A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #286 - Assicurazione contro la disoccupazione: la (en, fr, pt)[traduzione automatica] rottura annunciata

Date Thu, 13 Sep 2018 07:47:12 +0300


Questa è stata una delle promesse elettorali di Emmanuel Macron nel 2017: la " riforma " dell'assicurazione contro la disoccupazione. Questa riforma viene presentata con grandi annunci di comunicazione, annunciati come vantaggiosi per le imprese e per i lavoratori. Cerchiamo qui di svelare gli effetti degli annunci, le conseguenze di questa riforma, che saranno davvero sofferte dal privato e dai precari. ---- La riforma dell'assicurazione contro la disoccupazione, che dovrebbe essere lanciata nell'autunno 2018, è stata preparata da molto tempo. Nel dicembre del 2016, nella sua più grande operazione di seduzione elettorale, Emmanuel Macron ha annunciato una misura chiave: consente a tutti gli salarié.es rassegnati accesso all'assicurazione contro la disoccupazione, una volta ogni cinque anni. Già, questo principio ha avuto un effetto perverso: la possibilità per un datore di lavoro per spingere più facilmente un lavoratore o un lavoratore alla presa, con il vero risarcimento, ma senza la certezza di trovare un lavoro all'altezza dei precedenti ... o semplicemente quella di trovarne uno

Una misura che avrebbe avuto un effetto negativo maggiore sui lavoratori meno qualificati. Perché, va ricordato, il tasso di disoccupazione è inferiore al 5% per bac + 2 ma quasi il 20% per coloro che non hanno diplomi o titolari di un certificato di istruzione primaria (CEP) e un brevetto [1].

Dovremmo essere sorpresi ? Questa promessa è stata rivista al ribasso. Per beneficiare dell'indennità, sarà necessario giustificare un " progetto professionale[...]reale e serio " secondo Muriel Penicaud. Questo progetto sarà verificato da una commissione regionale. Quindi, dopo sei mesi, i dimissionari saranno soggetti a un controllo specifico. Parlando di controllo, gli agenti assegnati alla polizia dei disoccupati dovrebbero triplicare, da 200 agenti a 600, secondo Muriel Penicaud.

Controllo incontrollato dei disoccupati
Dal momento che la legge del 1 ° agosto 2008, il governo Sarkozy, rifiutando due offerte " ragionevole " di lavoro può portare a radiazioni e che, anche se il 50% delle offerte di lavoro disponibili sul sito Pôle Emploi sono illegali o no non dare tutte le informazioni richieste, in base al lavoro del comitato dei " ribelli disoccupati " della CGT.

Risultato dell'analisi delle offerte di agosto 2018. Trova i dettagli sul blog Cgt Unemployed 56
Con la riforma di Macron, la definizione di offerta " ragionevole " finora fissata dalla legge, potrebbe ora essere decisa " in comune " da Pôle emploi e dalla ricorrente. In altre parole, è soggetta a una definizione arbitraria dell'istituzione, il cui principale obiettivo sembra essere quello di cancellare un massimo di dipendenti privati che hanno diritto a prestazioni al fine di ridurre i dati ufficiali sulla disoccupazione.

Nuove concessioni ai datori di lavoro
Un'altra promessa fatta da Emmanuel Macron durante la sua campagna è stata abbandonata. Perché, giunto al potere, Macron sta solo tornando alle belle promesse fatte ai dipendenti, anche se queste promesse erano già discutibili.

Sta ora preparando una nuova concessione agli azionisti e agli imprenditori: la tassazione dei contratti precari (interim, a tempo determinato, intermittenti) è semplicemente scomparsa dal conto. In sostituzione di questa misura, le aziende sono invitate a trovare le proprie soluzioni per ridurre il numero di contratti precari. Questo ci ricorda la mascherata del credito d'imposta per la competitività e l'occupazione (CICE) e il governo del Patto di responsabilità olandese, chiedendo alle aziende di creare posti di lavoro in cambio di esenzioni finanziarie, ma non di controllo ... In breve quindi consentire alle aziende di diventare ricchi senza assumere. Tra " responsabilità "Alla stabilità professionale dei lavoratori e al profitto degli azionisti, la scelta è stata fatta !

Questa riforma è anche un duro colpo per il controtipo dei sindacati. Fino ad oggi, l'Unédic, l'ente che gestisce l'assicurazione contro la disoccupazione, era gestito congiuntamente dai sindacati e dai datori di lavoro. Con la riforma, il governo deciderà il rispetto delle modalità del bilancio finanziario. Patrocinio e sindacati dovranno applicare. Un equilibrio finanziario che - in considerazione dell'intera politica del governo Macron, ossessionato dai criteri di redditività - sarà dannoso per i diritti del settore privato dell'occupazione e precario.

Secondo il governo, si tratta di ridurre il debito di Unédic. Questo non è causato dal funzionamento dell'assicurazione contro la disoccupazione. Il reddito da contributi è ora sufficiente per coprire le indennità versate ai candidati in cerca di lavoro.

Un attacco ai sindacati
Le crisi economiche degli anni '70 e '80 hanno spinto la disoccupazione. I governi successivi hanno imposto il prestito di Unedic ai mercati finanziari e ai suoi tassi di interesse. E oggi spetterebbe al settore privato ripagare gli effetti delle crisi finanziarie ! La finanza è arricchita dalle sue stesse crisi.

Qual è il governo che propone di risolvere il problema ? Non un aumento dei contributi all'assicurazione contro la disoccupazione, ovviamente salari, ma la loro definitiva abolizione, compensata da un aumento del CSG per tutti, compresi i pensionati, per essere pagati. la scatola.

Questa è un'altra scusa di un governo liberale per servire i datori di lavoro. Dalla sua creazione nel 1945, il disaccoppiamento della sicurezza sociale non si è fermato. Accelerò durante gli anni di Mitterand e il rigore. Il governo in realtà prevede di rimuovere ciò che resta del contributo del libro paga dall'assicurazione contro la disoccupazione. Già è aumentato dal 2,40% al 0,95% con un decremento di 1,45 punti nel mese di gennaio 2018 (per un aumento del CSG per tutti i 1,7 punti), il governo prevede di togliere la quota residua rimanendo con la sua riforma. Con un tasso di disoccupazione che aumenta solo, e un Unédic presumibilmente già troppo debito, camminiamo sulla testa.

Oltre al principio stesso della sicurezza sociale
Tutto questo sarà una conseguenza logica: giustificare tagli ai sussidi di disoccupazione " resi necessari " per il debito che organizziamo a scapito dell'occupazione e privé.es precari il beneficio di quelli troppo.

Florian (AL Nantes)

[1] Insee.fr - Le differenze sono ancora più importante per i giovani durante i quattro anni successivi alla fine del loro percorso scolastico. La disoccupazione colpisce in maniera più massiccia questa categoria sociale già più fragile dal punto di vista finanziario. Se il tasso è inferiore al 10% per bac + 2 (e più), raggiunge quasi il 50% per coloro che non hanno diplomi o titolari di un CEP o di un brevetto.

http://www.alternativelibertaire.org/?Assurance-chomage-la-casse-annoncee
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it