A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Terrorismo di stato a Curitiba (Paraná, Brasile) di Colectivo Anarquista Classo de Classe - CAB (ca, en, pt) [traduzione automatica]

Date Sat, 22 Dec 2018 08:44:24 +0200


L'ultimo giorno del 7 dicembre 2018 sarà ricordato come uno dei giorni più tristi e inquietanti nella storia della città di Curitiba e della lotta per l'alloggio in Brasile. ---- L'occupazione urbana chiamata il 29 marzo è stata completamente distrutta a causa di un incendio, che secondo la storia degli abitanti, è stato causato dalla polizia militare dello stato di Paraná. Oltre al fuoco esteso, c'erano almeno due esecuzioni nel luogo, diverse disperse e un numero sconosciuto di morti. ---- Lotta per l'alloggio nella regione - Recenti occupazioni urbane nella città industriale di Curitiba (CIC) ---- La regione colpita dal fuoco è un luogo di grande lotta per l'alloggio e la vita decente in città. In una zona della città industriale di Curitiba (CIC), il capoluogo del distretto del Paraná, quattro recenti occupazioni, che, sommati insieme, sono la patria di più di mille famiglie si trovano.
Le occupazioni di Nueva primavera (occupata nel 2012), 29 marzo (occupato nel 2015), Tiradentes (occupata nel 2015) e Doña Cida (occupata nel 2016) sono state organizzate dal Movimento popolare per l'alloggio (MPM) / Movimiento de los Lavoratori senza tetto Paraná (MTST).

Durante questi anni ci sono state diverse manifestazioni di strada, incontri con il potere pubblico, attività e saraus. Da allora, il municipio di Curitiba e la Società di Curitiba Popolare Housing (COHAB-CT) non hanno risposto alla all'altezza delle richieste del popolo.

In questo fatidico giorno, il 7 dicembre, una di queste comunità, il 29 marzo, è stata completamente devastata. Più di 300 famiglie hanno perso le loro case, animali domestici, mobili, cibo, vestiti e oggetti personali.

Tra queste famiglie, estendiamo grande solidarietà alle famiglie haitiane, che oltre a soffrire con la difficoltà di base della comunicazione a causa della loro lingua d'origine, hanno sofferto intensamente di razzismo e xenofobia in Brasile. Non è raro che queste persone, benché qualificate, possano entrare nel mercato del lavoro solo in lavori debilitanti, ricevendo salari di miseria, non avendo alloggi dignitosi e condizioni di vita adeguate.

Terrorismo di stato nella Comunità 29 marzo
I residenti dicono che un poliziotto militare è stato ucciso dalla regione e che la polizia ha diffidato del fatto che il responsabile sia un residente della comunità. Da quel sospetto, la Polizia Militare di Paraná dichiarò guerra a tutte le comunità circostanti, specialmente il 29 marzo.
Durante il giorno e la notte del 7 dicembre, la polizia militare, senza identificazione e con i volti coperti, ha ucciso e invaso le case del villaggio alla ricerca di informazioni sulla posizione del sospettato. I resoconti di molti residenti dicono che la polizia ha torturato, picchiato uomini, donne e bambini, usando borse, coltelli e armi. Inoltre, delle persone che sono morte, ci sono stati molti colpi sparati ai residenti.

Erano circa le dieci di sera che l'incendio era stato legato in alcune case della Comunità il 29 marzo. Poi il fuoco si diffuse e afferrò tutto. I Vigili del fuoco di Paraná hanno impiegato circa un'ora per raggiungere il sito e la Polizia Militare ha cercato di ostacolare la loro azione, cosicché le centinaia di case nella comunità sono state completamente distrutte.

Storie in: " O Orrore che una Polizia si fa a Curitiba "

Centinaia di famiglie hanno perso tutto ciò che avevano. Numerosi cani morirono carbonizzati. Molte persone sono scomparse. Eventuali altre morti saranno confermate.

