A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) FAI, #363 - Sfruttamento del lavoro in Bangladesh (ca) [traduzione automatica]

Date Fri, 12 Oct 2018 09:09:13 +0300


Sono trascorsi cinque anni da quando Sabitri Das, un lavoratore tessile di 19 anni, ha iniziato a lavorare nel settore dell'abbigliamento. La sua vita lavorativa iniziò molto prima, quando lavorava come pedina con i suoi genitori. Portare la sabbia in un cesto da una barca a un posto vicino era il suo lavoro. Dovette salire una stretta scala e poi abbassarla con un cesto di sabbia. È fisicamente impossibile trasportare più di 150 cestini al giorno, specialmente sotto il caldo torrido. E sì, il prezzo di un lavoro fisico così pesante era di 1 taka (circa 1 centesimo di euro) per ogni cesto di sabbia.
Sabitri è andato in città sperando in un lavoro migliore, una paga migliore e un modo migliore per aiutare la sua famiglia. E ora si alza presto la mattina, inizia a lavorare alle 7 del mattino, considerando che la sua casa è a 10 minuti a piedi dalla fermata dell'autobus. La tariffa del bus è di 5 takas fino alla fermata, ovvero 300 takas al mese. Ci sono giorni in cui, invece di prendere l'autobus, camminare per 50 minuti per salvare. Non si prende nemmeno il fine settimana; lavora 70 ore straordinarie al mese. Quasi ogni giorno è al lavoro fino alle 10 di sera. Tutto ciò che funziona, tutto quello stress, fatica ... per guadagnare 7.700 takas al mese, che raggiungono un massimo di 10.000 incluso lo straordinario. Tutta la tua famiglia, madre e due fratellini,
Dov'è il tempo libero per questa ragazza di 19 anni? Un po 'di riposo, un po' di tempo per coltivare lo spirito sono cose che non puoi permetterti. Le vite degli operai, molti dei quali giovani come Sabitri, sono abbastanza simili per tutti loro. Invece di essere nelle scuole, stanno bruciando la loro esistenza giorno dopo giorno, lavorando per preservare la vita, per mantenere in vita le loro famiglie.
Il Consiglio per il salario minimo in Bangladesh ha approvato per assicurare il salario agli operai della confezione. Il governo non ha rivisto il salario minimo per i lavoratori dell'industria dell'abbigliamento dal 1994 al 2006. È stato congelato per dodici anni a 930 takas al mese. Sono stati costretti a cambiare la sceneggiatura solo quando i lavoratori del settore sono partiti in massa per la strada nel 2006 per chiedere un aumento di stipendio. Nel 2010 e nel 2013 il salario minimo è aumentato, ma l'aumento promesso è un salario di povertà. L'attuale revisione del salario minimo sembra seguire la stessa traiettoria storica. Il rappresentante dei proprietari delle fabbriche di abbigliamento nel Consiglio per il salario minimo ha recentemente proposto un aumento di 1. 060 takas sopra il salario minimo attuale di 5.300, dislocate su cinque anni. Secondo il presidente dei datori di lavoro (Bangladesh Garment produttori ed esportatori Associazione BGMEA) hanno proposto 6.360 dopo aver considerato l'inflazione, l'aumento dei costi e l'attività concorrenza nel settore nei mercati globali. La proposta di 6360 taka importo minimo stipendio composto compenso basato 3.600, più basato compenso il 40 per cento come affitto casa, Tk 300 per l'assicurazione, 240 e 780 per lo spostamento di assegno alimentare. 360 dopo aver considerato l'inflazione, l'aumento dei costi di attività e la concorrenza del settore nei mercati globali. La quantità proposta di 6.360 takas come stipendio minimo includeva il salario base di 3.600, più lo stipendio base del 40 percento per l'affitto della casa, 300 takas per l'assicurazione medica, 240 per lo spostamento e 780 per l'assegno alimentare. 360 dopo aver considerato l'inflazione, l'aumento dei costi di attività e la concorrenza del settore nei mercati globali. La quantità proposta di 6.360 takas come stipendio minimo includeva il salario base di 3.600, più lo stipendio base del 40 percento per l'affitto della casa, 300 takas per l'assicurazione medica, 240 per lo spostamento e 780 per l'assegno alimentare.
organizzazioni per i diritti dei lavoratori hanno immediatamente respinto la proposta sulla base del fatto che nessuna promessa anche pagare i lavoratori della povertà. Dal momento che l'ultimo aumento di stipendio nel 2013, il paese ha registrato un forte aumento del prezzo dei beni di prima necessità, il prezzo per l'utilizzo di servizi pubblici è aumentato più volte, aumentando così il costo della vita per i lavoratori . I lavoratori hanno accusato il BGMEA dover negoziati inseriti per distogliere l'attenzione da parte degli acquirenti e sindacati sui problemi salariali dei lavoratori e che la loro vera intenzione non è quella di migliorare gli standard di vita dei propri dipendenti. la credibilità del Consiglio dei salari è stata messa in discussione da quando è stata fondata nel novembre 2017, quando il Ministero del Lavoro ha nominato un leader del settore un altro lavoro senza esperienza nel campo dell'abbigliamento, come rappresentante dei lavoratori. In sostanza, il Consiglio manca di una vera rappresentanza dei lavoratori nel settore. Il rapporto dell'Istituto