A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL - Stati delle lotte n ° 2 (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 19 Dec 2018 06:31:12 +0200


Il discorso di Macron del 10 dicembre non ha estinto la mobilitazione e nemmeno ha messo il petrolio sul fuoco: non sta rilasciando le briciole che zittirà la rabbia. Mentre il movimento continua nelle università, la sfida ora è quella di raggiungere la convergenza con i sindacati e portare la sfida sul posto di lavoro. ---- 1. Briciole di briciole di Macron ---- Nel suo discorso del 10 dicembre, Macron ha parlato per cercare di calmare la mobilitazione. Le pubblicità sono ridicole. ---- Come abbiamo scritto nel nostro ultimo volantino federale ( qui ), per la maggior parte Macron compensa le sue concessioni con dispositivi grossolani: l'aumento degli smicard.es sarà pagato dalla tassa di tutti e non dai padroni! Egli continua ad attaccare la solidarietà dei benefici sociali, indebolendo i contributi e le tasse: queste false soluzioni, a breve termine che può sedurre (ore extra), continuano infatti a distruggere servizi pubblici che non saranno finanziati. L'unica rivendicazione soddisfatto corrisponde ad un soggetto sia portato dal movimento delle giacche gialle dopo essere stato oggetto di forti dell'unità unione mobilitazione (senza CFDT o UNSA) per un anno: questa cancellazione l'aumento del CSG per i pensionati che guadagnano meno di 2.000 euro. Eppure quel denaro rubato da questi retraité.es nel 2018 non è fatto, l'attuazione della misura sembra più casuale che i discorsi di Macron e non v'è alcun aumento complessivo delle pensioni ( quindi per i più piccoli, non soggetti al CSG, non c'è niente)!

Alcuni grandi capi decidono di pagare i bonus di fine anno: Total, Publicis, Iliad, Altice, LVMH ... Prova che i soldi, c'è. Ma questo premio di € 1.000 esentasse è ovviamente usato per estinguere la rabbia, come ha detto il capo del Medef, e non sono nulla per affrontare le difficoltà dei lavoratori di nutrirsi, alloggiare, muoversi, guarire. Inoltre, gli effetti dell'annuncio funzionano a pieno ritmo: in molte aziende esiste già un bonus di fine anno ; ciò che è pubblicizzato lì, è in aggiunta ? Invece ? È completamente sfocato.

2. I sindacati e Macron
Lunedì mattina, Macron ha ricevuto le sue parti sociali. Nella continuazione del loro comunicato unitario di giovedì 6 (vedi Stato delle lotte del 10 dicembre), CFDT, CGT, FO, CGC, CFTC, UNSA e FSU sono andati all'Eliseo.

Solidaires ha declinato l'invito dicendo che il suo ruolo non era quello di " discutere " ( vedi qui ).

Le dichiarazioni di ogni organizzazione dopo il discorso di Macron sono in una sequenza logica alle rispettive posizioni dall'inizio del movimento corrente, che si tratti del CFDT , del CGT , del FO , del CFE -CGC , CFTC , Unsa , FSU o Solidaires .

3. La preparazione dello sciopero del 14 dicembre
La CGT ha chiesto una giornata di scioperi e dimostrazioni il 14 dicembre. L'Union Syndicale Solidaires ha aderito all'appello. Anche CNT-SO. In alcune aree e in alcuni luoghi, la chiamata è più ampia, con chiamate anche da FO o FSU. Ma il numero di chiamate da colpire in aziende e servizi rimane piuttosto limitato.

Una questione centrale è l'incrocio con le giacche gialle per il 5 ° mobilitazione del Sabato il 15 dicembre. Se il giorno dello sciopero viene seguito, i sindacalisti della CGT o della FSU che lo desiderano avrebbero più peso per spingere il loro sindacato a chiamare le dimostrazioni del sabato di giubbotti gialli. Questo è già il caso di Solidaires per il 15 dicembre, come lo era per l'8.

Il successo di questa giornata è quindi cruciale per il resto del movimento sociale. A seconda del successo, potrebbe essere preso in considerazione un rinnovo degli scioperi lunedì 17 dicembre. Dobbiamo spingere per questa soluzione, ove possibile.

4. La crisi nella CGT
Il blog dei comunisti libertari della CGT fornisce informazioni sulla crisi aperta dalla firma del comunicato del 6 dicembre. Diversi sindacati dipartimentali (UD) e federazioni chiedono uno straordinario Comitato Confederale Nazionale (NCC) ; sembra improbabile che un terzo delle organizzazioni sarà raggiunto, come previsto negli Statuti confederali.

Inoltre, diverse unioni dipartimentali mostrano il loro sostegno per i giubbotti gialli e invitano a manifestare sabato 15.

