A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #290 - Punto di vista, Il RIC, visto da un comunista libertario svizzero (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 10 Jan 2019 08:36:26 +0200


Dato che alcuni dei giubbotti gialli sono appassionati del referendum di iniziativa dei cittadini (RIC), ci sono stati molti riferimenti all'esempio svizzero. Alcune precisioni e riflessioni. ---- Poiché il RIC è il cavallo di battaglia di Étienne Chouard, un famigerato confusionista, molti rivoluzionari tendono a considerare questo slogan come un " cavallo di Troia " dell'estrema destra. E prendere la Svizzera come esempio, dove la destra nazionalista ha per vent'anni conquistato lo strumento del referendum per essere al centro del dibattito pubblico. ---- Questo mi ispira due reazioni. Primo: attenzione a non dare l'impressione che i libertari demonizzano il referendum, sarebbe incomprensibile per il pubblico in generale. Quindi: il RIC proposto da molti giubbotti gialli è molto più democratico dei meccanismi svizzeri. Sarebbe in effetti firmatari 500.000 (1 % degli elettori, contro il 1,5 a 2 % in Svizzera) per avviare un referendum per: 1. di revocare gli eletti ; 2. proporre una legge ; 3. abrogare una legge; 4. modificare la Costituzione. Solo le possibilità 1 e 2 esistono in Svizzera a livello nazionale. Il 3 e il 4 esistono solo in alcuni cantoni, un livello in cui i meccanismi democratici sono più vecchi e più estesi che a livello nazionale.

In teoria, il RIC sarebbe un potere concesso ai cittadini. In realtà, l'esempio svizzero mostra che a livello nazionale è soprattutto un potere dato ad associazioni, sindacati e partiti politici che hanno i mezzi per utilizzare lo strumento del referendum. Ciò che deve essere tenuto presente è che la Svizzera è segnata dall'assenza di unioni nazionali e dalla quasi inesistenza della sinistra radicale.

La situazione sarebbe molto diversa in Francia. Ad esempio, con la superficie che hanno, unioni come la CGT, Solidaires, FO, ecc. potrebbe da solo chiamare un referendum contro qualsiasi legge approvata dall'Assemblea nazionale, sulla crescita dello Smic o sulla riduzione dell'orario di lavoro.

Estensione dei diritti popolari
Certo, in un referendum, anche le persone non interessate dalla questione possono votare, il che distorce il risultato. Ma il salario è numericamente così massiccio da favorire il movimento sindacale. Ha una base aderente che gli permetterebbe di raccogliere facilmente le firme, processo molto costoso senza di esso. In Svizzera, ad esempio, la raccolta di 100.000 firme viene solitamente affidata a società specializzate al costo di quasi 400.000 euro. Il National Rally, Upright France o i vari gruppi di identità difficilmente saranno in grado.

Dico tutto questo per riportare le cose alle loro proporzioni corrette. Per il resto, qualsiasi ragionevole anticapitalista sa che c'è una radicale incompatibilità tra capitalismo e democrazia diretta, dal momento che, per definizione, questo sistema pone un aspetto essenziale della vita sociale - l'economia - off la democrazia in nome della la legge del mercato e la proprietà privata.

Tuttavia, essere rivoluzionari che lottano per l'abolizione del lavoro salariato non impedisce di difendere l'ascesa dello Smic. Allo stesso modo, che lotta per una società veramente democratica, perché liberarsi del capitalismo non deve impedirci di rivendicare un'estensione dei diritti popolari, anche nel quadro della democrazia borghese. Le richieste economiche non devono essere contrarie alle richieste democratiche, possiamo portarle entrambe allo stesso tempo.

Guillaume (Parigi nord-orientale)

http://www.alternativelibertaire.org/?Le-RIC-vu-par-un-communiste-libertaire-suisse
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it