di Studi del lavoro Bangladés consegue che i calcoli si riferiscono salario minimo più per una questione di negoziazione tra le varie parti interessate che un'analisi economica efficace. Quello che viene proposto come salario minimo, come suggerito dalle organizzazioni per i diritti dei lavoratori, è il salario di povertà. quando il Ministero del lavoro nominò un leader di un altro settore del lavoro, senza esperienza nel settore dell'abbigliamento, come rappresentante dei lavoratori. In sostanza, il Consiglio manca di una vera rappresentanza dei lavoratori nel settore. Dalla relazione dell'Istituto di studi sul lavoro del Bangladesh si ricava che i calcoli del salario minimo si riferiscono più a una questione di negoziazione tra i diversi soggetti che a un'analisi economica efficiente. Quello che viene proposto come salario minimo, come suggerito dalle organizzazioni per i diritti dei lavoratori, è il salario di povertà. quando il Ministero del lavoro nominò un leader di un altro settore del lavoro, senza esperienza nel settore dell'abbigliamento, come rappresentante dei lavoratori. In sostanza, il Consiglio manca di una vera rappresentanza dei lavoratori nel settore. Dalla relazione dell'Istituto di studi sul lavoro del Bangladesh si ricava che i calcoli del salario minimo si riferiscono più a una questione di negoziazione tra i diversi soggetti che a un'analisi economica efficiente. Quello che viene proposto come salario minimo, come suggerito dalle organizzazioni per i diritti dei lavoratori, è il salario di povertà. il Consiglio manca di una vera rappresentanza dei lavoratori nel settore. Il rapporto dell'Istituto di Studi del lavoro Bangladés consegue che i calcoli si riferiscono salario minimo più per una questione di negoziazione tra le varie parti interessate che un'analisi economica efficace. Quello che viene proposto come salario minimo, come suggerito dalle organizzazioni per i diritti dei lavoratori, è il salario di povertà. il Consiglio manca di una vera rappresentanza dei lavoratori nel settore. Dalla relazione dell'Istituto di studi sul lavoro del Bangladesh si ricava che i calcoli del salario minimo si riferiscono più a una questione di negoziazione tra i diversi soggetti che a un'analisi economica efficiente. Quello che viene proposto come salario minimo, come suggerito dalle organizzazioni per i diritti dei lavoratori, è il salario di povertà.
I giovani lavoratori del settore tessile sono scesi in piazza dalla formazione del Consiglio per chiedere uno stipendio di sussistenza. Come altre proteste nel paese, anche loro erano vittime della macchina repressiva dello Stato. Come parte del movimento salario minimo in via di sviluppo per i lavoratori tessili, Bangladesh Garment Workers Solidarity ha pubblicato la ricerca dal titolo "Come sopravvivere i lavoratori?", Che rivela la situazione socio-economica dei lavoratori e delle loro difficoltà economiche. La ricerca è stata condotta con 200 lavoratori nel settore dell'abbigliamento provenienti da sei diverse aree. I risultati sono piuttosto scioccanti, soprattutto perché la nazione è orgogliosa del settore dell'abbigliamento,
Secondo i risultati della ricerca, che è stata condotta utilizzando metodi sia qualitativi che quantitativi, l'87% degli attuali lavoratori dell'abbigliamento ha meno di trent'anni e solo 13 di quell'età. Raramente sono i lavoratori oltre i quaranta in quel settore. Ogni lavoratore ha una media di quattro membri della famiglia che risiedono con lui nell'area di lavoro. Di solito hanno altri parenti che vivono nelle case della città e molti di loro dipendono dal lavoratore per il loro sostentamento. È una grande responsabilità, che sicuramente non può essere gestita da questi lavoratori con una retribuzione così bassa.
Quindi, quanto guadagnano? Un lavoratore guadagna circa 6.055 takas al mese, 1.955 per gli straordinari e un supplemento di puntualità di 235 takas. Il 23 percento del loro reddito è destinato alle spese per l'alloggio, 28 per il cibo, 17 per inviare denaro a parenti che vivono lontano, 8 per trattamenti; Queste sono le spese principali. Il 12% dei lavoratori ritiene che i prezzi siano troppo alti per il loro stipendio, 49 pensa che lo squilibrio sia molto alto e 39 pensa che il loro stipendio non sia adeguato ma che possa essere gestito. Nessuno di loro pensa di essere sufficientemente pagato per condurre uno stile di vita sano e dignitoso.
Secondo lo studio, il 92 per cento dei lavoratori deve prendere in prestito denaro quando le spese sono superiori il vostro stipendio, ma la cosa più sgradevole è che il 68 per cento dei lavoratori ha tagliato gli acquisti di cibo ogni volta che hai bisogno di soldi. Un lavoratore spende circa 1.110 takas al mese per il cibo. Secondo uno studio dell'Istituto di Nutrizione e Scienze degli Alimenti presso l'Università di Dhaka, un lavoratore ha bisogno di consumare 2.800 calorie al giorno per la quantità di lavoro svolto. Secondo il prezzo di mercato per i lavoratori procurarsi il cibo per produrre il maggior numero di calorie costerebbe 109 taka al giorno, o di 3.270 al mese.

