A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #289 - Renault: nello stabilimento di Douai, " produzione ? E 'la morte " (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sun, 6 Jan 2019 08:18:12 +0200


In fabbrica, da quando le battaglie sono andate perdute contro le leggi del Lavoro, il sindacalismo si è indebolito e l'atmosfera grigia come il nostro lavoro blues. C'è abbastanza per la rivolta: violenza e lavoro ripetitivo pericoloso, imbrogli, intimidazioni e minacce ... Sono i lavoratori temporanei che soffrono di più. ---- Già le 4 del mattino, la sveglia mi tira fuori dal letto. Pochi minuti dopo sono in cucina, in lavori di blu, ingoiando un caffè e ... alcune pillole per alleviare il dolore ai tendini. È solo mercoledì e già si sta accumulando la stanchezza della settimana. La mia vecchia Ford inizia, beh ! Andiamo per il pendolarismo quotidiano, con le stesse macchine sulla strada, le stesse persone, lo stesso parcheggio in cui parcheggia dopo aver attraversato il grande portico proclamando " Benvenuto alla fabbrica Georges-Besse - Renault Douai ".

Georges Besse, l'amministratore delegato della Renault giustiziato dal gruppo Direct Action nel 1986, ha ritenuto che questa fabbrica, costruita nel 1970, fosse " un errore " . All'epoca, l'azionista statale aveva insistito affinché venisse impiantato nei Douai, promettendo la disoccupazione di massa con la chiusura delle miniere di carbone. Alla fine degli anni '70 lavoravano lì 8.500 dipendenti. Oggi siamo 3.400 a tempo indeterminato ; Da 800 a 1.300 lavoratori temporanei secondo i periodi ; Dal 15 al 20 % di donne.

Sulla catena il ritmo (61 veicoli all'ora !) È insostenibile, nonostante ansiolitici e antidolorifici.
La produzione è divisa tra diversi edifici, su quasi 350 ettari. Nel " palazzo DB ", si riceve poi assembla motori organi: avviamento, alternatore, radiatore e un mucchio di altre cose ... negli edifici e in lamiera, enormi macchine delle dimensioni di un piccolo edificio trasformare grandi rotoli foglio (ognuna milioni di euro che costano ...) cappe, i lati di scatole, ali, ecc Saranno quindi saldati e assemblati dai robot prima di sbavarli. costruzione Vernice, immerso scatole di nuovo nudi nella grande pittura bagno prima di inviare l'edificio di assemblaggio, " DA ". Lì, su una catena di montaggio che corre su due piani, tutto il resto del veicolo è assemblato (cruscotto, volante, sedili, elettronica, opzioni, finestre). Il veicolo completato viene testato, quindi parcheggiato su un parcheggio dal quale i camion del gatto si imbarcheranno nello spazio, nel Talisman e in altri scenari.

Lotte tra lavoratori temporanei
In questo momento, in fabbrica, l'atmosfera è grigia come il nostro lavoro blues. La battaglia persa contro le leggi sul lavoro pesa molto sul morale. Due sindacati combattivi coesistono sul sito. La CGT è abbastanza vicina alla non sostanziale Francia, e al SUD è politicamente più indipendente, ma entrambi portano affermazioni simili e spesso agiscono insieme. Sfortunatamente, le chiamate intermittenti allo sciopero, nel 2016 e 2017, si sono mobilitate solo convinte. In uno dei giorni di azione, un gruppo di giovani lavoratori temporanei era sul punto di scioperare, ma la direzione ha soffocato la ribellione sul nascere. I capigruppo arrivarono correndo per minacciarli ( " È proibito per i lavoratori temporanei ! E il tuo contratto ? "). SUD e CGT, le parti in protesta in quel momento, non potevano intervenire, e non c'era niente da aspettarsi da FO e CFDT, non-attaccanti per la maggior parte.

