A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #285 - SNCF Railroad Strike: una macchina da perdere (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Thu, 19 Jul 2018 06:58:44 +0300


Il movimento sociale in ferrovia iniziato in primavera non manca di originalità: per la sua ampiezza, per la sua forma, per le relazioni inter-sindacali, o per la virtuale scomparsa dell'autorganizzazione della lotta. Ma soprattutto, è stata organizzata come una macchina impressionante da perdere, nonostante una mobilitazione iniziale molto importante dei lavoratori ferroviari e ferroviari. ---- Lo sciopero alla SNCF è iniziato il 3 aprile, dopo un primo episodio del 22 marzo. Ma le federazioni sindacali CGT, Unsa e CFDT hanno imposto un calendario di 36 giorni di sciopero su tre mesi ; sotto forma di 18 scioperi di due giorni. Le federazioni SUD-Rail e FO hanno parlato di un attacco estensibile, ma non l'hanno organizzato.

La svolta del 22 marzo
Fin dall'inizio, le federazioni sindacali hanno scelto di non creare una dinamica: è stato solo un mese dopo che il governo e gli annunci dei datori di lavoro hanno proposto una prospettiva di azione. Era il 15 marzo che annunciavano l'ormai famoso " calendario dello sciopero ". In SUD-Rail, ma anche la CGT, ha causato molte reazioni. SUD-Rail ha presentato una comunicazione rinnovabile, senza aderire alla CGT, alle federazioni Unsa e CFDT ; tuttavia, sotto copertura di unità, i critici sono stati uccisi ed è stato un errore [1]. Potrebbe essere stato riparato pochi giorni dopo. Infatti, programmato ben prima del rapporto Spinetta o del patto ferroviario, il 22 marzo è stata organizzata una manifestazione nazionale di lavoratori ferroviari e ferroviari, ed è stato un successo. Ma l'evento più importante è stato il numero di attaccanti: secondo i dati della direzione, oltre 35 % del personale (compresa la gestione), mentre solo le federazioni Unsa e SUD-Rail hanno richiesto uno sciopero. È stato quindi possibile riprendere questo evento per imporre un altro movimento dall'inizio di aprile, nonostante l'appello interfederale del 15 aprile. Se tutte le strutture sindacali favorevoli a uno sciopero estensibile si fossero mobilitate durante due settimane per organizzarlo, le cose sarebbero andate diversamente all'inizio di aprile. Questo non era il caso, e ha pagato in seguito.

La trappola di 2 giorni su 5
La campagna della Federazione della CGT su " trovare una forma di azione economica per gli scioperanti " ha pesato; soprattutto perché, la maggior parte delle volte, la battaglia ideologica per contrastare ciò non è stata condotta, in nome di un'unità che non dovrebbe essere indebolita, o in accordo con questa posizione, tuttavia, ben al di sotto della posta in gioco. . Di conseguenza, non c'era un vero dibattito tra la massa dei lavoratori delle ferrovie e dei ferrovieri riguardo alla forma dell'azione. Il programma degli scioperi delle 18 ore su 48 è diventato una chiara prova di partenza. C'era la trappola. Perché una volta avviati i casi, era quasi certo che si sarebbe arrivati a questa situazione: scioperi successivi che occupano lo spazio dei media, ma un numero di attaccanti che non è all'altezza, e soprattutto l'impossibilità di creare una dinamica di auto-organizzazione, di controllo degli scioperi da parte degli scioperanti. Questo ultimo elemento è decisivo: non solo

Più di un terzo del personale SNCF deve compilare una " dichiarazione di intenti individuale (DII) " a colpire, 48 ore prima, specificando sulla quale preavviso. Inevitabilmente, il riferimento più comune era quello unitario (CGT / Unsa / CFDT), 48 ore, non rinnovabile. Da lì, macchinisti, controllori, switcher e altro personale che hanno presentato la loro DII e non poteva continuare lo sciopero, se non per essere irregolare [2]. Per altri, la pubblicità sul calendario che va dal 3 aprile-29 giugno ha spinto a scegliere i suoi date di sciopero tra i 36 proposti: la frequenza con cui gli attivisti sentito " no, sciopero domani, non farlo; ma farò il 18 e il 19, e non il prossimo ma il prossimo ... " ? Nel corso del tempo, ha giocato sempre di più sulla percentuale di attaccanti, ogni giorno un certo numero di loro e passano il turno ; un fenomeno che non esiste in uno sciopero riconducibile: non siamo l'attaccante a non colpire! Certamente, i colleghi interrompono il movimento prima della fine, ma le GA giornaliere e le discussioni sugli scioperi spesso consentono di rinviare questa decisione. Il numero di attaccanti era molto irregolare secondo le categorie. Molto forte tra i macchinisti, lo sciopero non ha mai avuto fino a quello che dovrebbe essere uno sciopero nazionale che dura tra i concessionari di stazioni, personale di manutenzione di strutture o laboratori. Questo è in gran parte inerente ai termini e alle condizioni.

