A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) levante cnt-ait: CNT-AIT INFORMA + comunicato stampa RICHIESTA per IMPOSTORE (en, ca) [traduzione automatica]

Date Sat, 7 Jul 2018 11:08:03 +0300


Da qualche tempo in Spagna ci sono state due organizzazioni che sembrano condividere un nome, dato che un giorno erano la stessa cosa, ma le cui traiettorie sono state distanziate. Questo è il CNT (ex CNT-AIT) e il CNT-AIT che detiene il diritto di portare le iniziali dell'Anarcho-sindacalista internazionale, l'International Workers 'Association. ---- È giunto il momento di far conoscere a settori più ampi della popolazione le circostanze che hanno dato origine a questa differenza e il distanziamento premeditato dei principi e degli statuti di base dai comitati esecutivi del CNT, generando la situazione in cui il anarco-sindacalismo nel nostro paese, rappresentato oggi nel CNT-AIT. ---- In linea di massima, potremmo dire che l'organizzazione che oggi si autodefinisce CNT ha iniziato a divenire centralista, gerarchica e piramidale da oltre dieci anni. Il sistema proporzionale di voto del CNT - con il quale i sindacati con più affiliazioni avevano più voti nel prendere decisioni - facilitò notevolmente questo stato di cose, poiché iniziò incoraggiando i sindacati a essere sempre grandi città quelli che porteranno avanti le loro proposte a scapito delle proposte dei sindacati delle località minori. Il sistema è stato completato aumentando il numero minimo di membri necessari per formare un sindacato, convertendo così molti che erano stati precedentemente in "nuclei confederali" incapaci di votare e prendere decisioni all'interno dell'organizzazione.

Questa CNT iniziò a organizzarsi in modo tale che la preponderanza fosse data ai comitati, invece delle assemblee e dei tradizionali processi statutari che garantiscono l'orizzontalità nella presa di accordi. Dal nostro punto di vista, quando gli accordi emanati da questi comitati o gli accordi presi dalla forza del voto sono obbligatori per tutti i sindacati dell'organizzazione, stiamo parlando di autoritarismo all'interno di un'organizzazione che si chiama anarco-sindacalista, orizzontale ed egualitaria. Questi comitati espulsi, disillusi e, in generale, amareggiarono la vita di molti sindacati, in modo anti-statutario e, sfortunatamente, non provarono mai a rialzarli nei luoghi che lasciarono devastati.

Chiunque può vedere che, in pratica, la CNT è diventata sempre più un'unione di servizi che cerca di aumentare continuamente il numero di membri, un'affiliazione che non è un membro dell'organizzazione ma che è limitata ai contributi e che, per Attraverso un gabinetto legale, i loro conflitti sono risolti, opponendosi quindi alla premessa anarcosindacalista dell'azione diretta. A questo bisogna aggiungere che i lavoratori di questo gabinetto tecnico sono assunti dalla CNT sotto forma di lavoratori autonomi ma, lavorando esclusivamente ed avendo un conteggio mensile, diventano automaticamente falsi lavoratori autonomi, in realtà dipendenti dipendenti dell'organizzazione. Altre funzioni all'interno dell'organizzazione sono anche remunerate, ad esempio lavori all'interno della FAL (Anselmo Lorenzo Foundation for Libertarian Studies) attraverso l'assunzione di una cooperativa che non è altro che un ombrello fiscale per nascondere la contrattazione diretta. Non sappiamo esattamente quante persone vivono esclusivamente lavorando per la CNT o per la FAL e non capiamo perché CNT consideri che non sono "membri sindacali liberati".

Sappiamo che il FAL, un organismo appartenente al CNT, in contrasto con un altro dei principi anarco-sindacalisti, ha ricevuto aiuti di Stato in conformità con le disposizioni delle basi normative per la concessione di sussidi pubblici al Ministero della Cultura. Per questo motivo comprendiamo che CNT non è contro i sussidi in quanto li percepisce (si veda ad esempio questo BOE https://www.boe.es/boe/dias/2007/07/05/pdfs/A29139-29141.pdf).

