A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #287 - Clima: quando la mobilitazione prende tutti di sorpresa (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 17 Oct 2018 08:20:08 +0300


Circa 150.000 persone in Francia, in più di 100 città. La mobilitazione dell'8 settembre è la più grande mai conosciuta in Francia sulle questioni climatiche. Qual'è l'origine di questa mobilitazione ? Che forma ha preso ? Quali possibili conseguenze per questo pesa davvero sulle politiche del governo ? ---- La mobilitazione che alcuni speravano alla COP21, alla fine di novembre 2015, si è quindi svolta l'8 settembre 2018. Il Climate marzo 2015, organizzato dalla Coalition Climate 21, è stato bandito a seguito degli attacchi del 13 novembre: invece c'erano state " catene umane " e 317 guardie di polizia per coloro che avevano osato girare la piazza della Repubblica e non disperdersi all'annuncio di un ordine che nessuno aveva sentito . ---- la scintilla ---- Il 28 agosto, Nicolas Hulot si è dimesso da Ministro dell'Ecologia e della Transizione. Prendendo di sorpresa tutti, ha denunciato la sua incapacità di far accadere le cose. Non è stato il governo o i precedenti a incriminare, ma da un lato le lobby delle industrie produttive ed energetiche, e dall'altro la mancanza di mobilitazione della società. Quindi, ha invitato tutti a interrogarsi personalmente, nel contesto dello stupore della nostra società di fronte ai cambiamenti climatici e alla caduta della biodiversità.

Venendo dopo un'altra estate in cui il riscaldamento globale ha dato segnali molto concreti della sua realtà (ondate di calore, incendi, inondazioni, scioglimento delle calotte di ghiaccio ...), questo annuncio ha provocato una forte emozione. Quando Maxime Lelong, 27, un giornalista senza particolari attività militante, ha iniziato un evento di Facebook chiamato " Marcia per il Clima " infatuazione è stato immediato: in due giorni, 20.000 persone avevano già segnalato il loro interesse. L'annuncio delle sue dimissioni da parte di Nicolas Hulot è stato una scintilla.

A questo proposito, è interessante notare che erano passati mesi da quando le ONG avevano lavorato per rendere l'8 settembre la " Giornata mondiale per l'azione locale per il clima ". Si trattava di organizzare una pressione internazionale su GCAS, il Summit sul clima che si sarebbe svolto la settimana seguente in California. Se, visto dalla Francia, questa data non aveva senso, erano già programmate una trentina di azioni, e una manifestazione sulla Place de l'Hotel-de-Ville era stata dichiarata alla prefettura, annunciando la presenza di circa 500 persone.

Una passeggiata " I'm Charlie " per il clima
Ma con la scintilla scatenata dalle dimissioni di Nicolas Hulot, la mobilitazione ha cambiato scala e ha sorpreso tutti. Le organizzazioni impegnate nella Giornata mondiale del clima, tuttavia, mettono rapidamente le loro infrastrutture al servizio del movimento in crescita. Pertanto, l'ONG 350.org ha proposto molteplici risorse online (modelli di manifesti e volantini che rivendicano il rilascio di combustibili fossili, video da trasmettere sui social network per promuovere la mobilitazione, numerosi strumenti di coordinamento, ecc.). e supporto per coloro che desiderano organizzare un'azione locale (allocazione del budget per stampare volantini e banner, formazione collettiva per organizzatori e collettivi, ecc.). Tuttavia, fino alla mattina dell'8 settembre,

Sabato 8 settembre, decine di migliaia di persone sono scese in strada per le quali questa modalità di azione è ben lungi dall'essere un'abitudine. Abbiamo visto tutte le età, giovani e vecchi. Poche classi razzializzate, poche popolari. Una folla abbastanza simile a quella che è scesa in strada l'11 gennaio 2015 per la passeggiata " I am Charlie ".

" Ferma l'industria dei fossili "
Queste due marce hanno più di un punto in comune. Arrivano dopo una scintilla, un evento specifico che ha segnato gli spiriti e ha causato la necessità di scendere per la strada. Raggruppano attorno a uno slogan generico " I am Charlie " / " Marcia per il clima ", ma non difendono uno specifico progetto politico. Sono dell'ordine di indignazione, denuncia, ras-le-bol, " è abbastanza ".

C'erano poche bandiere nelle processioni. Pochi slogan, quasi nessun reclamo, raccomandazioni. Sui singoli cartelli, si potrebbe leggere " Pianeta in pericolo ", " Non c'è pianeta B ", " Meno plastica, più bio ", e persino " Grazie Nicolas Hulot per aver provato " o " Sono più caldo e più caldo, e tu ? ". Dalla parte delle ONG, Attac e Alternatiba portavano lo slogan " Cambiamo il sistema, non il clima ", mentre 350.org aveva preparato a Parigi un enorme striscione " Per la giustizia, fermare l'industria dei fossili ". I nostri collettivi locali di AL sono stati presenti in numerosi comizi e in tutta la Francia erano presenti lotte collettive (contro Europacity, a sostegno di Notre-Dame-des-Landes, contro il centro di Gardanne, contro il gas di scisto ... ). Tuttavia, la folla era composta in gran parte da gente non organizzata, che di certo prometteva di non aspettare che il cambiamento arrivasse dall'alto, ma la cui buona risoluzione troppo spesso sembrava essere "fare la pipì sotto la doccia " .

La buona notizia è che una parte considerevole della popolazione è molto preoccupata per i cambiamenti climatici ed è pronta a cambiare il suo comportamento, iniziando andando giù per la strada di sabato quando non è il suo posto. abitudine.

D'altra parte, la domanda che ci appanna è se questa preoccupazione possa aiutare a cambiare la realtà in termini di organizzazione efficace della lotta. Questo è il modo in cui possiamo e dobbiamo agire in almeno due direzioni. Da un lato, ci impegniamo attivamente nelle comunità locali di lotta, specialmente quelle che sono radicalmente radicali in termini di ambizione per la trasformazione sociale, pur non essendo immuni dal recupero e dall'integrazione. dal sistema capitalista. D'altro canto, agite soprattutto nei nostri sindacati in modo che la questione ambientale sia, in modo permanente e non negoziabile, presa in considerazione nelle nostre strategie e richieste, e che non possiamo più dire che la difesa dell'occupazione è fatta a spese di problemi ecologici.

Adeline (AL Parigi Nord Est)

Le prossime date delle lotte ambientali
29 e 30 settembre: fine settimana di sostegno allo ZAD Notre-Dame-des-Landes
Sabato 6 ottobre: camminare contro i pesticidi
6 e 7 ottobre: arrivo del tour di Alternatiba (in corso dallo scorso giugno) a Bayonne
Lunedì 8 ottobre: pubblicazione del nuovo rapporto dell'IPCC (Comitato intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici)
Sabato 13 ottobre, in 27 città in Francia: passeggiata mensile per il clima
25-29 ottobre: movimento Ende Gelände: blocco della miniera di carbone e protezione della foresta di Hambach in Germania
3 - 14 dicembre: COP 24 in Polonia

http://www.alternativelibertaire.org/?Climat-Quand-la-mobilisation-prend-tout-le-monde-par-surprise
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it