E le affermazioni ?
Imponendo il suo programma di scioperi non rinnovabili, la federazione CGT è stata in grado di terminare (momentaneamente, non temiamo !) Con la pratica delle assemblee generali in cui gli scioperanti decidono davvero il loro sciopero ; era stato acquisito per più di trenta anni alla SNCF (lo sciopero del novembre 1986 / dicembre 1987) che molti burocrati sindacali non smisero di combattere. Certamente, per la forma rimangono le assemblee generali ; ma non c'è più nulla da discutere: dove è stato posto il dibattito sulla forma di azione, le risposte sindacali (CGT, Unsa, CFDT, ma a volte anche SUD-Rail) non erano ambigue: o " no questione di discutere di questo in AG, dal momento che esiste un calendario interconfederale ", cioè" puoi decidere cosa vuoi in AG, ci atterremo al calendario interfederale . E poi, francamente: visto che tutti hanno avuto il programma degli scioperi dal 3 aprile al 29 giugno, perché partecipare alle assemblee generali ?

Le quattro federazioni avevano concordato una piattaforma a otto punti, compreso l'abbandono del patto governativo per le ferrovie. Nel corso dei giorni, i volantini delle unità hanno " dimenticato " questo libro dei reclami, per evidenziare la necessità di " tavole rotonde ", " negoziati " e altri " incontri tripartiti " il cui contenuto sembrava diventare una questione di secondaria importanza [3]. Non è questo il motivo per cui gli scioperanti perdono giorni di paga ! Ancora una volta, la debolezza della GA non ha aiutato ad alzare il tiro.

Un movimento che dura, dura, dura ...
Unsa e CFDT avevano senza dubbio programmato di lasciare lo sciopero ben prima della fine di giugno: la politica del governo che intende ignorare, indebolire e distruggere tutte le organizzazioni sindacali le ha impedite. Non c'era via d'uscita ! Il periodo di maturità liceale, la fine del calendario trimestrale iniziale forniva loro il pretesto previsto. Ma fondamentalmente, la domanda è: " perché la federazione CGT, ancora una volta, ha scelto di favorire l'unità con Unsa e CFDT invece di unire le forze con SUD-Rail e FO ? ". E soprattutto, " cosa dobbiamo lavorare per le squadre combattive della CGT, SUD-Rail e FO riescono a contrastare queste manovre in futuro, non riuscendo a rinnovare uno scenario troppo spesso conosciuto negli ultimi anni? "

Il movimento continua, ma qual è il suo effetto ? Questo è il punto cruciale del problema. Per noi, lo sciopero è vincere ; i negoziati devono essere sotto la pressione degli scioperanti ; è un momento di rottura con il sistema in atto che consente di considerare altri, più forti. Coloro che volevano solo " mostrare la propria forza Si trovano di fronte a un grosso problema: governo e datori di lavoro non intendono negoziare, solo l'equilibrio del potere può farli crollare. E attraversa un blocco dell'economia, un blocco nella durata dell'attività ferroviaria. Ma non è moltiplicando la perdita di stipendi a causa di una serie di scioperi non rinnovabili che un nuovo sciopero viene preparato nelle migliori condizioni. Il movimento dura, ma in quali condizioni ! I leader dello sciopero sono, per molti, molto a lungo scettici su come si svolge ; ciò non crea le condizioni ottimali per il suo successo.

Lavoratori delle ferrovie e lavoratori delle ferrovie sfrenati [4]

[1] Si dice senza la minima pretesa di dettare la verità ... specialmente a posteriori. Noi, attivisti e attivisti libertari del settore ferroviario, se abbiamo immediatamente criticato e sfidato la scelta di 18 colpi quadrati, non abbiamo misurato in che modo ha chiuso la porta a nessuna dinamica successiva.

[2] Naturalmente, uno sciopero senza preavviso o da quelli esistenti è possibile ed è stato visto molte volte in passato ... purché tu abbia creato una dinamica, una mania collettiva che ti faccia dimenticare questi dettagli legali.

[3] L'episodio del referendum in cui le federazioni CGT, UNSA, CFDT e SUD-rotaia ha chiesto, dopo un mese di sciopero, se i ferrovieri e dei lavoratori delle ferrovie d'accordo o no con il governo, è un po 'dello stesso ilk . Il 95 % degli elettori ( partecipazione del 61 %) ha rifiutato il piano ferroviario del governo. Conferma certamente ; ma quale interesse ? Decine di migliaia di lavoratori ferroviari e ferroviari avevano già espresso il loro parere sin dall'inizio di aprile partecipando allo sciopero ! Si noti che, contrariamente a quanto stavano vendendo le federazioni, il referendum non consentiva alcun rimbalzo nella mobilitazione: altrimenti l'energia militante sarebbe stata usata in modo più efficace.

[4] Trovali su Leraildechaine.org. A causa della mancanza di spazio, questo articolo non tratta argomenti importanti, ma abbiamo dovuto accantonarci per questo tempo: i fondi per gli scioperi ; la contraddizione tra l'affermazione di " convergenze delle lotte " e il fatto, che includendo nel settore ferroviario lo sciopero, non ha riguardato altre società che la SNCF ; le differenze tra i coordinamenti dei delegati imposti dalla loro AG, riunendo gli scioperanti che organizzano azioni e comitati non rappresentativi ; le pratiche illegali dei capi che vogliono spaventarci (detrazioni sui salari ben oltre i giorni di sciopero, lettere di intimidazione prima e dopo le azioni, ecc.).

http://www.alternativelibertaire.org/?SNCF-Greve-cheminote-une-machine-a-perdre
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it