A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) sicilia libertaria: Oltre ogni muro -- Antirazzismo. Ridare vita alle piazze

Date Mon, 17 Sep 2018 12:52:59 +0300


Catania 25 agosto 2018: i soggetti in campo sono tutti presenti. 148 migranti tenuti sotto sequestro su una nave della Guardia Costiera italiana da otto giorni, impediti a sbarcare, quindi formalmente in stato di arresto rei solo di aver voluto cercare di cambiare la propria vita, pagando questo desiderio più che umano, con costi altissimi, sia economici che fisici e morali (stupri, violenze, torture, per la detenzione in Libia, e malattie anche gravi in conseguenza di tale trattamento). Il governo italiano rappresentato dallo schieramento di polizia lungo il molo, dalle motovedette tutt'intorno e da quella nave militare trasformata in provvisorio carcere per volere del Ministro delle Interiora. Infine i movimenti, che hanno affollato l'area, presidiandola fin dal primo giorno, contrastando in maniera stavolta non occultabile dai mass media, questa politica razzista e questa china fascista intrapresa non solo dalla politica italiana ma anche dalla società, come mostrano anche i crescenti consensi che essa acquisisce di giorno in giorno.

Dietro le pieghe di questo quadro si possono notare altri elementi che inducono alla riflessione: nell'ambito dei movimenti, la presenza di funzionari e iscritti al PD in cerca di un salvagente, venuti a gridare "Salvini dimettiti", come se Salvini non fosse il continuatore di Minniti, della Bossi-Fini e della Turco-Napolitano, e giustamente contestati da molti attivisti. Una indignazione diffusa ha portato in piazza soggetti e associazioni molti dei quali da anni hanno disertato altri importanti appuntamenti, come quelli contro il MUOS, ma che però questo ritorno potrebbe spingere a un ricollocamento all'interno delle più importanti mobilitazioni. E' importante riuscire a collegare i problemi della militarizzazione, delle spese militari, della povertà crescente, del liberismo sfrenato e dei suoi effetti nefasti sulla società, a quelli della strumentalizzazione dei migranti per deviare l'attenzione dalle cause dei disagi sociali più acuti e per offrire un capro espiatorio a tutti gli scontenti. Il fatto che in prima fila il 25 agosto ci siano stati attivisti NO MUOS, sia sul palco che a fronteggiare la polizia, che a tuffarsi in mare verso la nave Diciotti, è il segnale che vorremmo fosse colto da chi dimostra una sensibilità parziale e rinchiusa dentro gli angusti spazi di un sentimento umanitario.
Dietro la vicenda, giustamente non sottovalutata, si celano tutti i grandi temi di questa pesante situazione che grava sulla società italiana e non solo. In primo luogo la pesante china reazionaria, xenofoba e sovranista intrapresa dalla coalizione governativa, forte della consapevolezza che in questo momento tale strategia paga e in caso di elezioni anticipate o nelle prossime elezioni europee i suoi fautori, o meglio il suo fautore, verranno premiati da un elettorato sempre più traviato dalle sirene fascistoidi, benchè lo scollamento popolazione-istituzioni si allarghi sempre più e una crescente parte di persone non crede al rito democratico del voto. Ma anche qui va distinto chi non vota ma delega alle forze reazionarie la propria insoddisfazione, e chi lo fa perché è stufo di essere preso in giro ed è magari disponibile a forme di resistenza e di contrapposizione con il potere nelle sue varie sfaccettature.
Il nocciolo è dunque: dove va la società italiana? Verso quale buco nero si sta facendo trascinare dagli avventurieri al governo e dalle finte vergini che bivaccano sui banchi dell'opposizione?
Una società che si incarognisce ogni giorno che passa, in cui si snocciolano gli episodi di violenza razzista, in cui si assiste a stragi di migranti impiegati nelle campagne e nelle fabbriche, al sud come al nord, in condizioni schiavistiche; in cui il tanto strombazzato legalitarismo istituzionale, contrapposto all'immigrazione cosiddetta illegale, nasconde tutte le degenerazioni delle politiche proibizioniste di sempre: offre alle mafie un'opportunità di arricchimento e di controllo sociale senza precedenti; mette a repentaglio la vita di migliaia di esseri umani costretti ad affidarsi alle cosche per potere spostarsi, alimenta politiche repressive e di crescente militarizzazione dei porti e dei territori, fingendo di non sapere come, in realtà, sia l'Europa che soprattutto l'Italia, siano afflitti da un forte e irreversibile calo demografico che comporta 3 milioni di posti di lavoro in meno l'anno nell'UE, che si potrà combattere solo con l'accoglienza di altrettanti lavoratori immigrati. Sanno che le politiche di chiusura delle frontiere non servono a bloccare l'immigrazione ma solo a farla diventare irregolare, e che questo significa lavoro nero, degrado sociale, povertà crescente, speculazioni.
La farsa della linea dura, dell'emergenza continua rispetto ad una situazione strutturale che viene affrontata come un qualsiasi terremoto o naufragio, non ha alcuno sbocco. Paga nell'immediato, rafforza gli istinti più biechi e reazionari, ingrassa partiti di estrema destra più o meno camuffati, ma non ha il fiato per durare a lungo e poter risolvere, non diciamo i problemi dei lavoratori, delle classi più deboli, delle aree più emarginate e degradate, ma nemmeno quelli del capitale, dell'apparato produttivo, che prima o poi sarà costretto a chiedere un cambio di rotta.

Oggi soffia i vento del sovranismo, ma quando prevarrà in molti paesi non avremo altro che conflitti tra i paesi sovranisti, come già avviene tra Italia e Austria in riferimento sia alle politiche migratorie che alla questione Tirolo. Un'Europa in mano alle destre sarà un cantiere di conflitti tra stati e di mobilitazioni nazionaliste che necessariamente ci riporteranno indietro, a tempi che consideravamo superati e improponibili. Eppure di giorno in giorno questa prospettiva si fa avanti minacciosa.
L'esempio del paesino calabrese di Riace può essere assunto a modello di quanto stiamo sostenendo: il degrado dovuto all'emigrazione, all'invecchiamento e alla scarsità delle nascite può essere superato e vinto solo con una politica di accoglienza intelligente e rispettosa dei diritti umani e sociali di tutti, in una quadro di collaborazione, scambio equo e solidale, che si rafforza col il contributo di individui e culture di diversa provenienza. Riace è l'Italia, o sarà l'Italia che verrà, quando riuscirà a disintossicarsi dai veleni xenofobi, dalla aggressività razzista di forze politiche avventuriere e pericolose, da un sistema politico senza distinzioni di colore, che ha fatto della rincorsa a destra, della caccia al migrante, dell'asservimento al liberismo più vorace, la sua ragion d'essere.
Il 25 agosto a Catania, la sua consistenza della mobilitazione e la sconfitta del governo ci hanno dimostrato quanto sia utile e necessario uscire dalle case (reali e metaforiche) in cui ci siamo rinchiusi, e ridare vita alla piazza quale luogo della palingenesi sociale.

http://www.sicilialibertaria.it/2018/09/10/oltre-ogni-muro/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it