A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL - Siria-Kurdistan, Un comunista libertario in IFB n. 11: "Di nuovo in Francia, altre forme di lotta" (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Tue, 4 Sep 2018 09:55:11 +0300


"Con il YPG-YPJ e con i comunisti in Turchia e anarchici di tutti i paesi, ho potuto sperimentare un altro modo di compagnia vita, necessariamente diverso da quello conosciuto in Europa." ---- Alternative Libertaire riprodotto inserzioni blog Kurdistan-l'autogestione Rivoluzione dove, dopo Arthur Aberlin, impegnata nella YPG si esprime ora Damien Keller, lo assunse nel Liberazione Battaglione Internazionale (IFB). ---- Nel corso delle settimane, testimonierà la vita nell'IFB, i dibattiti in corso e l'evoluzione del processo rivoluzionario nella Federazione democratica della Siria settentrionale. ---- Questo è il mio ultimo post su questo blog. Sono tornato in Europa da alcuni giorni, dopo diversi mesi passati nella Federazione democratica della Siria settentrionale.
Con YPG-YPJ e con i comunisti della Turchia e gli anarchici di tutti i paesi, ho potuto sperimentare un altro modo di vivere il cameratismo, necessariamente diverso da quello che conosciamo in Europa.

Ciò è dovuto in parte tekmil, questa riunione ordinaria ereditato dal turco maoismo, e in cui ognuno è invité.e di auto-critica, critica (compresi i funzionari e dirigenti) e fare proposte per migliorare il tutti i giorni.

Ma è soprattutto il contesto del conflitto armato che cambia tutto: da un giorno all'altro, un compagno con cui abbiamo preso il tè il giorno prima può essere ucciso bombardando lo stato turco o una miniera. Daech.

Ma qui, secondo l'adagio, "i martiri non muoiono " (" Sehîd namirin "), e la loro memoria è ovunque. I tributi pubblici sono pagati a loro ; ci sono cimiteri riservati al sehîd (nel canton d'Afrîn, gli islamisti ne hanno distrutti due) ; i loro ritratti sono esposti in molti posti: nei negozi, nelle strade, nelle case, sui cofani degli autobus e delle automobili ; le istituzioni pubbliche (scuole, ospedali, ...) portano spesso i loro nomi. Anche i nostri nomi di guerra sono dedicati a loro.

Infine, i comitati delle famiglie dei martiri creano spazi di memoria, spesso grandi stanze con le pareti coperte con i loro ritratti.

Questi momenti di commemorazione sono momenti di coesione politica e umana, come se fossero stati per decenni "l' ascesa al muro dei federati " per la Comune di Parigi del 1871, o le grandi riunioni dell'esilio spagnolo in memoria dei martiri caduti di fronte al franchismo, o le marce irlandesi per commemorare la rivolta pasquale del 1916.

Presto inizierà il processo contro gli assassini di Clement Meric ; un giorno, si spera, ci sarà quello degli assassini di Adama Traore. Gli eventi annuali nella loro memoria sono il modo per rivendicare la giustizia, mantenere la memoria e mostrare che la lotta continua.

Durante il mio ritorno, penserò a tutti questi compagni, volontari europei come me, ma soprattutto turchi, arabi, curdi, yazidi, aleviti, turcomanni, assiri ... a quelli uccisi dallo Stato islamico, da gruppi di ASL in Afrîn, dai carri armati e dagli aerei dello stato turco.

Rimanendo volontario
Di ritorno in Francia, è ovviamente impossibile per il mio impegno armato con il Rojava influenzare le mie pratiche militanti. La lotta armata non ha nulla a che fare con il contesto politico, sociale e storico del paese, né con il livello di coscienza di classe e di rivolta nella popolazione. Questo era già il caso negli anni '80, il tempo della Frazione dell'Armata Rossa e la Direzione dell'Azione ...

La lotta per la rivoluzione in Rojava è tutt'altro che finita, non possiamo predire il risultato. Questo conflitto durerà per molti anni ancora e gli stati imperialisti - Stati Uniti, Russia, Francia ... - ancora cercano di sfruttare il curdo sinistra per servire i loro interessi. È quindi importante che benefici di altri aiuti politici, compreso quello del movimento rivoluzionario. Sono necessari altri volontari libertari internazionali e internazionali nei ranghi YPG-YPJ. E naturalmente, all'estero, devi partecipare a dimostrazioni di solidarietà con la Federazione democratica della Siria settentrionale ; cercare giustizia per l'omicidio di Sakine Cansiz, Fidan Dogan e Leyla Söylemez ; aiutare i progetti femministi, ecologici e democratici a prendere forma.

Lunga vita alla rivoluzione !

Damien Keller, 28 agosto 2018

http://www.alternativelibertaire.org/?Un-communiste-libertaire-dans-l-IFB-11-De-retour-en-France-d-autres-formes-de
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it