A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Rafforzare l'organizzazione popolare per approfondire la lotta - La lettera di opinione della Federazione anarchica uruguaiana - fAu per il mese di settembre 2018. (en, ca) [traduzione automatica]

Date Tue, 2 Oct 2018 09:00:11 +0300


SUGGERIMENTI PER IL SALDO ---- Due chiari esempi di come i datori di lavoro incontrano: uno, i licenziamenti in Saman, sostenendo che la produzione è diminuita, la chiusura di una collezione di piante a Rio Branco, quando c'era ancora lavoro e la produzione è riorganizzata in un'altra posizione e Growers Association di riso sorgerà dal tavolo negoziale dei consigli salariali, dopo aver proposto un aumento salariale dello 0%. Due, il forte sbarramento del patron di Conaprole per distruggere le conquiste sindacali denunciate come "privilegi" dai datori di lavoro. Questi due esempi parlano chiaramente delle pretese dei datori di lavoro: riduzioni salariali, sindacati inesistenti o deboli, lavori a cottimo e senza limiti di tempo, ecc. Ritorna alle condizioni di lavoro del diciannovesimo secolo, se potessero,
Per ora qui premono e giocano a pensare alla campagna elettorale. Ma stanno ottenendo risultati concreti: questa offensiva di classe non è frenata dal governo; solo un tiepido dibattito ma che non pone misure concrete per toccare gli interessi del datore di lavoro. Né è possibile fermare il movimento popolare, al di là di casi concreti e lotte che si verificano, oggi non c'è abbastanza forza e mobilitazione per fermare le forti organizzazioni popolari contro l'assalto di questi boss. Per alcuni attori, anche la campagna elettorale pesa.

Ciò che è in gioco è l'elaborazione della regolazione. Per l'uruguaiano, ma di un aggiustamento alla fine, che si svolgerà sicuramente dopo le elezioni e che avrà un impatto importante sulle classi popolari entro il 2020 -21. L'unico modo per evitare l'aggiustamento è combattere e conquistare conquiste. E l'esecutore dell'aggiustamento, colui che lo esegue, può essere qualsiasi governo, qualunque segno esso sia. L'unica variante sarebbe la maggiore o minore gradualità di esso.

LA SITUAZIONE ECONOMICA
I consigli salariali avranno un impatto minimo sulla situazione economica, perché anche se gli orientamenti negoziali del potere esecutivo vengono superati, non ci sarà una ridistribuzione della ricchezza o qualcosa del genere. Con la fortuna, alcuni settori compenseranno l'inflazione.
Ma fondamentalmente, la situazione economica del paese si sta deteriorando a un ritmo costante. L'economia è ancora in crescita, ma ci sono sempre meno posti di lavoro nel settore. Si stima che globalmente ci siano 50mila posti di lavoro in meno. Molti si aspettano la "salvezza" di UPM, enorme investimento avrà un impatto sul PIL e un segmento di occupazione di sicuro, ma non cambierà le condizioni generali di situazione economica e sociale (al contrario, è destinata a peggiorare nel lungo periodo) e Porterà ancora di più ai capitali stranieri in un settore importante dell'economia (porto, ferrovie, ecc.) E beni naturali (acqua, terra).

Questa "iniezione di capitali" non farà altro che prolungare l'attuale situazione economica un po 'di più nel tempo, ma il generale peggioramento di esso non verrà fermato. Inoltre, sicuramente che "conferimento" UPM sarà un vero ponte verso l'esterno, dal momento che praticamente nessuno degli ingressi che costruire l'impianto sarà costruito in Uruguay, aumentando così la dipendenza economica e minare possibilità di lavoro nel paese. Questi progetti sono già progettati dall'estero e quindi si applicano.

Ma l'altro fattore interessante è come certi attori "neutrali", economisti borghesi certo consulenza prestigio, fare proiezioni economiche, dipingere un quadro di nuvole, ma le "misure economiche" proposte, sono molto semplicemente, scaricare la regolazione sulla città

Vediamo: il primo punto è quello di delimitare i consigli salariali a una negoziazione per società ea livello generale solo per discutere i salari minimi per categoria; Un altro asse è quello di ridurre il deficit fiscale non permettendo l'ingresso di funzionari pubblici durante 4 o 5 anni, con i quali lo Stato "salverebbe" due punti del PIL. Altri propongono direttamente di ridurre fortemente il numero di funzionari pubblici. Con questo, alcuni servizi verrebbero liquidati e altri potrebbero essere privatizzati. Non si ridurranno più di due punti se si abbassa il bilancio del ministero dell'Interno che prende il 9% del PIL e le forze armate vengono smantellate?

