A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) sicilia libertaria: Senza pause

Date Sat, 15 Sep 2018 10:20:42 +0300


Col campeggio NO MUOS dell'agosto appena trascorso (su cui a pagina 2 si può leggere un ampio resoconto) si chiude una stagione e se ne apre subito un'altra di questa lunga battaglia colma d'insegnamenti. Senza pause: l'arresto di Turi Vaccaro, avvenuto la sera dell'ultimo giorno, che gli attivisti hanno cercato di impedire con determinazione, ha prolungato la mobilitazione con presidi, scioperi della fame e iniziative di sostegno a Turi, attualmente in carcere a Palermo in attesa di essere trasferito in una struttura di accoglienza dove dovrà scontare la pena di 11 mesi e 20 giorni per danneggiamenti a impianti della Marina USA di Niscemi. ---- La solidarietà internazionale ha caratterizzato la stagione prima e durante il campeggio: gli oltre 300 attivisti spagnoli della Caravana Abriendo Fronteras hanno portato a Niscemi il 18 luglio il calore e la carica dell'internazionalismo, espressi anche nelle iniziative di protesta nei luoghi delle politiche migratorie razziste del governo e dell'UE in Sicilia. Stesso calore e senso di complicità hanno espresso le delegazioni estere presenti durante i 4 giorni di contrada Ulmo, mentre i mezzi di informazione e comunicazione del mondo curdo hanno ampiamente risaltato l'appuntamento, a partire dal dibattito del 3 agosto. Sul piano nazionale diverse sono state le espressioni di solidarietà, e particolarmente rilevante è stata la manifestazione parallela organizzata il 4 a Novara, dal comitato contro gli F-35 e realtà antimilitariste, anarchiche, libertarie e pacifiste del Piemonte, a sostegno della manifestazione lungo le reti della base NRTF-MUOS.

Intanto siamo venuti a conoscenza di una richiesta da parte della Marina USA, inoltrata tramite il Ministero della Difesa, a Regione siciliana e Comune di Nisceni, di autorizzazione di lavori di manutenzione all'interno della base, su cui le due istituzioni hanno mantenuto un vergognoso silenzio, oggi come nel 2008; si tratta di opere di consolidamento di un costone a rischio frana, di strade e di antenne. Il comune di Niscemi - a parole No Muos - non ha risposto alla nostra richiesta di accesso agli atti; siamo comunque venuti in possesso della copiosa documentazione, dalla quale si evincono tante cose, compresa o: un'attenzione molto pelosa al rispetto del territorio che non riscontrammo quando si trattò del progetto di costruzione del MUOS, segno che adesso vogliono schivare eventuali inciampi burocratici e ostacoli ambientali, soprattutto il fatto che questi interventi cozzano con le famose e ultracalpestate norme di tutela della zona A, a inedificabilità assoluta, all'interno del Sito di interesse comunitario. Per noi queste opere di ristrutturazione hanno un solo significato: i militari americani hanno intenzione di mettere radici alla Sughereta.

Il movimento ha lanciato una campagna di informazione su questa nuova tappa della presenza militare, denunciando l'omertosa complicità delle istituzioni e di quei partiti, come i 5 Stelle, che si sono fatti la campagna elettorale sul NO al MUOS e adesso, a ruota della Lega razzista, fanno gli statisti filoamericani; gli attivisti ribadiscono di essere pronti a riprendere la pratica del contrasto ai mezzi pesanti che torneranno a invadere le strade di accesso alla base per consolidare una struttura di morte, ancora una volta in contrasto stridente con le condizioni di un territorio che in quanto a quartieri franati e mai bonificati, strade colabrodo e pericolose e infrastrutture carenti, non è secondo a nessuno.

Si vuole pertanto rafforzare la lotta a partire dal coinvolgimento della popolazione, per troppo tempo rimasta a guardare dopo la stagione dei blocchi stradali, degli scioperi generali, dei presìdi, delle proteste che videro in prima file le donne di Niscemi. I problemi del paese sono rimasti irrisolti: dall'acqua che arriva col contagocce ed è pagata a peso d'oro, alla viabilità stradale e ferroviaria carente o assente, dai servizi sociali e sanitari insufficienti al lavoro sempre più precario, che produce povertà e emigrazione giovanile. Collegare queste problematiche alla militarizzazione del territorio, che fa di Niscemi una delle capitali mondiali delle comunicazioni militari degli Stati Uniti, e alle ingenti spese militari sostenute dallo Stato italiano, che il governo del cambiamento (in peggio) ha prontamente confermato, è l'obiettivo prioritario che il movimento si è proposto.

Questa lotta si vince solo se ritorna ad essere popolare, se sfugge dall'autoreferenzialità riuscendo a coniugare spinta militante e lavoro di base, ritessendo ambiti di autofiducia e rimettendo in campo forze ed energie in grado di leggere nella liberazione dal MUOS e dell'ipoteca militare, anche la liberazione delle persone sfruttate, oppresse, subalterne.

Pippo Gurrieri

Pubblicato in Editoriale

http://www.sicilialibertaria.it/2018/09/10/senza-pause/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it