E, anche se è un problema odioso, dovremmo parlare della malversazione economica che sta accadendo nel CNT da alcuni individui per i loro interessi personali: viaggi e soggiorni sono pagati in grandi alberghi e ci sono persino accuse che ci siano state rapine diretto ai conti dell'organizzazione da parte dei segretari. A ciò si aggiunge un'altra forma di appropriazione indebita, attraverso l'assunzione di proprie società che fatturano il proprio lavoro, sia nella realizzazione di materiale audiovisivo che nella riforma dei locali.

Questo modo di lavorare ha significato che quasi tutto il fondo legale e pro-prigioniero è stato sprecato, originariamente inteso come una scatola di resistenza e sostegno per i prigionieri e che ora è stato usato per "liberare le persone". Un altro fondo che è stato sperperato e praticamente scomparso è il fondo azionario, che avrebbe dovuto essere utilizzato per aiutare i nuovi sindacati ad avere un posto, ma non è mai stato utilizzato per questo scopo.

Per completare la spiegazione di questa deriva, dobbiamo parlare dell'AIT. Negli ultimi decenni, la CNT, o meglio i suoi comitati, hanno continuamente boicottato questo internazionale, impegnandosi con altri sindacati fuori dall'AIT per formare un parallelo internazionale, volendo imporre un sistema di voto per stipulare accordi. ciò renderebbe l'IWA dipendente dalle decisioni di solo tre sezioni o bloccando il denaro dalle quote che sono state conferite all'AIT dietro le spalle dei sindacati del CNT. Fino a quando tali azioni non hanno portato all'approvazione del CNT dell'Associazione internazionale dei lavoratori, riconoscendo i fatti per i quali il CNT è volontariamente e deliberatamente rimasto fuori dall'AIT.

Sembra esteso, ma è solo una sintesi poiché, per queste pratiche e per molti altri, è per quello che un considerevole numero di sindacati è stato responsabile per il mantenimento del CNT-AIT e per la ristrutturazione del danno fatto dai comitati di quella CNT irriconoscibile nei suoi principi e traditrice dei propri accordi e statuti. Sindacati federati dopo un processo congressuale al di fuori della CNT dei comitati che non riconosciamo, rompendo ogni rapporto con esso e ristrutturando il CNT-AIT, un'organizzazione anarcosindacalista associata all'AIT (Associazione Internazionale dei Lavoratori) e che nei suoi principi e pratiche è simile e coerente con ideali e principi anarchici. Continuiamo ad essere, quindi, il CNT-AIT, una storica prosecuzione riconosciuta della Confederazione Nazionale del Lavoro, affiliata all'IWA dal 1922.

Tutta questa situazione avrebbe potuto continuare a passare inosservata per la classe operaia in generale, ma per l'ultima occorrenza dei comitati esecutivi di quella CNT sedicente: citare in giudizio diversi sindacati del CNT-AIT per il semplice fatto di esistere ed esibirsi unione e azione sociale, al riparo nella scusa legale di "uso fraudolento di acronimi e danneggiamento della sua immagine ed espansione". Hanno anche fatto causa al libertario Ateneo de Albacete, comprendiamo che avendo uno stretto rapporto con CNT-AIT Albacete poiché condividono uno spazio locale, e ha richiesto nominalmente diversi compagni anarco-sindacalisti da Cadice. Queste richieste non solo cercano la scomparsa di organizzazioni anarcosindacaliste, ma richiedono anche un risarcimento di 50.000 euro da ogni unione convenuta e le compagne di Cadice, che possono rappresentare gravi difficoltà penali per i compagni anar-union che non possono assumere tale importo.

Dal nostro punto di vista è incredibile che un'organizzazione continui a chiamarsi anarco-sindacalista andando in tribunale per attaccare, attraverso l'apparato repressivo dello stato, sindacati anarco-sindacalisti per il semplice fatto di esistere. E ci conferma definitivamente da che parte questa "divisione dei comitati" è collocata, auto-designato CNT ad asciugare in questa lotta di classe.

Crediamo che sia una questione di etica anarchica portare questi fatti all'attenzione di tutta la società.