Noi caratterizziamo il momento attuale della congiuntura, è uno "Stato di aggiustamento della polizia", segnato da un'aggressiva agenda contro il popolo, che mostra il lato più selvaggio del sistema capitalista. Le maschere e le mediazioni che hanno segnato il recente periodo della nostra storia sono cadute. Abbiamo sempre saputo, tuttavia, che dietro le apparizioni, gran parte della popolazione brasiliana vive sotto uno "stato di eccezione", coesistendo con la barbarie creata all'interno della farsa chiamata "Stato di diritto democratico".

Per i poveri, neri, abitanti delle periferie, il volto dello stato era sempre quello della brutalità. I diritti di base (salute, istruzione, impiego, servizi igienico-sanitari di base, alloggi) sono molto limitati, quando non sono completamente assenti. D'altra parte, la repressione poliziesca è molto presente nella vita quotidiana degli abitanti, che fin da molto tempo convivono con le forme istituzionalizzate di razzismo e la criminalizzazione della povertà, che costituiscono la base della formazione e dell'azione ideologica di la polizia brasiliana.

Nel caso degli attacchi subiti dalle famiglie della Comunità il 29 marzo e dalle altre occupazioni nella regione, questi elementi sono abbastanza chiari. Agli occhi della Polizia Militare, le persone che vivono nelle occupazioni sono un nemico da sterminare.

Le altre facce dello Stato, come il Comunale e esecutivo dello Stato e gli organismi incaricati di investigare questi casi, dimostrano di essere complici di "processi sommari" come questo, quando omesso. Così, lavoratori e lavoratori, giovani, bambini e anziani, sono condannati a morte come "criminali", senza alcun diritto di difesa.

Le rovine del mito della "città modello"
Fu negli anni '70 che un mito brasiliano iniziò che Curitiba sarebbe stata una "città modello", un esempio di urbanizzazione, mobilità e qualità della vita.
Questo mito è stato costruito sulla base non solo una grande pubblicità, ma anche nell'enorme esclusione dei poveri, che si stava "suonato" la più lontana dal centro e nelle regioni prive di servizi pubblici.

Questa farsa di una presunta "pianificazione democratica" non è un'esclusività della città di Curitiba, ma ha uno dei suoi simboli principali nella capitale del Paraná, ripetuta nei discorsi di funzionari governativi e burocrati.

Parallelamente alla diffusione di questa menzogna, la città conserva una storia di lotte e martiri dei movimenti sociali e delle associazioni di quartiere nella lotta per la terra, per una casa, per un alloggio dignitoso. Queste lotte si sono verificate e si verificano in tutte le regioni della città e hanno nelle occupazioni CIC uno dei loro più grandi esempi.

Apprensione, solidarietà e resistenza
Dopo l'incendio del 7 dicembre, la Polizia Militare, secondo la descrizione e le fotografie scattate dai residenti, è rimasta sul posto e ha sparato diverse armi letali con le loro armi letali. Gli abitanti della regione temono di più "tentativi di vendetta" e l'orrore di quella notte accadrà di nuovo.
Nonostante tutto, la lotta per l'alloggio e una vita dignitosa continua! Numerose comunità, movimenti sociali e altre organizzazioni hanno raccolto donazioni di vestiti, acqua, cibo, mobili e portato alla comunità. Gli abitanti e i residenti si alternano nell'organizzazione delle donazioni, nell'accoglienza delle persone e nella riorganizzazione della vita nella comunità, dando un grande esempio di resistenza e solidarietà. Quindi, le comunità si uniscono sempre di più.

Sappiamo che solo le persone organizzate sono in grado di avanzare nella lotta per condizioni di vita dignitose e per la costruzione di una società giusta, fraterna ed egualitaria. Un mondo in cui ognuno ha una casa e dove le minacce e la violenza dello Stato sono cose del passato remoto.

Né dimenticare né perdonare!
Tutta solidarietà alle famiglie!
Contro la criminalizzazione della povertà!
Fight! Crea potenza popolare!
Per la fine di tutta la polizia!
Casa dignitosa ora!
Link correlati:

Related Link: https://anarquismopr.org/2018/12/13/el-terrorismo-de-estado-en-curitiba-parana-brasil-07-12-2018/

https://www.anarkismo.net/article/31234
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it