A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) sicilia libertaria: La Maschera Sovranista

Date Thu, 11 Oct 2018 09:14:06 +0300


Sovrano chi? La questione della sovranità, cioè di chi decide in ultima istanza, è stata risolta nelle democrazie rappresentative con una finzione giuridica: il popolo è sovrano. Questa finzione ha retto fino a quando non sono intervenuti l'apice dell'integrazione economica mondiale (globalizzazione) e l'esasperata finanziarizzazione dell'economia che hanno spostato gran parte delle decisioni dal piano nazionale a quello sovranazionale - Fondo monetario, Banca Mondiale, multinazionali, imperialismi più o meno riconosciuti. Questo fenomeno si è inserito in un processo piuttosto mosso di rivalsa del capitale e dei profitti, dopo la parentesi delle esperienze socialdemocratiche keynesiane, e della perentoria ascesa di nuove potenze economiche che hanno prodotto grandi squilibri: guerre, terrorismi, disoccupazione, precarietà, povertà, ripresa consistente delle migrazioni.

Parte dei paesi europei ha creduto di poter fronteggiare la nuova situazione e ritagliarsi un ruolo nella competizione mondiale dando vita ad un organismo unitario sovranazionale: l'Unione europea. Ma può il neoliberismo globale continuare a tenere intere fette di popolazione sotto il ricatto della crisi e del debito o intere nazioni sotto il ricatto del terrorismo e della guerra? Negli ultimi anni l'affermarsi di governi, gruppi politici e tendenze che fanno leva sul ripristino delle prerogative nazionali - attraverso una presunta difesa delle loro popolazioni - denuncia una falla nel sistema globale e sembra segnare una svolta che, tuttavia, è piena di incognite. La ripresa di un protezionismo economico di convenienza e l'esasperazione nazionalistica riecheggiano sinistramente vigilie di conflitti diffusi e guerre mondiali. Sovranismo e populismo ammorbano il dibattito pubblico.

L'Italia si trova investita in pieno, con l'ascesa del governo a guida Lega-Cinquestelle, da questo nuovo clima. Ma sovranismo è un termine facile per dividere un campo ideologico e propagandistico privo di veri sbocchi. Da una parte è schierato il governo populista, come oramai si nomina, fautore di una politica nazionale che vorrebbe combattere le storture attuali - precarietà, disoccupazione, sudditanza ai vincoli di bilancio - ma con gli stessi strumenti messi a punto dalle economie di mercato, con lo stesso orizzonte culturale e ideologico - l'impresa, la concorrenza, la meritocrazia. Il binomio sovranismo-populismo rappresenta evidentemente una falsa soluzione dal momento che non intende modificare rapporti di forza e relazioni sociali. Ma Lega e Cinquestelle si autoproclamano i veri interpreti della volontà popolare e si sono incoronati sovrani. Dall'altra si schiera l'opposizione governativa che ha il massimo interprete nel Partito democratico che continua a rivendicare la politica di austerità, controllo dei conti pubblici, portata avanti coi governi a loro guida e responsabile dei disastri attuali. Curioso notare come per il partito erede del defunto partito comunista l'internazionalismo dei lavoratori sia da condannare e stigmatizzare quale arnese di un passato remoto, mentre si esalta e si assume addirittura come dogma l'internazionalismo delle merci e del capitale, ritenuto imprescindibile nel mondo di oggi. Il nazionalismo viene criticato non in quanto portatore di una visione razzista e autoritaria, ma in quanto limiterebbe il potere del capitale transnazionale.

Nazionalismo o europeismo, sovranismo o unionismo, populismo o democrazia (rappresentativa) hanno tutti la medesima faccia feroce del capitale, della competizione, dell'arroganza del potere. Rappresentano un presente di guerre, disparità e disuguaglianze; corrono su un crinale rischioso il cui punto finale potrebbe essere un nuovo conflitto generalizzato. Tuttavia la crepa aperta nel cuore del sistema neoliberista per cui governi e politici tornano ad appellarsi al popolo per recuperare credibilità è un punto che va compreso e attaccato. Qui sta la sfida. Ma occorre abbandonare l'armamentario della politica istituzionale e inventare altre forme di partecipazione che trasformino una finzione giuridica in una concreta realtà: il popolo sovrano.

Angelo Barberi

http://www.sicilialibertaria.it/2018/10/05/la-maschera-sovranista/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it