Puoi trovare il CNT-AIT nei seguenti luoghi:

Granada - Torrelavega - Cádiz- Chiclana - Guadix - Madrid (Costruzione) - La Puebla del Río - Lanzarote - Lugo - Motril - Tarragona - Reus - El Vendrell - Elda - Castellón - Alcoy - Albacete - Marina Alta - Sagunto - Gandía

COMUNICATO STAMPA

È un fatto poco noto che ci siano già due organizzazioni in questo paese che sembrano condividere un nome, dal momento che un giorno erano la stessa cosa, ma le cui traiettorie sono state distanziate. Questo è il CNT (ex CNT-AIT) e il CNT-AIT che detiene il diritto di portare le iniziali dell'Anarcho-sindacalista internazionale, l'International Workers 'Association. È giunto il momento di far conoscere a più ampi settori della popolazione le circostanze che hanno dato origine a questa differenza e che hanno generato la situazione in cui l'anarcosindacalismo si trova nel nostro paese, rappresentato oggi nel CNT-AIT.

La disputa che diede origine a questa divisione nacque in seguito alla deriva interna della CNT, che stava per diventare un'organizzazione centralista in una graduale rottura con il federalismo. Un'organizzazione i cui accordi, sempre più frequenti, furono adottati dall'alto verso il basso, deciso dalle loro diverse segreterie e non dalle assemblee dei sindacati, che infrange ogni principio di orizzontalità e trasforma la CNT in un'organizzazione gerarchica e piramidale. Mentre i conti dell'organizzazione venivano svuotati a beneficio degli interessi personali, procedemmo alla ripetuta espulsione di colleghi e sindacati anarchici che si opponevano a questa deriva, con l'intenzione di portare avanti una pulizia ideologica nel CNT.

A tutto ciò va aggiunto il continuo boicottaggio della CNT contro l'AIT (Associazione Internazionale dei Lavoratori) quando è stata rispettata: arresto dei contributi finanziari, ripetuta violazione degli accordi, occultamento di informazioni, cospirazione dietro di loro con altre organizzazioni sindacali da altri paesi per togliere la loro forza, tentativi di manipolazione per alterare il sistema di voto, ecc. Infine, l'IWA accettò la partenza del CNT dai suoi ranghi, riconoscendo i fatti per i quali il CNT volontariamente e deliberatamente rimaneva fuori dall'AIT. negando a se stessi il diritto di portare le loro iniziali.

Ma molti sindacati della CNT si sono assunti la responsabilità di mantenere il CNT-AIT e di ristrutturare il danno fatto dai comitati di quella CNT irriconoscibile nei suoi principi e traditore nei propri accordi e statuti. Sindacati federati dopo un processo congressuale al di fuori della CNT dei comitati che non riconosciamo. Dal momento che la ristrutturazione del CNT-AIT, che riunisce questi sindacati, è coerente con i principi di anarcosindacalismo e rispetto e accetta i principi dell'Internazionale anarco-sindacalista, l'IWA li ha accolti formalmente nelle sue file e, pertanto, gode del diritto per sfoggiare nei suoi acronimi quelli dell'Internazionale. Resta, quindi, il CNT-AIT, una storica prosecuzione riconosciuta della Confederazione Nazionale del Lavoro legata all'IWA dal 1922.

Negli ultimi tempi, CNT ha citato in giudizio diversi sindacati di CNT-AIT sotto la scusa legale di "uso fraudolento di acronimi e danneggiare la loro immagine ed espansione". Ha anche citato in giudizio l'Ateneo libertario di Albacete, comprendiamo che avendo uno stretto rapporto con CNT-AIT Albacete in quanto condividono anche locali, e ha citato nominalmente diversi compagni anarcosindacalisti di Cadice. Queste richieste non solo cercano la scomparsa delle organizzazioni anarcosindacaliste, ma chiedono anche un'indennità di 50.000 euro a ciascuna unione difensiva e ai compagni di Cadice, che possono rappresentare serie difficoltà per i compagni anarcosindacalisti che non potevano assumere tale importo.

Queste sono le diverse posizioni in cui è possibile trovare i sindacati CNT-AIT:

Granada - Torrelavega - Cádiz- Chiclana - Guadix - Madrid (Costruzione) - La Puebla del Río - Lanzarote - Lugo - Motril - Tarragona - Reus - El Vendrell - Elda - Castellón - Alcoy - Albacete - Marina Alta - Sagunto - Gandía

https://levantecntait.wordpress.com/2018/07/02/cnt-ait-informa-nota-de-prensa-demanda-de-los-impostores/#more-609
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it