A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #284 - Juin 1878: La grande révolte kanak (en, fr, pt)[traduzione automatica]

Date Sat, 30 Jun 2018 07:39:15 +0300


Le 25 juin 1878, près de 3 000 Kanak investissent le bourg de La Foa, dans l'ouest de la colonie française de Nouvelle-Calédonie. Après avoir tué quatre gendarmes et quelques colons, les insurgés libèrent un chef kanak emprisonné. C'est le début d'une guérilla contre une colonisation qui avale très rapidement de très vastes territoires que les kanak ne peuvent plus cultiver. ---- «Le jour où nos taros iront manger votre bétail, nous dresserons des clôtures autour de nos cultures. », (Ataï, avant l'insurrection de 1878.) ---- La prise de possession de la Nouvelle-Calédonie par le contre-amiral Febvrier-Despointes au nom de l'empereur Napoléon III a lieu le 24 septembre 1853 près de Balade, à l'extrême nord du territoire, en présence de missionnaires et d'une centaine de Kanak baptisés. « À partir de ce jour, cette terre est française et propriété nationale », proclame le représentant de la France. À partir de cet instant, les atteintes au patrimoine foncier kanak deviennent « légitimes » en droit français. Elles sont progressives et chassent les premiers occupants de leurs terres ancestrales et sacrées. Depuis cette date, véritable tournant dans l'histoire du peuple kanak et marquant le début de la colonisation, les Kanak sont maintenus en situation d'apartheid de fait dans un cadre colonial. Ils sont encore aujourd'hui porteurs d'une véritable civilisation communautaire originale organisée autour de la « coutume » faite de dons et de contre-dons, sans classes et sans État où les rapports humains et les formes de production en fonction des besoins de chacun sont liés à une philosophie qui exclut toute forme de domination, d'exploitation et d'oppression, avec des « chefs » que les fonctions de détenteur de la parole et de dépositaire de la mémoire orale ne situent pas au-dessus de la société et de ses règles.

Cette colonisation ne s'est pas faite sans réactions des populations locales passant du mal de vivre, du refus de procréer, du désespoir sur fond de mortelles épidémies dues à de nouveaux virus, de famines aboutissant au déclin de la population kanak durant les soixante-dix premières années (de 1853 à 1921) jusqu'aux révoltes violentes dont certaines aboutiront à de véritables insurrections.

« La cause principale du soulèvement, c'est la terre qui est non seulement un moyen de subsistance pour le Kanak mais aussi sa raison d'être : référence du clan dans ses échanges, symbole de son unité, lieu de repos de l'ancêtre commun », écrira Wassissi Iopué, représentant du FLNKS en France à la fin des années 1980 [1].

Une insurrection pour la terre
In effetti, l'accaparramento di terre è al centro della resistenza di Kanak alla colonizzazione. Dopo aver preso possesso, fu sostenuto che lo stato francese avrebbe acquistato la terra dal Kanak per evitare qualsiasi colonizzazione selvaggia. Ma l'arrivo delle galere cambiò la situazione, e la proprietà nativa fu abolita nel 1862, lo Stato francese assegnò tutte le terre. Nel 1865 fu creato un permesso di occupazione temporaneo per facilitare l'insediamento di " deportati liberi " ; ceux-ci, en général sans aucune compétence en agriculture, vont développer un élevage extensif sur les bonnes terres kanak produisant leur alimentation à base d'ignames et de taro, ce qui oblige les Kanak au repli sur des terres plus pauvres dans les montagnes. Depuis 1853, l'agressivité kanak va croissant. Ceux-ci incendient des fermes, massa­crent des colons isolés. En représailles, l'armée française ravage les villages, tue des chefs rebelles. En 1868, l'administration admet la « propriété inaliénable et incommutable » des autochtones tout en se réservant un droit d'expropriation, se permettant ainsi de délimiter à son gré les terres kanak. Mais en 1876, l'administration se met à délivrer des permis d'occupation pour toute la colonie. Près de 3 000 colons s'installent « en brousse ". Con la siccità del 1877, branchi di bovini iniziarono a invadere i raccolti di Kanak. Interi villaggi sono ridotti alla scarsità Tutti questi elementi coniugati scatenano l'insurrezione.

