A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #285 - Chiapas / Zapatistas: riparando piuttosto che chiudendo (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 15 Sep 2018 10:18:16 +0300


Per trovare un altro modo di fare giustizia, forse dobbiamo rivolgerci al Chiapas, in Messico. I principi dell'autonomia zapatista hanno rivoluzionato la giustizia come forma di dialogo riparativo al servizio della comunità, alla quale partecipano tutti i suoi membri. ---- Un affresco sulla costruzione del " consiglio di buon governo " della regione (caracol) di Morelia, Chiapas. ---- Sperimentare con una forma di giustizia completamente diversa è una delle dimensioni della costruzione dell'autonomia zapatista. Ricordiamo che questa esperienza si è diffusa per un quarto di secolo nel Chiapas, nel sud del Messico, su un territorio la cui estensione è paragonabile a quella di una regione francese - e questo, in una completa dissociazione vis-à-vis - le istituzioni dello stato messicano e cercando di preservare il maggior numero possibile di logiche capitaliste. Per gli zapatisti, l'autonomia è indissociabilmente l'attuazione di un auto-governo popolare e la reinvenzione permanente di forme di vita autodeterminate.

L'autonomia articola tre scale di organizzazione, con per ciascuna delle assemblee e degli organi eletti: i villaggi ; i 27 comuni ; le 5 regioni (carceri con i loro " consigli di buona governance "). La giustizia è esercitata dalle autorità elette, a rotazione, ai tre livelli di autonomia.

Nessun crimine, nessuna punizione, nessuna prigione
Oltre ad essere completamente libero e libero dalla corruzione, la giustizia autonoma è profondamente diversa dalla giustizia costituzionale. È una giustizia della mediazione che riunisce le parti, le ascolta e indaga quando è necessario, e poi le invita a trovare un accordo per raggiungere una riconciliazione.

La ricercatrice messicana Paulina Fernández Christlieb ha approfondito questo sistema di " ragionamento con le persone, prendendole in considerazione[...]affinché entrambe le parti siano soddisfatte " e così la situazione è " risolta ". È chiaro che questo ruolo di mediazione si basa sulla legittimità riconosciuta da tutti e su un'autorità morale che offre un potente incentivo a cercare un accordo. Le autorità responsabili della giustizia non hanno la logica per determinare reati e punizioni, ma per " trovare una buona soluzione pacifica " ai problemi che riguardano la vita collettiva, curando la ferita [1].

Da qui una critica radicale alla prigione, che non risolve nulla e aggrava i problemi: colpisce la vita di un'intera famiglia ed è una scuola di criminalità. Se capita che una persona possa essere rinchiusa quando mette in pericolo un'altra persona (se è ubriaca, per esempio) o durante le indagini che lo riguardano, non vi è alcuna condanna a una pena detentiva .

In una logica di riconciliazione, cerchiamo una riparazione, accettata come tale dalle vittime: una restituzione o un risarcimento per il danno subito. Quest'ultimo, dato il desiderio di limitare l'uso del denaro, di solito consiste in giornate lavorative a beneficio delle vittime o della comunità.

Nel caso dell'omicidio, il colpevole deve cedere terreno alla famiglia del defunto o lavorare per anni. Possiamo anche citare il caso eccezionale, ma migrant.es significativi un trafficante proveniva da Guatemala e arrestati dalle autorità autonome: ha compiuto, senza scampo, una condanna a diversi mesi di lavoro di comunità, nel corso della quale ha partecipato alla costruzione di un ponte che dà accesso in ospedale autonomo di San Juan del Rio, poi ringraziato gli zapatisti per aver imparato il muratore [2].

Una giustizia disperata
In sintesi, la giustizia autonoma è una giustizia arbitraria della mediazione che cerca un accordo tra le parti, al fine di ripristinare la possibilità di una vita collettiva pacificata. In netto contrasto con l'alto grado di impunità, corruzione e razzismo che caratterizza la giustizia costituzionale, opera in modo abbastanza soddisfacente per molti non zapatisti ad appellarsi ad essa. Oltre all'assenza di qualsiasi ricorso al denaro (nemmeno gli onorari o le multe degli avvocati), il fatto che le autorità autonome agiscano dal loro coinvolgimento nella realtà delle comunità indiane è decisivo.

Più in generale, l'autonomia zapatista rende possibile pensare a una radicalizzazione della specializzazione dell'esercizio della giustizia. Lontano da una giustizia statale altamente ritualizzata basata sull'estrema codificazione della legge, la giustizia autonoma è resa dalla gente comune senza alcuna formazione o esperienza speciale in questo campo. Mentre lo stato della giustizia, drappeggiato nella imponente solennità del istituzione, è separato dalla uomo comune ed inferiori quelli sottopone le sue procedure, la giustizia indipendente è esercitato in immanenza e semplicità di un atto ordinario.

La lezione è duplice: da un lato, percepiamo la necessità che le istanze legittime svolgano un ruolo di mediazione ; d'altra parte, questa esperienza indica che è possibile eliminare il macchinario istituzionale gravoso e oppressivo della giustizia e della legge dello Stato per reincorporare la risoluzione del conflitto nel tessuto della vita collettiva.

Jérôme Baschet

Jérôme Baschet, storico, è l'autore di Addio al capitalismo. Autonomia, società di benessere e molteplicità di mondi, La Découverte, 2014.
VILLAGGIO, COMUNE, REGIONE: CHI E 'COSA ?
La giustizia è esercitata dalle autorità elette, a rotazione, ai tre livelli di autonomia. Quello del villaggio, più vicino alla vita concreta, è il più possibile privilegiato, mobilitando l'intervento del suo rappresentante eletto o, a volte, dell'assemblea della comunità.

È solo se il caso non può essere risolto in questo contesto, o se si tratta di una recidiva, che il caso passa al livello del comune o della regione (o quando la controversia coinvolge persone di diverse comunità o comuni, o zapatisti e non zapatisti).

Il livello del villaggio si occupa di piccoli furti (polli e altri animali), conflitti di terra e di vicinato, tagli degli alberi che contravvengono alle norme comunitarie, vendita di animali selvatici, violenza domestica e casi di divorzio. .

A livello del comune vengono trattati i voli o le controversie agrarie più gravi, il traffico di legni pregiati o le droghe.

A livello regionale, le questioni irrisolte sono trattate dai comuni, casi eccezionali di omicidio e conflitti causati da membri di altre organizzazioni.

[1] Paulina Fernández Christlieb, Justicia Autónoma Zapatista. Zona Selva Tzeltal, Città del Messico, Ediciones autonom @ s, 2014.

[2] Vedi i Cahiers de la " Piccola scuola zapatista ", disponibili in francese su Ztrad.toile-libre.org.

http://www.alternativelibertaire.org/?Chiapas-zapatistes-Reparer-plutot-qu-enfermer
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it