Un altro asse fondamentale è l'aumento delle tasse, ma sui lavoratori: IVA, IMESI e IRPF, ma ciò non è raccomandato, aumentare l'IRAE, l'unica imposta sul datore di lavoro specifica "perché le imprese non hanno una redditività sufficiente". Un'intera politica fiscale di classe: non toccare i profitti dei padroni e far pagare la gente.

E la fragola della torta: svalutare, seguire il percorso dell'Argentina e del Brasile per "migliorare la competitività", abbassando i costi del lavoro. Con il conseguente aumento dei prezzi e delle sue conseguenze sociali. Un'intera politica sociale a favore della borghesia rurale, principalmente. Praticamente le stesse proposte sono state ascoltate alla chiusura del Prado Expo da parte dell'Associazione Rurale.

LA CAMPAGNA ELETTORALE A PIENO ...
Hanno iniziato con tutto all'inizio dell'anno. In questi mesi, con la situazione sopra indicata, compaiono le pre-candidature. Nel Partito Nazionale ci sono già sei precandidati, la FA non li ha ancora definiti, ma appaiono nomi insoliti, anche nel Colorado Party l'offerta è feroce. Novick rimane illeso. Ma c'è ancora tempo per la danza dei nomi da seguire. Fondamentalmente ci sono due discorsi: per il quarto governo della FA o l'attenzione per la gestione efficiente, gli affari. Nessun programma e grandi dibattiti. Lo spazio del governo è stato ridotto a questo: gestire. Inoltre, lo spazio della politica è stato ridotto, lo svuotamento dei contenuti, tutte le proposte e il dibattito politico generale. Quel ruolo ideologico che la campagna elettorale svolge oggi, quella di imbastire la nozione di politica in senso lato, concentrando tutto sulla politica borghese a buon mercato, Ha anche effetti nel campo popolare. Ciò scoraggia tutta la partecipazione di coloro che stanno alla base dei dibattiti sostanziali e della lotta di classe, mina la capacità politica della gente e la trasforma in un semplice spettatore e ricevitore di un discorso vuoto.
Ma dimostra anche che la classe politica è un semplice manager del potere borghese; non devi neanche discutere e pensare a come governerai, il libro delle ricette sta arrivando, il che ammette solo alcune piccole variazioni in alcuni ingredienti. Ma il sostanziale è già.

Ci aspettiamo più di un anno di vendita di candidati; ma in tutto questo periodo i bisogni popolari saranno assenti: il salario, l'istruzione, l'alloggio, il lavoro, la salute, serviranno solo come decorazione per i baldacchini dei candidati. Ma per quelli di seguito, le elezioni non indicano nulla o segnano i tempi oi limiti per combattere per i nostri diritti e rivendicazioni.

RUMORE PER SCALA ...
Dalla sua assunzione come comandante in capo dell'esercito, Guido Manini Ríos ha rilasciato dichiarazioni di chiara natura politica. La riforma del Fondo Militare disegno di legge e il voto dello stesso al Senato, hanno innescato gli incontri e le dichiarazioni centro militare e di altre agenzie in pensione ufficiali militari (molti dei suoi membri legati alla dittatura), ma anche Manini Fiumi che sono arrivati a mettere in discussione il progetto ea fare politica in difesa dell'esercito. Le sue parole e le reti pubblicazioni hanno un Tufillo colpo di stato, tra gli altri, spesso saluta l'Esercito brasiliano e il suo comandante, il generale Villas Boas, che ha espresso la possibilità di un intervento militare e ha opinato fortemente circa la politica interna del loro paese.
Manini Rios proviene da una famiglia dell'oligarchia più rancido, appartenenti ai settori più reazionari del Partito Colorado, i membri uruguaiano Gioventù Pie come Hugo Manini Rios, ex presidente del rurale e Allied Associazione in caso multiplo del governo della FA, proprietari di giornali di successo come "La Mañana" e "El Diario", ecc. Una famiglia esemplare ... fascista esemplare.