Ora si devono porre domande sul perché un'industria enorme come l'abbigliamento, che sta guadagnando la parte del leone delle entrate del Bangladesh, non possa offrire una vita più umana ai suoi lavoratori. Se questo è impossibile o se lo ignorano consapevolmente. Le statistiche dicono che se i proprietari mantenessero i profitti un po 'meno per loro e li distribuissero tra i lavoratori, potrebbero migliorare drasticamente la loro vita. Negli ultimi cinque anni, i profitti medi delle esportazioni del settore dell'abbigliamento sono stati 231.290 miliardi di takas. E sebbene il reddito aumenti ogni anno, il numero di lavoratori è lo stesso, cioè 40 milioni. L'industria spende solo circa 39.360 milioni di takas sui lavoratori. La ricerca afferma che i proprietari guadagnano tra l'8 e il 10 percento del profitto industriale ogni anno. Se ai proprietari venisse lasciata solo la metà dei benefici che stanno attualmente producendo, potrebbero aumentare i profitti dei lavoratori del 21%. Questo aumento del salario mensile potrebbe fornire ai lavoratori una paga di sussistenza.
In dozzine di raduni e incontri pubblici, i lavoratori hanno sollevato interrogativi sulla vita lussuosa dei proprietari di fabbriche mentre vivono in pura e semplice sofferenza. "Mentre voi (i proprietari delle fabbriche) mangiate la coscia del pollo, masticiamo le gambe, le unghie." Come diceva Marx, il lavoro produce opere bellissime, consente ai ricchi di acquisire opere bellissime, guadagnare profitti e così via. E i lavoratori? Cosce di pollo e cartilagini. Per provocare cambiamenti radicali nella società, non c'è alternativa al movimento anarcosindacalista.

Un membro della BASF
(Anarcho-Syndicalist Federation of Bangladesh)

https://www.nodo50.org/tierraylibertad/363articulo4.html
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it