A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #286 - Leggi: Birh, "La prima età del capitalismo (1415-1763)" (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Wed, 10 Oct 2018 09:37:24 +0300


Dopo dodici anni di ricerche, Alain Bihr pubblica L'Expansion européenne , il primo volume di una trilogia sullo sviluppo del capitalismo. ---- Come è possibile il capitalismo ? Questa domanda non è retorica. Il capitalismo è definito da un processo di accumulazione del capitale che richiede due condizioni: da un lato, ci deve essere una massa di proletari poveri - anche poveri, a seconda dei casi - che non hanno altra scelta che vendere la loro forza lavoro . D'altra parte, deve esserci una minoranza con il capitale economico garantito da un potere coercitivo (uno stato) che consente a questi proletari di lavorare. Il problema posto da Marx è che costituisce un circolo logico: per accumulare capitale, bisogna averne già un po '... Come si è verificata questa " accumulazione primitiva di capitale" ancor prima del capitalismo?

La grande innovazione di Marx fu di dimostrare che si trattava di una violenta estorsione e non di un pacifico accumulo da semplici accaparratori. Prima era necessario impoverire le masse per arricchire i capitalisti. Le diverse fasi di questo processo sono note: i recinti (l'espropriazione dei contadini dalle loro terre, poi l'esodo rurale che trasforma gli ex contadini dalle campagne in proletari delle città) ; le varie leggi che confermano la scomparsa dei " beni comuni " (il giovane Marx, allora giornalista, aveva studiato una legge che vieta la raccolta del legno) ; l'aspetto dei manufatti (e la loro rottura con le vecchie collaborazioni nel lavoro) ; il dominio del modo di produzione capitalistico industriale a livello europeo e poi mondiale.

Conquista ed espropriazione
Il libro di Alain Bihr, che risale alla storia di questa " accumulazione primitiva ", mostra come lo sviluppo dell'industria abbia richiesto, in anticipo, la sottomissione di parte del mondo ai grandi stati europei. L'economia capitalista e lo sviluppo dello stato nazionale andarono di pari passo e furono imposti al mondo.

Come ? Questa è la domanda a cui il libro cerca di rispondere, analizzando tutte le forme che questa espansione ha preso, dal meno brutale (commercio) a quello più violento (colonizzazione). Che resistenza hanno avuto le altre compagnie ? Per capire questo, si deve considerare come " l'attacco è avvenuto" (sviluppo di porti e commercio marittimo, gli eserciti nazionali, ecc), ma anche le condizioni sociali della " difesa " delle imprese. Lavoro di grandezza abissale.

Nella capitale Preistoria (2006), Alain Bihr esaminare le condizioni della formazione dello scoppio dei rapporti capitalistici di produzione all'interno di feudalesimo. Ha concluso che " il feudalesimo come è stato formato in Europa alla fine del primo millennio e nell'arcipelago giapponese nella prima metà del secondo millennio, è più favorevole al limite solo favorevole, alla formazione di questo rapporto di produzione " . Ma il solo feudalesimo non era una condizione sufficiente. Ha anche preso " globalizzazione ". Non era quella che immaginava un'estensione naturale degli scambi tra gli esseri umani sulla Terra e la condizione di una pace perpetua tra gli Stati, ma la globalizzazione violenta della conquista e dell'esproprio, quella che era nutrita dal sangue e le lacrime, nel fango delle battaglie.

Bernard Gougeon (South-Educ 81)

Alain Bihr, La prima età del capitalismo (1415-1763). Volume 1: The European Expansion , Syllepse / Pagina 2, 2018, 700 pagine, 30 euro.

http://www.alternativelibertaire.org/?Le-Premier-Age-du-capitalisme-1415-1763
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it