La sanzione che il potere esecutivo impone a Manini Rios per le sue dichiarazioni pubbliche, ha scatenato una raffica di dichiarazioni e movimenti, in particolare dai militari in pensione e dall'esercito stesso, a sostegno di Manini. Hanno fatto circolare una serie di audio in cui alcuni militari menzionano i movimenti di riserva, andando a ricevere Manini Ríos all'aeroporto di lunedì 17 e altre azioni che si sarebbero svolte nei giorni scorsi. Oltre a gran parte del contenuto di questi audio è impazzita o improbabile accadimento reale, è preoccupante che circoli questo tipo di audio e soprattutto: chi li fa circolare?, Chi ha pensato e realizzato questi audio e con quale scopo?

Il proprio Manini è stato incaricato di chiedere che nessuno lo riceverà e di abbassare il profilo di queste manifestazioni, il che indica la veridicità di alcuni di questi audio e movimenti.

Ciò dimostra che l'esercito e i pensionati militari non sono silenziosi, non sono nelle caserme che bevono compagno silenzioso. Stanno operando, dal momento che hanno operato fin dal 1985 a spiare senza che nessuno lo sapesse, l'intero movimento popolare. L'Esercito è un'istituzione che non ammette modifiche nel suo seno: oggi sono dirette dagli stessi cognomi che hanno partecipato alla dittatura. È un'istituzione chiusa, oligarchica con un chiaro spirito di corpo e classe. Qualsiasi movimento politico dell'esercito o dei pensionati militari è preoccupante e dobbiamo essere vigili, perché una volta che l'esercito inizia a esprimere la sua opinione, continuerà con altre azioni e sappiamo già dalla nostra storia recente come finiscono questi processi.

Peggio ancora, quando l'esercito è sostenuto dal sistema politico stesso, e non solo i partiti tradizionali lo fanno. L'ex presidente José Mujica uscì per sostenere Manini Ríos dicendo che "era bello: i soldati non hanno sindacati e non possono dimostrare, quindi qualcuno deve difendere i loro interessi". Mujica omette che né il comandante dell'esercito può manifestarsi e se gli è permesso farlo, permette all'esercito di fare apertamente politica. Ma riflette la politica pro miliquera guida del MLN, avviato nelle conversazioni Florida battaglione nel 1972, proseguita con gli incontri con il Lodge "Luogotenenti di Artigas" fascista lodge militari ed appartiene a tutti attuale leadership dell'esercito,

L'intonazione della "Marcia dei tre alberi" non mostra solo l'adesione della leadership militare al Partito nazionale e il sostegno a Manini Ríos (che appartiene a detto partito), ma anche una chiara manifestazione dei movimenti che si sono verificati nel suo interno in questi giorni.

LA REGIONE
Fu in Argentina, dove gli uomini d'affari decisero di assumere direttamente il governo. La squadra di gabinetti di Cambiemos ha riunito (e riunisce) i più selezionati tra i gestori delle multinazionali installate nella sponda vicina. Anche diversi cognomi dell'oligarchia stantio di Buenos Aires e diversi personaggi che hanno partecipato ai governi prima della crisi del 2001.
La storia sembra ripetersi, ma con alcune lievi variazioni. Tuttavia, le misure adottate dal Macrì e il suo entourage sono molto simili a quelle prese da Cavallo e altri, e si parla di un possibile default futuro (default). Per il momento, il dollaro è salito di 40 pesos, gli esportatori che beneficiano beneficiato e agro-industrie fin dal XIX secolo per essere la base sociale dell'economia del Paese, l'industria è stata distrutta, innumerevoli licenziamenti e dimissioni lavoratori, tagli ai bilanci pubblici, etc.

Il conflitto in corso ha fatto dal popolo Mapuche nel rivendicare le loro terre ancestrali, ha ricevuto risposta da militarizzazione totale dello stato del sud e l'estradizione al Cile di lonko Facundo Jones Huala riguardante la resistenza Mapuche, nonostante un campagna attiva in Argentina e all'estero per evitare che il provvedimento. Questo aggiunge l'omicidio di Santiago Rafael Maldonado e Nahuel.

Quelli in cima continuano a giocare duro. Il 12 di questo mese un insegnante è stato rapito a Moreno, a sud di Buenos Aires. La compagna Corina de Bonis fu rapita e torturata da un gruppo di chiaro orientamento fascista e dall'odio nei confronti di coloro che stavano sotto: "nessun vaso" lo tatuava con un oggetto appuntito nell'addome. Chi sono quei gruppi? È chiaro che stanno cercando di intimidire per smobilitare, ma la risposta deve essere maggiore mobilitazione e le più grandi manifestazioni di solidarietà tra i popoli latinoamericani.

