A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Anarchici fiorentini Manifesto delle presenze in aula -- LUNGA VITA AI RIBELLI

Date Wed, 4 Jul 2018 10:31:02 +0300


Italia, anni 10 del ventunesimo secolo. Nel pieno del delirio securitario fatto di telecamere, polizia ed esercito ovunque, si organizza e si arma l'odio razzista e fascista. Mentre il ributtante "uomo della ruspa" conquista il Ministero degli Interni con la complicità del qualunquismo pentastellato, i fascisti di Casapound, Forza Nuova e altre formazioni moltiplicano la loro presenza sul territorio con nuove sedi, librerie, adunate e ronde contro i più poveri. Mentre le aggressioni fasciste ormai non si contano più, l'odio che fomentano ha già aperto il fuoco. E' successo a Macerata, Firenze, Rosarno, Napoli, Milano. ---- Firenze, anni 10 del ventunesimo secolo. Come in altre città, la polizia strangola ogni tentativo di autorganizzazione e lotta, sgomberando le occupazioni e attaccando cortei, presidi e banchetti informativi a suon di botte, denunce e arresti. Il messaggio è chiaro: nel centro storico si vorrebbero lasciare solo ricchi, turisti e forze armate. Chi non porta denari e non alimenta il profitto deve semplicemente sparire dalla città. Chi protesta, pure. Lo si è visto, ad esempio, nel febbraio 2016 in Piazza Sant'Ambrogio, quando alcuni compagni vengono portati in questura e denunciati per un banchetto informativo. Lo si è visto nell'aprile dello stesso anno, in Via Aretina, quando il semplice rifiuto di dare i documenti scatena una caccia all'uomo da parte di decine di poliziotti e carabinieri e una rissa tra anarchici e forze dell'ordine, che portano a tre arresti.

E' la democrazia che serra i ranghi, per assicurare l'ordine della sottomissione e dello sfruttamento.

A seguito dell'attentato di Capodanno 2017, quando un artificiere della polizia particolarmente decerebrato si è gravemente ferito tentando di disinnescare un ordigno contro la libreria di Casapound "Il bargello", il 31 gennaio è scattata l'Operazione Panico contro alcuni di quelli che non ci stanno: gli anarchici fiorentini. Nel giro di pochi mesi questa operazione ha portato a due sgomberi (Villa Panico e la Riottosa), decine di misure cautelari, diversi fermi e arresti. 40 compagni e compagne si trovano al momento sotto processo, accusati a vario titolo per iniziative non autorizzate e attacchi alle sedi dei fascisti, con imputazioni che vanno dalla manifestazione senza preavviso al danneggiamento, fino all'associazione a delinquere, la fabbricazione e il porto di ordigni esplodenti, il tentato omicidio. Tre compagni, Ghespe, Giovanni e Paska, si trovano in carcere da mesi, mentre un quarto, Nicola, è tuttora sottoposto all'obbligo di dimora e firma a Firenze. Ghespe, principale indiziato per l'attentato di Capodanno, viene processato a parte e vedrà la prima udienza dibattimentale il 4 luglio, mentre per tutti gli altri il dibattimento comincerà il 12 luglio.

Se l'impianto accusatorio appare particolarmente debole e gli indizi ridicoli (per non dire inesistenti), non ci interessa entrare nel merito della loro colpevolezza o innocenza. Sono anarchici, e tanto basta: alla magistratura per incarcerarli, a noi per sentirci complici e solidali. Siamo tutti colpevoli di lottare contro un mondo di sfruttamento e sottomissione, contro una città sempre più plastificata e militarizzata, contro gli assassini in camicia nera o verde. Quando la brutalità fascista e razzista prende spazio, si organizza e spara, la protesta culturale e politica non basta più, mentre l'antifascismo da campagna elettorale in stile PD fa solo schifo.

Colpire direttamente i fascisti è giusto e urgente.

MERCOLEDÌ 4 LUGLIO ORE 9 PRESENZA IN AULA PRESO IL PALAZZO DI GIUSTIZIA DI FIRENZE (NOVOLI) PER SALUTARE GHESPE, GIOVEDI 12 LUGLIO PER SALUTARE GIOVA.

Per stare sempre al fianco dei nostri compagni prigionieri nel carcere di Sollicciano

Il 4 luglio alle 18 ritrovo in Santo Spirito per banchetto distro, apericena benefit e chiacchiere di aggiornamento sull' Operazione Panico.

scarica il manifesto in formato pdf: MANIFESTO 4 LUGLIOdef

flyer delle presenze in aula:

scarica il flyer in formato pdf: FLYER LUGLIOpdf

Author: Panico Anarchico

https://panicoanarchico.noblogs.org/?p=384
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it