A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) alas barricadas: Mutuo aiuto soccorso: la risposta anarchica alle devastazioni di un uragano e l'indolenza dello stato in Porto Rico (ca) [traduzione automatica]

Date Wed, 3 Oct 2018 09:08:57 +0300


Nell'agosto 2018, quasi un anno dopo che l'uragano Maria aveva distrutto la rete elettrica di Porto Rico e lasciato i suoi 3,4 milioni di abitanti nell'oscurità, i portavoce del governo dell'isola hanno annunciato un evento memorabile: le luci erano accese indietro. La compagnia elettrica statale ha persino twittato la foto di una famiglia sorridente che sosteneva di essere l'ultima a ricevere energia. ---- Ma Cristina Nieves, attivista della città di Mariana, non ha festeggiato. Lei e la sua piccola comunità montana situata vicino alla costa sud-est avevano già recuperato elettricità da soli. Stanco di aspettare le incerte riparazioni del governo, ha lavorato con un gruppo di organizzatori anarchici del continente per installare una piccola rete di energia solare, un gruppo di oltre una dozzina di altri atti simili che operano in tutto il paese. Quando arrivarono gli elettricisti, Mariana era già avanti di due mesi.

Il movimento che si è sviluppato a seguito del secondo più grande blackout nella storia del mondo ci permette di osservare lo scenario civico e politico di un luogo in cui le istituzioni governative, immerse nella bancarotta e corrose da varie inefficienze, hanno fallito in modo devastante. Ci sono anche prove di una dura realtà che dura un anno dopo quell'uragano: molti portoricani sono ancora, in qualche modo, a proprio rischio. Per otto mesi dopo la tempesta, i residenti di Mariana vivevano senza elettricità stabile, refrigerazione o condizioni di lavanderia. "Le persone erano al limite, psicologicamente e fisicamente", dice Nieves.

28 settembre 2017, centro di San Juan al buio. Ogni edificio con la luce è stato ottenuto da un generatore, poiché il servizio elettrico pubblico non ha funzionato in tutta l'isola.
Lei e il suo partner hanno promosso il progetto di sostegno reciproco, per coordinare le attività di pulizia, preparare i pasti e verificare come gli edifici erano dopo la tempesta. L'iniziativa ha attirato l'attenzione di un gruppo del continente chiamato Mutuo soccorsoMADR (Mutual Assistance in Catastrophes), i cui membri fondatori hanno ricevuto assistenza a New Orleans dopo l'uragano Katrina. Per Jimmy Dunson, cofondatore della MADR, gli sforzi di Nieves risuonarono con l'organizzazione anarchica del suo stesso gruppo, un rivoluzionario con più orientamento verso il costruttivo che verso la protesta. I volontari della MADR erano già in Florida, dando assistenza dopo l'uragano Irma, quando le loro famiglie e amici avevano avvertito della grave situazione a Puerto Rico. Hanno raccolto fondi dalle proprie risorse e richiesto donazioni per acquistare depuratori d'acqua, attrezzature per l'energia solare e biglietti aerei per l'isola.

"È stato piuttosto sorprendente quando sono apparsi nella nostra città e continuano a tornare", dice Nieves. Le due organizzazioni hanno distribuito acqua e cibo, fornito assistenza sanitaria di base e avviato un progetto cruciale: l'installazione di una micro rete solare a Mariana, un sistema elettrico autosufficiente appartenente alla comunità e da esso amministrato.

Lavorando con i costruttori civili locali, gli elettricisti e persino i vigili del fuoco, volontari e volontari hanno superato la mancanza di porti senza lavoro e la distruzione delle strade per portare un pannello solare, una batteria e un serbatoio di stoccaggio al sito. proteggere la squadra dalle tempeste future. Il costo totale era di $ 60.000, raccolti tramite donazioni. La rete elettrica fornisce energia a una scuola abbandonata trasformata in cucina, lavanderia e ufficio in comune, dove i residenti possono caricare i loro dispositivi elettronici e strumenti. Il sistema non raggiunge le singole case, ma il suo design modulare può essere ampliato o trasportato dove c'è maggiore necessità.

Venti miglia a nord-ovest, i volontari hanno creato un sistema più piccolo a Caguas, una città situata nel cuore dell'isola. Nonostante i tentativi di blocco della polizia, i residenti locali hanno occupato un edificio, trasformato nel Centro di supporto reciproco. "Ci sono più di una dozzina di centri di sostegno reciproco in vari luoghi di Puerto Rico", dice Dunson, "e se aumenteremo le risorse, lavoreremo con ciascuno di loro per installare sistemi fotovoltaici simili".

Anche se a Mariana c'è stato poco proselitismo, nell'aria si sentono idee radicali. "Abbiamo parlato di autonomia", dice Nieves, "e abbiamo parlato di auto-organizzazione". Usa il termine autogestione, che gli anarchici hanno difeso dai tempi di Pierre-Joseph Proudhon, il filosofo francese del XIX secolo, per dichiararsi anarchico. Il movimento è sostenuto dalle autorità? "Questa domanda presuppone che il governo locale e la polizia siano coinvolti e attivi", dice Nieves ridendo.

Altrove sull'isola, l'azione dello Stato era chiara. Dunson descrive un incidente nell'ottobre del 2017: arrivando in vari veicoli, compresa un'auto blindata, la polizia ha condotto un colpo notturno in una chiesa che MADR stava usando come base operativa a Guaynabo, un comune a ovest di San Juan. Secondo Dunson, la polizia ha detto che stavano rispondendo a una "denuncia di sequestro di persona" e hanno interrogato i volontari sotto il mirino, chiedendo se stavano montando bombe, coinvolte nel movimento antifa[attivismo contro l'estrema destra in Nord America]o propiziare il rovesciamento del governo degli Stati Uniti. Dopo aver registrato le loro cose senza consenso, dice Dunson, la polizia ha espulso il gruppo dalla chiesa,

Sebbene Dunson riconosca che le autorità talvolta hanno assistito i membri della MADR fornendo cibo, acqua e altre risorse per i suoi volontari da distribuire, egli sostiene che il governo non è attrezzato per fornire assistenza in caso di catastrofi. La rete elettrica dello stato, per esempio, ha finito per cadere in un grande degrado che, anche dopo il passaggio dell'uragano, ci sono state almeno due importanti interruzioni di corrente dopo le riparazioni che sembravano più rattoppate.

Recupero di aiuti di mutuo soccorso installa pannelli solari a Mariana
"Il governo ha accesso a una grande quantità di denaro e forniture", dice, "ma anche se tutti nella struttura statale avessero le migliori intenzioni, a causa della loro natura gerarchica, non avrebbero la fluidità e la flessibilità che iniziative la cui natura è più basilare ". Dunston cita accuse di forniture in decomposizione presso gli uffici governativi e accuse che sia le agenzie insulari che le autorità federali statunitensi hanno accumulato materiali da costruzione assolutamente necessari per la popolazione.

Credi o no cosa dicono gli anarchici, inevitabilmente un altro uragano servirà per testare ciò che dicono.

http://alasbarricadas.org/noticias/node/40756
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it