5. Continua mobilitazione nei giovani
La protesta non si indebolisce nelle scuole superiori: martedì 11 dicembre, diverse centinaia di scuole superiori sono state ancora contrassegnate da azioni. Nelle strade, migliaia di studenti delle scuole superiori hanno marciato a Parigi, a Rennes o Marsiglia e centinaia in molte città.

Per quanto riguarda le università, il blocco del collegio di Nanterre è stato votato fino a giovedì ; stessa cosa a Rennes-2. A Parigi-1 (sito di Tolbiac) o alla Sorbona, gli edifici furono chiusi dall'amministrazione. A Poitiers, la facoltà di scienze sociali è bloccata.

6. Giubbotti gialli altrove
In Belgio, il movimento ha avuto luogo già dal 17 novembre. Questo movimento è vicino alle sue richieste: dalla rabbia contro l'aumento delle tasse sul gasolio, si è diffuso alla sfida delle misure di austerità messe in atto dal governo. La repressione è forte. Nei Paesi Bassi e in Bulgaria si sono verificati alcuni blocchi di giubbotti gialli. In Egitto, la vendita di giubbotti gialli è sotto sorveglianza o vietata. Per paura di una nuova rivolta sociale ? E fino all'Iraq, il giubbotto giallo serve da punto di raccolta per i manifestanti: qui.

7. Rispondere alle idee che si trasformano in giubbotti gialli
Il Patto di Marrakech è un patto delle Nazioni Unite preparato dal 2016, il cui vero nome è " Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration ". È stato adottato formalmente il 10 e 11 dicembre 2018. Si tratta di un patto non ambizioso e non vincolante per gli Stati. Il testo non contiene " diritto all'immigrazione opponibile" "Contrariamente a quanto sostengono gli estremisti di destra che si rivolgono ai social network. È necessario non solo ricordare che queste false informazioni furono propagate prima da Trump, poi riprese di nuovo dalla destra francese e dall'estrema destra. Dobbiamo anche ribadire che tutti i migranti sono benvenuti sul territorio francese, che una vita non vale più di un'altra e che i migranti sono vittime in Francia della persecuzione della polizia razzista e dello sfruttamento dei datori di lavoro.

Il Referendum Citizen Initiative, o RIC, esiste già in alcuni paesi, come la Svizzera, dove è chiamato " Iniziativa popolare " ". Un certo numero di cittadini con diritto di voto può presentare un testo al voto di tutti i cittadini aventi diritto al voto. Allo stato attuale, l'ICN sarebbe un progresso democratico. Tuttavia, non bisogna essere ingenui: non esiste un'autentica democrazia possibile nel sistema capitalista, perché l'interesse generale è perennemente subordinato agli interessi particolari delle frazioni più influenti del capitale. Un semplice esempio: se oggi, in Francia, lo Stato ha concesso un referendum sul futuro del nucleare, il dibattito pubblico è necessariamente distorto dalle lobby (FES, CEA, Areva, Bouygues, Eiffage ...) che metterebbe i loro mezzi giganteschi in equilibrio in modo che le persone " votassero bene ". Milioni di euro verrebbero iniettati in campagne di marketing con spot televisivi, radio e opinioni di esperti pagati per promuovere i meriti dell'energia atomica. Cosa avrebbero affrontato i partigiani e i sostenitori di un'uscita dal nucleare ?

La democrazia diretta sostenuta dai libertari è molto diversa:

in primo luogo, sarebbe nel contesto di un'economia socializzata, quindi libera da lobby industriali e finanziarie che paralizzano il dibattito pubblico ;

In secondo luogo, avrebbe un ambito molto più globale del RIC, poiché convaliderebbe direttamente i principali orientamenti che strutturano la società in termini di pianificazione spaziale, modello energetico, ecc.

E soprattutto, in che modo la questione del diritto al referendum risponde alle esigenze sociali urgenti e legittime del movimento dei giubbotti gialli ? Qual è la relazione tra il diritto al referendum e l'aumento del salario minimo, dei salari, delle pensioni e dei minimi sociali ? Qual è il rapporto con la necessità di prendere soldi dai datori di lavoro, dai ricchi che sfruttano la maggioranza della popolazione ?

Come parte del movimento in corso, questo argomento, riadattato da alcuni gruppi organizzati, ha il seguente effetto: 1. Dividere il movimento su un soggetto che non risponde all'emergenza sociale, la necessità di trasformare radicalmente la società . 2. Spostare le discussioni sulla polemica politica invece di concentrarsi sulle richieste concrete, eminentemente più favorevoli ai cambiamenti sostanziali dalle dinamiche che creano. Un buon riassunto può essere trovato qui . Etienne Chouard, il principale propagandista su Internet di questo RIC, troverà spiegazioni qui .

http://www.alternativelibertaire.org/?Etats-des-luttes-no2
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it