb 2019 08:16:16 +0200


Pour les enseignants et enseignantes, faire les choix du libre c'est assurer l'égalité de tous et toutes dans la diffusion des savoirs, indépendamment du capital économique. Mais en complément de l'utilisation de logiciels libres, faire le choix des formats ouverts, c'est permettre à toutes et tous de garder le contrôle sur ses données, ses travaux, ses photos... ---- Si certains logiciels libres ont acquis aujourd'hui une vraie audience au-delà même du cercle restreint des libristes, familiarisant et sensibilisant ainsi le grand public à la question du libre, il n'en est pas tout à fait de même avec la notion de «format ouvert». ---- Un peu de vocabulaire ---- Qu'est-ce qu'un format ? Le format désigne la forme sous laquelle un fichier informatique est codé afin d'être enregistré, échangé, lu, transporté, transformé, etc. Il est généralement indiqué par l'extension qui apparaît après le nom du fichier (.mp3, .pdf, etc.). Les formats sont au coeur de l'architecture numérique et les plus connus d'entre eux sont même devenus des noms génériques à l'instar du PDF, du MP3 ou du PowerPoint. Si ceux-ci sont aujourd'hui utilisés dans le langage courant pour désigner respectivement un document figé imprimable tel quel, un fichier de musique numérisé et enfin une présentation, ils ne sont en fait qu'une déclinaison possible de ce qu'ils désignent (par exemple, OGG est un autre format de fichier musical et ODP un autre format de présentation).

Affinché questi dati (testo, audio, immagini, video o altri documenti) siano condivisi, il software di altri utenti deve essere in grado di leggere e modificare queste informazioni. Questo è chiamato interoperabilità. Il formato PDF è un buon esempio di un formato che promuove l'interoperabilità, poiché è stato progettato proprio per preservare le caratteristiche iniziali (layout, ecc.) Del documento indipendentemente dal software o dal computer utilizzato e rendere sempre lo stesso risultato dopo la stampa. Per dirla in modo semplice: se condivido un documento PDF, sono sicuro che chiunque lo riceverà lo vedrà come l'ho inviato.

Ma ciò che è possibile con un file PDF non è necessariamente con tutti i formati. Nel contesto di una società capitalista in cui sono presi in considerazione interessi speciali, l'interoperabilità non è purtroppo la regola. Questo, afferma l'associazione per la promozione e la difesa del software libero nel mondo francofono (aprile), è garantito solo " quando è basato su standard aperti: specifiche tecniche pubbliche, liberamente utilizzabili da tutti senza restrizioni o controparti e mantenuto attraverso un processo decisionale aperto " . È solo quando un formato è basato su questi standard aperti che possiamo parlare di " formato aperto " ". Un formato è aperto sia perché è stato sviluppato direttamente per essere condiviso (come il software libero), come PDF, OGG o ODP, o perché la sua licenza è scaduta, come MP3. Al contrario, un formato che non soddisfa questi standard si dice che sia chiuso, e questo è ad esempio il caso dei formati di Microsoft Office (Word e il suo .doc, Excel e il suo .xls, PowerPoint e il suo .ppt).

Dal formato chiuso al monopolio capitalistico
In termini concreti, se un insegnante invia ai suoi studenti un file .doc, solo quelli che hanno Microsoft Office (che è costoso quando non è hackerato e pieno di virus !) Saranno in grado di leggere il documento esattamente come è stato creato e registrato dall'insegnante. Per gli altri, che useranno il software libero di LibreOffice, ad esempio, il layout, i caratteri, ecc. Saranno diversi o illeggibili.

Per formati ancora più chiusi di quelli del DOC, leggere o elaborare con altri software o con versioni troppo vecchie del software " buono " è semplicemente impossibile. In effetti, i formati chiusi impongono l'uso del software proprietario e quindi a volte portano a situazioni di monopolio di fatto.

Prendiamo in considerazione un altro rischio di formati chiusi: obsolescenza, se è pianificata (rinnovo di una licenza a pagamento richiesta, software di aggiornamento pagato) o meno (la società è fallita e il formato non è quindi non più supportato). Questo è il motivo per cui scegliere un formato aperto è importante anche se il file non è destinato alla condivisione: l'interoperabilità consente la conservazione dei dati nel tempo.

Pubblicità gratuita, facile monopolio, entrate regolari: la logica capitalista consiste ovviamente nel moltiplicare formati chiusi e software proprietario. Pertanto si oppone alle libertà degli utenti definite da aprile: " la libertà di copiare e distribuire il software ai suoi amici, il diritto di usarlo a tutti gli effetti, il diritto di studiarlo per sapere come funziona, il diritto di modificarlo per migliorarlo ".

Per il calcolo emancipatorio
L'unica buona combinazione risiede quindi nella scelta accoppiata del software libero e di un formato aperto. Fin dalla tenera età, gli studenti devono familiarizzare con un ambiente informatico gratuito, l'unico che permetterà loro di acquisire una padronanza dal design del software alla lettura del file finale, l'unico che è destinato ad essere totalmente accessibile. Quando conosciamo l'importanza per il Gafam dei famosi " algoritmi " così come i pregiudizi e le distorsioni di informazione che questi inducono, è più che necessario che i giovani abbiano conoscenza delle " ricette " e acquisiscano un certo controllo, altrimenti non saranno in grado di esercitare la propria libertà nell'era digitale.

David (gruppo di lavoro del bibliotecario AL)

http://www.alternativelibertaire.org/?Formats-ouverts-Interoperabilite-une-notion-cle
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it