A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Attacco ad Alfamir Castillo: la macchina impunita degli assassini ingaggiati contro i leader popolari di José Antonio Gutiérrez D. (ca) [traduzione automatica]

Date Tue, 22 Jan 2019 08:38:30 +0200


L'11 gennaio, Alfamir Castillo, un combattente popolare emblematico della Valle del Cauca, è stato vittima di un attacco vigliacco mentre viaggiava con suo marito lungo la strada che da Pradera porta a Palmira. Va detto che questa strada è altamente militarizzata e ha una presenza permanente di polizia. ---- Attacco ad Alfamir Castillo: la macchina impunita degli assassini ingaggiati contro i leader popolari ---- L'11 gennaio, Alfamir Castillo, un combattente popolare emblematico della Valle del Cauca, è stato vittima di un attacco codardo mentre viaggiava con suo marito lungo la strada che da Pradera portava a Palmira. Va detto che questa strada è altamente militarizzata e ha una presenza permanente di polizia. ---- Alfamir Castillo ha vissuto con grande dolore: suo figlio, Darbey Mosquera Castillo, è stato ucciso dal Battaglione anti-guerrigliero n. 57 "Martires de Puerres" dell'esercito nazionale nel febbraio 2008, in un villaggio di Caldas, dove il ragazzo era stato offerto lavoro. Poi lo fecero passare come guerrigliero ucciso in combattimento, nel caso infame di "falsi positivi", quando il "presidente della pace", Juan Manuel Santos, era ministro della difesa. Questo è stato l'assassinio sistematico di ragazzi poveri, rapiti dall'esercito dopo aver promesso il lavoro, per essere uccisi e presentato come guerriglieri morti in combattimento, in modo che i soldati e gli ufficiali potrebbero raccogliere i benefici economici, è promosso nella gerarchia militare e ottenere una vacanza, benefici che garantivano il "pacificatore" Santos nella sua politica di conteggio dei capi. Questi non erano casi isolati: ricerca "esecuzioni extragiudiziali in Colombia 2002-2010: l'obbedienza cieca nei campi di battaglia di fantasia" (2017), scritto da ex polizia e sociologo Eduardo Rojas e Fabian Omar Benavides, presenta la prova che ci sono stati più di 10.000 casi. Questo è stato un genocidio senza proporzioni nella storia colombiana, e le accuse che la pratica non è cessata sono ancora in piedi.

Alfamir Castillo, tuttavia, non è una semplice vittima. È una combattente popolare eccezionale che ha trasformato il dolore causato dal vigliacco omicidio di suo figlio in tenerezza per tutti gli oppressi. In ogni mobilitazione, eccola. Patiana nascita, un villaggio vicino a Bordo, ha vissuto molti anni in Pradera, Valle, insieme con il marito, un bastone tagliatore di canna è disabilitato, che soffrono di malattie professionali derivato da tennis in una battaglia legale contro i ingegno per riconoscono l'affetto che ha sofferto e lo compensano. Quando i tagliatori hanno colpito nel 2008, eccola lì, a organizzare il Comitato delle donne della cannaper sostenere i loro mariti in quella lotta contro lo zucchero Golia. La sua leadership era la chiave per mantenere la mobilitazione dei tagliatori, un punto di inflessione nella storia recente delle lotte popolari. In quelle incursioni è stato che l'ho incontrata e ho imparato ad ammirarla e ad apprezzarla. Abbiate il coraggio di affrontare lo zucchero zar a Caicedo, il Lulle Scoiattolo, la Cabala, Eder, ha costato caro frese: assalti la maggior parte di coloro che hanno portato allo sciopero, hanno affrontato, attacchi e la disoccupazione .

Alfamir non è stato fuori da questa situazione. Diverse volte ha dovuto lasciare gli sfollati da Pradera per minacce contro di lei. Nel 2012 ha persino ricevuto il "beneficio" delle misure precauzionali da parte della Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR)[1], ma non succede nulla. A Cali, sfollati, la attaccarono una volta con una siringa. Altre volte hanno puntato le pistole contro di lui. Ora la cosa è stata sparata. Tre colpi contro il camion in cui viaggiava, nessuno dei quali lo ha raggiunto, per fortuna. Quel giorno aveva ricevuto due minacce, in cui gli era stato detto, " non pensare che stiamo giocando. Non pensare che stiamo mentendo morte intorno a te e non credete, né i tuoi accompagnatori saremo in grado di salvare la vecchia tutto CV che è successo a noi vi addebiteremo ... morire ... morire ... morire ... "e"questo è un vecchio HP ultimatum sa già tutto e si sono paura , ma non per un migliaio di schemes're sicurezza andando a salvarci, tua insolenza mio comandante sta andando a pagare con il sangue e lasciando i nostri uomini sono la nostra arma migliore ... muore ... muore ... muore "[2]. La tua insolenza per il "mio" comandante ... più leggero per versare acqua su di lui.