La domanda è: quando scoppia l'Argentina? Le mobilitazioni popolari sono grandi e in crescita. Le interruzioni di settore si moltiplicano e di recente c'è stato un grande sciopero generale. Il vento neoliberale arriva con tutto ma c'è un popolo disposto ad affrontarlo. Indubbiamente, ci saranno possibilità di percorrere nuovi sentieri per quelli sottostanti, costruendo il Potere Popolare e nuove prospettive per il progresso degli oppressi.

In Brasile, tuttavia, le elezioni si terranno il mese prossimo e non c'è certezza su cosa accadrà. Un'elezione indetta dai leader del colpo di stato in cui non viene proposta neppure una minima "apertura", ma al contrario, la posta in gioco è come approfondire il modello neoliberale e l'adeguamento. La borghesia brasiliana non ha il controllo totale della situazione politica; l'instabilità ha vinto il palcoscenico, ma la cosa certa è che il governo che emerge - qualunque esso sia - governerà a beneficio degli industriali di San Pablo e dei contadini.

La corruzione, un argomento che viene ripetutamente posto dai corrotti stessi, non è il problema principale in Brasile o nella regione. La corruzione è un fenomeno inerente al sistema capitalista; È nei tuoi geni. Pertanto, non esiste un governo che sfugge a uno schema di corruzione maggiore o minore. La sua grandezza è sorprendente, ma non è la questione centrale, ma con essa il centro dell'attenzione è distolto dal vero problema, che è il costante saccheggio di ricchezza e risorse fatte dalle classi dominanti e dalle multinazionali ai nostri popoli.

I brasiliani troveranno attraverso le loro lotte un percorso tutto loro, un percorso che non è quello delle urne, ma quello delle persone per strada e in campagna, che occupano gli spazi della lotta e sviluppano un'azione popolare diretta.

In Colombia, il movimento popolare continua a subire la violenza paramilitare. Vengono uccisi giorno dopo giorno, attivisti sociali e altri ricevono minacce. Ciò è aumentato dalla conversione delle FARC in una forza elettorale, lasciando ampie aree del paese libere per l'avanzata paramilitare, i narcos e l'esercito colombiano.

Il Venezuela subisce un altro chiaro tentativo di aggressione, questa volta dall'Uruguayan Almagro. "Per quanto riguarda l'intervento militare per rovesciare il regime di Nicolás Maduro, penso che non dovremmo escludere alcuna opzione". Almagro, come Segretario Generale dell'OAS, approfondisce la politica imperialista storica di questa organizzazione e della corte fascista, e la lettera di un colpo di stato militare ha giocato un ruolo importante e, se ciò non è possibile, l'invasione è semplice e semplice. Va ricordato che Almagro era il ministro degli affari esteri del governo di Mujica e lo promosse in quell'ufficio.

E QUI, COME CONTINUIAMO?
È quasi come chiedersi come ci liberiamo della campagna elettorale che schiaccia tutto. Come continuiamo a combattere? Nell'immediato, ci sono due importanti battaglie: la lotta per i salari e la campagna di firme contro la legge sull'irrigazione. Deve raggiungere il plebiscito necessario che la legge e abrogare le firme, un compito che incontra il movimento operaio, al quartiere, studenti e sociale in generale in una campagna o tema comune organizzazioni e può essere un asse di legame sociale a fronte di altri combatte, uno spazio di confluenza sotto.
In stipendio, sarà il compito dei sindacati per unificare le lotte, le azioni e altre mobilitazioni insieme per evitare combattimenti a parte, la frammentazione e indebolimento dei sindacati a un momento in cui i datori di lavoro sono incoraggiati e venire a schiacciarci.

È tempo di andare insieme, di venire insieme, di essere in lotta e riconoscersi come fratelli di classe. Ed è tempo di costruire gli strumenti per la Resistenza.

I tempi che stanno arrivando sono duri e difficili deve essere la lotta. Per costruire muscoli e praticare la solidarietà, i conflitti non si risolvono nei corridoi del Palazzo del Governo, sono risolti nelle strade.

Rafforzare le organizzazioni popolari, fornire loro piani d'azione immediati ea medio termine, nutrire gli elementi del dibattito sulla militanza, sono i compiti prioritari di oggi.

PER LA COSTRUZIONE DI POTENZA POPOLARE!
SU CHI LOTTA!
FEDERAZIONE ANARCHICA URUGUANA

https://www.anarkismo.net/article/31142
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it