I riformatori (dichiarati) di FO, la maggioranza, non esitano a spiegare agli operatori che hanno più da guadagnare collaborando con la direzione piuttosto che combattendo. Solo il CFDT è più giallo, con volantini caricaturali che vantano rotoli e dolci " vincenti " per lo staff !

Tassi infernali di volontariato obbligatorio
C'è abbastanza da ribellarsi a Renault Douai. In fondo alla scala, sono i lavoratori temporanei che incassano di più, costretti ad accettare gli straordinari. Sono le prime vittime di sabato hanno detto " volontariato " - ironicamente ribattezzato " volontariato volontario " . Il caposquadra effettua regolarmente ricerche individuali per riempire il suo programma di " volontari " minacciandoli in un modo velato di mancato rinnovo del loro contratto.

Non c'è da stupirsi che trasciniamo i piedi per lavorare sabato in questa fabbrica degna di Germinal . Violenza lavoro ripetitivo, disturbi muscoloscheletrici (DMS), intimidazioni e minacce, ad esclusione di condizioni di lavoro pericolose, come ad esempio l'impianto di PSA nel Trith-Saint-Léger [1].

Si scoprì che la catena veniva a volte accelerata in segreto ...
Alla domanda " che cos'è la produzione ? Operatori e operatori risponderanno: "La produzione è morte. Sulla catena, il ritmo (61 veicoli all'ora !) È estenuante nonostante ansiolitici e antidolorifici. Si è scoperto che a volte era accelerato in segreto, solo per recuperare. Prima che un delegato se ne accorga e protesti, gli intrusi riportano la velocità alla normalità ... Quest'estate, a causa delle alte temperature, un interim ha causato disagio. Catena ferma. Allertato, il responsabile del dipartimento di editing è venuto a correre. Non prendere le sue notizie, ma per valutare il tempo perso e riavviare la produzione il prima possibile.

In effetti, è normale che se un dipendente di un'agenzia viene ferito sulla catena, i leader lo dissuadano dall'andare in infermeria. Un leader porta i feriti al bagno e poi, un colpo disinfettante sulla ferita, una benda e torna alla produzione. L'obiettivo ? Non alzare la curva degli incidenti sul lavoro, per dare un'immagine di fabbrica del modello in termini di sicurezza. Dobbiamo " essere competitivi con le altre fabbriche del gruppo " , ci viene detto, altrimenti " il sito si chiuderà " ! SUD e la CGT continuano a denunciare questa organizzazione del lavoro, ma la dirigenza diventa sorda, ossessionata dai suoi progetti " kaizen ". Dietro questo gergo manageriale e il suo obiettivo di " il miglioramento dell'ergonomia " nasconde una realtà banale: è individuare le posizioni che potrebbero essere rimosse per ridistribuire i compiti ad altri lavoratori, preferibilmente temporanei. Per paura di perdere il lavoro, l'interim non protesta ...

Lotta contro la sofferenza sul lavoro
Come affrontare la violenza dei capi e del lavoro ? Gli unici punti focali di resistenza possibile qui sono SUD e CGT, anche se sono indeboliti. È attraverso l'aiuto reciproco e la lotta collettiva che tutti possono acquisire fiducia e investire. Oggi, dobbiamo combattere per meno sofferenza sul lavoro. Domani lotteremo per la socializzazione dei mezzi di produzione, sotto il controllo degli operai. Quando il primo e il primo interessato organizzeranno la produzione da soli, sarà la fine della sofferenza, il regno dei capi e il maltrattamento. Possiamo inventare una società liberata dal capitalismo e Carlos Ghosn e Thierry Bolloré di tutti i tipi !

Damien (AL Douai)

[1] Leggi " Peugeot-PSA: loro spingono il loro passo, contiamo i nostri morti ", libertario alternativo , ottobre 2018.

http://www.alternativelibertaire.org/?Renault-A-l-usine-de-Douai-la-production-C-est-la-mort
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it