Stava succedendo in Venezuela, ci sarebbe stato uno scandalo internazionale, e i rappresentanti colombiani, con la schiuma in bocca, avrebbero chiesto sanzioni all'OEA e all'ONU. Ma come è la Colombia, tutto sta andando giù perché l'assassinio dei leader sociali è diventato uno sport: quasi 300 leader sociali uccisi dalla firma dell'accordo di pace il 24 novembre 2016. Cioè, in poco più di due anni. Assassini selettivi, soprattutto dopo minacce, che cercano di decapitare le organizzazioni sociali. Un autentico omicidio sociale, come l'ho chiamato in precedenti occasioni[3]. A quelli che sostengono che "il conflitto è molto complesso per sapere da dove vengono i colpi", che possono essere molti sospetti, ecc. Recentemente, l'Universidad del Rosario ha pubblicato un'indagine sistematica in cui dimostrano: uno, che la maggior parte degli omicidi è dovuta a dispute sulla terra e che la maggior parte degli assassini sono bande paramilitari, milizie private di allevatori e proprietari terrieri[4]. Lo stesso studio schiaffeggia l'argomento trito e ritrito, ripetuto fino alla nausea dalla socialbacanería prima che l'accordo di pace che "una volta finito il FARC-EP si concluderà l'oligarchia la scusa per uccidere e sarebbe dovuto tornare democratici" spettacoli che nelle aree in cui esistevano le FARC-EP e che hanno smobilitato, è qui che si concentra la maggior parte dei recenti reati.

Qui sono chiari i motivi degli omicidi e dei settori sociali dietro di loro: quale non c'è volontà politica di prendere il toro per le corna. Contrasta l'inefficienza di trovare il responsabile materiale e intellettuale per i crimini contro le organizzazioni popolari, i leader sociali e di sinistra, con la straordinaria efficienza dimostrata dalla polizia per catturare e rinchiudere in prigione (in meno di 24 ore!) ad un povero ragazzo che scherzosamente ha commentato su Facebook che avrebbe ucciso uno dei figli di Uribe Velez: nessuna intenzione di svolgere il crimine, nessuna organizzazione alle spalle, senza alcuna arma, ha trascorso diversi mesi in prigione, mentre l'avvocato chiesto 15 anni di carcere[5]... per uno stupido commento sui social network. Ma i leader sociali sono stigmatizzati dai media, Sono puntati, minacciati, uccisi e nulla. Non succede niente

Il grado di marciume del regime colombiano raggiunge livelli davvero squallido ... nelle rare occasioni in cui la giustizia media affetti, se tibiamente, potenti settori della società, subito inizia a muoversi un macchinario macabra assassino che intimidisce e potenziali testimoni a carico dei loro "modelli". Il caso Odebrecht, spruzzi Uribe, Santos e tutti i circoli del potere, ed ha avuto tre testimoni chiave del processo di morti in circostanze strane: Jose Pizano, suo figlio Alessandro Pizano (sia avvelenato con il cianuro) e Rafael Merchan, ex segretario Trasparenza di Santos, apparso morto in un apparente suicidio. Ora, la questione dei falsi positivi è entrata nella giurisdizione speciale per la pace (JEP), anche se questo dovrebbe essere l'oggetto delle corti comuni perché è un crimine che non può essere giustificato in alcun modo nel contesto dello scontro dello Stato con le FARC-EP. Grazie al processo di pace e all'abuso che viene fatto dal PEC, i soldati che erano stati così duramente colpiti dai "falsi positivi" stanno lasciando le prigioni. Ma in questo modo, questa corte, senza denti, è inaccettabile per le alte proprietà militari perché nel PEC si saprà che questa non era una questione di "mele marce" tra i livelli bassi e medi. Il PEC, su misura per la classe dirigente, è molto difficile per qualsiasi membro dello stato ricevere una condanna, senza denti prima dei potenti, ma potenzialmente con zanne affilate per gli ex ribelli,

