A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) UNICOBAS: MISURE urgenti e STRUTTURALI per la SCUOLA Vd. in allegato IL VOLANTINO (da DIFFONDERE) - segreteria nazionale

Date Sun, 1 Jul 2018 11:50:23 +0300


QUALITÀ, RISPETTO, PROFESSIONALITÀ ---- MISURE URGENTI ---- 1) Eliminazione L.107/15. Nello specifico: a) eliminazione chiamata diretta; b) eliminazione bonus ‘premiale' e ‘comitato' istituito dalla L.107: inserimento delle risorse per il bonus nel fondo di istituto; c) via gli ambiti: trasformazione del ‘potenziato' in dotazione organica aggiuntiva ex L.270/82, ma su base di singolo istituto, per progetti mirati al recupero, alla formazione di laboratori ed all'approfondimento, nonché alle sole supplenze brevi, con piena titolarità di istituto per tutti i docenti; d) rideterminazione delle ore dell'alternanza scuola-lavoro secondo quanto indicato dai singoli istituti; e) blocco e revisione drastica delle leggi delega collegate alla L.107/15. ---- 2) Anticipo al 2019 del rinnovo del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione a suffragio universale per tutti gli operatori scolastici, previa riforma dello stesso tramite: a) il ripristino del numero dei seggi eleggibili per ogni componente (vari ordini e gradi di scuola, personale ata, etc.) previsti per il Consiglio Nazionale della Pubblica Istruzione ex DD delegati n.° 416 e 417/74; b) l'incarico al CSPI di elaborare il codice deontologico della funzione docente; c) il ripristino dei consigli di disciplina per ogni componente (comprese Scuola dell'Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado e personale Ata, a suo tempo attivati presso i Consigli Scolastici Provinciali) ed attribuzione agli stessi dei contenziosi disciplinari; d) la separazione della carriera da ‘preside' da quella relativa agli ispettori, con concorsi differenziati. Creazione di una carriera ispettiva, proveniente dal corpo docente, con formazione idonea alla valutazione dell'insegnamento delle discipline, della metodologia e della didattica; e) il ripristino della figura del Preside e la sua elezione su base quinquennale o almeno l'elezione del Vice Preside, nel rispetto dell'autonomia decisionale degli organi collegiali presenti nella Scuola Pubblica in netto contrasto con la figura del ‘dirigente'; f) il ripristino, in contemporanea, dell'elezione dei Consigli Scolastici Provinciali, tutt'ora previsti dai DD delegati n.° 416 e 417/74; g) l'introduzione di una precisa previsione normativa che preveda il calcolo della rappresentanza professionale e sindacale del personale della Scuola tramite queste elezioni, tramite il raggiungimento del 5% sui voti (rappresentatività nazionale tramite le elezioni del CSPI - rappresentatività provinciale tramite le elezioni relative ai Consigli Scolastici Provinciali).
3) Uscita della Scuola dal campo di vigenza del DLvo 29/93 che, al momento, nullifica ogni trattativa contrattuale nonché ogni rapporto con la media retributiva europea, definisce il dirigente ‘datore di lavoro' e, in pieno conflitto di interessi, non rende possibili aumenti contrattuali sopra l'inflazione ‘programmata' dalla parte datoriale pubblica (Ministro dell'Economia). Contratto specifico per Docenti ed Ata, componenti professionali, che ripristini quanto eliminato dal DLvo 29/93: ruolo e scatti biennali d'anzianità (come per i docenti universitari).
4) Istituzione di un doppio canale di reclutamento con il 50% dei posti da destinarsi al personale precario, Docente ed Ata abilitato e vincitore di concorso, con l'esclusione della reiterazione dei concorsi e dei percorsi abilitanti per chi è già abilitato e vincitore di concorso. Attribuzione di 12 punti per ogni abilitazione e per ogni anno di servizio maturati. Fase unicamente transitoria che preveda concorsi riservati per i non abilitati non vincitori di concorso. Ripristino del dovere di assumere cittadinanza nella provincia per le supplenze temporanee (non per i contratti annuali), nonché della domanda su massimo tre scuole e dello spostamento in coda alla graduatoria in caso di rifiuto. Stabilizzazione presso gli Enti Locali di LSU ed LPU.
5) Eliminazione del Liceo Scientifico senza il latino e della sperimentazione sul ‘Liceo breve'.
6) Impegno sul piano contrattuale a far emergere gli operatori della Scuola (Docenti ed Ata) dall'ultimo posto nelle classifiche stipendiali europee, portandoli al massimo in nove anni almeno al livello stipendiale della Scuola spagnola (1000 euro mensili netti in più per il personale Docente - 250 per il personale Ata). In caso di mancanza di liquidità da parte dello stato, possibilità di corrispondere al massimo la metà degli aumenti su base annua in bot. Impegno a costruire una carriera per i Docenti, con possibilità, previo concorso interno, di nomina presso le Università nell'ambito della ricerca educativa e pedagogica, del tutoraggio e della formazione di base dei futuri insegnanti.
7) Reintegro delle materie e delle ore di lezione eliminate nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, applicazione della sentenza che ripristina le materie, le ore ed i laboratori soppressi negli istituti Tecnici e Professionali. Ritorno al tempo pieno effettivo e pristino dei nuovi programmi del 1985 per la Scuola Primaria, con particolare riferimento a storia e geografia ed eliminazione della modularizzazione del tempo pieno, dei moduli ‘4 su 3' ed ‘a scavalco'. Ripristino del tempo prolungato nelle Medie.
INTERVENTI STRUTTURALI
8) Innalzamento dell'obbligo sino ai 18 anni in entrata (ultimo anno del Superiore) ed inserimento nell'obbligo dell'ultimo anno di Scuola dell'Infanzia. Ripristino dell'insegnamento del latino nella Scuola Secondaria di Primo Grado. Definizione di legge (per ora assente) delle garanzie sul sostegno per i diversamente abili ex L.517/77 sino alla fine della Scuola Superiore ed all'Università. Classe di concorso specifica sul sostegno, onde evitare l'utilizzazione di personale non specializzato, sempre con permanenza di almeno 5 anni prima di poter passare alla scuola comune.
9) Sostituzione del programma ‘Invalsi' con sistemi sia di autovalutazione, anche ad interscambio e verifica congiunta da parte delle Scuole dello stesso ordine e grado e con analogo tessuto sociale di riferimento, sia di verifica triennale centrale e/o regionale relativamente al conseguimento degli obiettivi datisi dalle Scuole tramite il ptof al fine di potenziare gli interventi che hanno ottenuto buoni risultati e modificare o abbandonare gli interventi inefficaci. Sistemi di stimolo e valutazione legati alla tradizione metodologico-didattica del nostro Paese (anziché alla ‘consuetudine' anglo-sassone, Usa, finnica e scandinava).
10) Messa in sicurezza di tutti gli istituti italiani, ad oggi in regime di deroga, ed in regola per meno dell'85%.
Stefano d'Errico (Segretario nazionale dell'Unicobas)

Clicca su questo LINK e LEGGI l'ARTCOLO de 'LA TECNICA DELLA SCUOLA' sul programma dell'Unicobas: http://www.tecnicadellascuola.it/unicobas-al-ministro-10-proposte-per-cambiare-la-scuola
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it