Dodici mesi di guerriglia
Dal giugno 1878 al giugno 1879, il grande leader Ataï riuscì a riunire molte tribù contro la pressione dei terreni dei nuovi coloni e il loro estensivo allevamento (i primi abitanti dell'arcipelago occuparono solo il 10% della Grande Terre, grande isola dell'arcipelago). Gli insorti guidano un vero movimento di guerriglia muovendosi incessantemente, tenendo il cespuglio mentre si nascondono in rifugi segreti sulle montagne. Hanno tagliato le trasmissioni distruggendo i fili del telegrafo. I soldati bruciano i villaggi abbandonati dai loro abitanti. Dozzine di fattorie vengono attaccate e circa 200 coloni uccisi. La Francia invia rinforzi negli uomini e nelle armi. È in un certo senso il primo evento " nazionale " di Kanak.

Incisione del capo Atai in abiti tradizionali
Le « nettoyage » de la guérilla dure huit mois et nécessite de multiples expéditions tant par terre que par mer. On voit alors la majorité des déportés communards, arrivés en 1872 et porteurs des préjugés de l'époque à l'égard des populations dites « primitives », demander des armes à leurs gardiens pour mater les « cannibales », à l'exception de quelques-uns autour de Louise Michel et de Charles Malato, anarchistes solidaires des insurgés et véritables premiers acteurs blancs d'un soutien anticolonialiste - Louise Michel, engagée bénévolement dans un travail pédagogique dans les tribus, allant jusqu'à remettre son écharpe rouge de la Commune à des émissaires d'Ataï à la veille de l'insurrection. Des milliers de Kanak viendront saluer le départ de Louise Michel « l'insoumise » sur les quais de Nouméa en 1880 ; et encore aujourd'hui, sa mémoire est très présente dans la population mélanésienne.

Un siècle de révoltes
L'état de guerre dure près de dix-huit mois et la répression est terrible avec près de 2 000 morts kanak. Ataï est assassiné par des Kanak de la région de Canala « ralliés » en septembre 1878. Certaines tribus insurgées sont déportées en mars 1879 dans des îles aux extrémités de la Grande Terre, à Belep au nord, à l'île des Pins au sud.

Il capo di Ataï viene inviato in Francia in un vaso di formaldeide con quello del suo trofeo " stregone ", quindi studiato dal famoso professore Broca, fondatore della Società di antropologia di Parigi, ed esposto nel 1879. Trovato nel 2011 nelle riserve del Museum of Man al National Museum of Natural History, i due teschi sono stati restituiti dal governo francese nell'agosto 2014 mentre i discendenti dei nazionalisti di Ataï e Kanak hanno chiesto invano il loro ritorno per decenni.

La seconda grande rivolta di Kanak, composta da più operazioni di molestie, si svolgerà da febbraio a luglio 1917 attorno ai capi Doui Bouarate e Noël Néa. Preparato a lungo, è innescato dal reclutamento forzato di " volontari " Kanak nel contesto della guerra del 14-18 [2]. Il governo francese trarrà vantaggio dalle divisioni scatenate dal sistema coloniale nel mondo di Kanak per superare la rivolta creando una forza di spedizione di tribù filo-francesi sullo sfondo della cattura degli insorti. Il capo Natale viene ucciso e nel 1918 il processo di 73 Kanak ha provocato cinque condanne a morte.

Poi sarà veglia Kanak 1960 poi gli " eventi " del 1980 per l'affermazione del popolo kanak alla piena sovranità e l'indipendenza del Kanaky essere messo all'ordine del giorno. Lei rimane.

Daniel Guerrier, ex co-presidente dell'associazione Informazioni e sostegno per i diritti del popolo Kanak

Un secolo di colonizzazione
3000 anni: l' arrivo delle popolazioni del sud-est asiatico sull'isola, gli austronesiani, antenati del Kanak. Civiltà " lapita ", quindi da circa l'anno 1000, civiltà Kanak.