Il generale Mario Montoya oggi è accusato di falsi positivi, e minacce e colpi contro i testimoni stanno già iniziando a piovere. L'avvocato di Alfamir sottolinea che " il PEC, nonostante il fatto che nel novembre dello scorso anno fosse stato invitato a studiare la concessione di misure precauzionali, non ha fatto assolutamente nulla, ha lasciato la signora Alfamir abbandonata (...). Riteniamo che vi sia disprezzo da parte del PEC nei confronti delle vittime delle esecuzioni extragiudiziali, come è stato osservato nelle audizioni di settembre e ottobre dello scorso anno."[6]. Se c'è qualche dubbio sulla cerchia di minacce e attacchi contro Alfamir, in ottobre, ha partecipato a una delle udienze contro Montoya sulla questione dei "falsi positivi"; quello stesso giorno la minacciarono e le dissero di non apparire più alle udienze[7].

Se Alfamir, una donna di coraggio davvero ammirevole, riceve questo colpo ... chi oserà alzare il dito contro Montoya? Se i potenti testimoni del caso Odebrecht stanno morendo, quale misericordia della macchina siciliana può aspettarsi una donna nera, moglie di un tagliatore, una povera donna come Alfamir? Il sistema ha mostrato una crudeltà scioccante Alfamir e la sua famiglia: un figlio uccidendolo, minacciando e attaccando costantemente con ricchi del Valle negare una pensione miserabile marito. Rifiutando sistematicamente ogni riparazione, ogni traccia di giustizia. Ma là è dipinto tutto il corpo e senza trucco. È incredibile che dopo tanto dolore, tanta rabbia contro di lei, non siano riusciti a zittirla o intimidirla. Subito dopo l'attacco la sua voce, quella voce che hanno tanto desiderato tacere,Molti dei soldati sono stati rilasciati a nome del processo di pace e con noi, le vittime, non sappiamo cosa accadrà. Come siamo e dove siamo? Il PEC non ci ha preso in considerazione come vittime perché ci ha esposto a questo, all'essere assassinati (...). È questa la realtà che sta vivendo la Colombia? (...) Uno è lasciato senza pensare. Finora non so cosa fare, ma quello che so è che dobbiamo continuare a rendere visibile questa situazione. Non possiamo permettere che questo continui ad accadere "[8]. Con la testardaggine di Antigone, Alfamir non si fermerà finché non ci sarà giustizia. E tutti coloro il cui cuore batte per la giustizia sociale, per la libertà, dobbiamo circondarlo per continuare nella sua lotta che è la nostra lotta.

Alfamir, sorella, amica, compagna ... riceve le nostre mani aperte solidarietà per continuare a tessere la resistenza all'infamia.

José Antonio Gutiérrez D.
14 gennaio 2019

note

[1]https://www.elespectador.com/noticias/judicial/denuncian-amenaza-de-muerte-contra-de-madre-de-victima-articulo-380721
[2]https://www.elespectador.com/noticias/judicial/no-podemos-permitir-que-esto-siga-pasando-alfamir-castillo-tras-atentado-en-su-contra-articulo-833759
[3]http://anarkismo.net/article/30859
[4]http://www.rebelion.org/noticia.php?id=251112&titular=%93a-los-l%EDderes-sociales-no-los-han-matado-tanto-por-miner%EDa-o-coca-como-por-
[5]https://www.eltiempo.com/archivo/documento/CMS-6735011 https://www.semana.com/nacion/articulo/absuelto-nicolas-castro-acusado-amenazar-hijo-del-expresidente-uribe/246349-3
[6]https://www.elespectador.com/noticias/judicial/no-podemos-permitir-que-esto-siga-pasando-alfamir-castillo-tras-atentado-en-su-contra-articulo-833759
[7]https://colombia2020.elespectador.com/jep/jep-solicita-con-urgencia-proteccion-para-alfamir-castillo-tras-atentado-en-su-contra
[8]https://www.elespectador.com/noticias/judicial/no-podems-permitir-que-esto-siga-pasando-alfamir-castillo-tras-atentado-en-su-contra-articulo-83375

https://www.anarkismo.net/article/31268
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it