1774: James Cook scopre le terre che chiamerà " Nuova Caledonia ", con riferimento alla Scozia.

1844: sbarco dei primi soldati francesi.

1847: primi massacri di Kanak.

20 gennaio 1855: le terre vengono proclamate proprietà dello Stato francese.

1859: creazione di " riserve per i nativi ".

1864: il territorio diventa colonia penale per ospitare i condannati ai lavori forzati, i " transportées ". Inizio della colonizzazione degli insediamenti penitenziari (carcere) e liberi sulle Grandi Terre (la Lealtà non conoscerà alcuna colonizzazione insediativa).

1866: scoperta della " garnierite " (minerale di nichel, dal nome del suo scopritore Jules Garnier). Inizio dell'estrazione del nichel, con manodopera vietnamita, giavanese e indiana.

24 dicembre 1867: decreto che crea la tribù o " chieftaincy ", con gruppi di clan (sul modello dell'influenza polinesiana esistente nella lealtà), collettività riconosciute amministrativamente dal potere coloniale.

1870: Arrivo della Reunionese per piantare la canna da zucchero.

1872: arrivo dei 4.300 deportati di La Commune del 1871 (tra cui Louise Michel e Charles Malato). Arrivo dei coloni liberi alsaziani e della Lorena che si sono rifiutati di annettere la loro regione nell'impero tedesco dopo la sconfitta francese.

1873 : arrivo degli oltre 2.000 deportati di insurrezioni in Algeria (principalmente quella dei Mokrani del 1871).

Giugno 1878: inizio dell'insurrezione. Ci sono solo circa 21.000 Kanak (circa 8.000 potenziali guerrieri) a Grande Terre.

Referendum di autodeterminazione, una possibilità o una trappola ?
A seguito del 1988 Matignon accordi, firmati da Tjibaou per FLNKS (in una posizione di estrema debolezza dopo l'assalto Ouvea), Jacques Lafleur per SERP ( " lealisti ") e Michel Rocard, il governo francese, seguito da Noumea 1998 firmato dai FLNKS, il Rally per Caledonia nella Repubblica (RPCR) e rappresentanti del governo francese sul posto, la scadenza del referendum di autodeterminazione nel 2018 è arrivato con . il Comitato dei firmatari ha scelto la data, il 4 novembre, e la questione nella sua ultima visita a Parigi nel marzo: " vuoi l'accesso Nuova Caledonia alla piena sovranità e diventare indipendente ? "

Il suo risultato è quasi noto in anticipo, sarà negativo per la rivendicazione del popolo Kanak, dato:

- la distribuzione demografica delle diverse popolazioni presenti sul territorio, in cui il Kanak rappresentano oggi, con più di 100 000 persone (che è di per sé una " vittoria " sulla popolazione è sceso a circa 20.000 individui negli anni '20), che quasi il 40% della popolazione totale ;

- l'elettorato speciale, che consente alle persone che hanno avuto una residenza permanente nel territorio dal 1994 a votare (e gli arrivi sono continuati in molti dopo gli accordi di Matignon) ;

- che questo stesso corpo elettorale speciale è viziata da numerose faglie (migliaia di Kanak presumibilmente " trovato " e non iscritti, molti giovani Kanak ed elettori, le registrazioni non registrato fraudolente nei comuni maggioranza " lealista " ...)

- e che non è organizzato da un'istituzione internazionale come l'ONU, ma dalla stessa potenza coloniale con il solo controllo degli esperti delle Nazioni Unite.

Certo, gli accordi prevedono l'organizzazione di altri due referendum di autodeterminazione, nel 2020 e nel 2022 ; ma se quest'ultimo fosse ancora negativo, l'organismo elettorale bloccato scomparirebbe e l'ultima " metro " appena nominata sul posto potrebbe votare secondo la legge francese, e quella sarebbe la fine di ogni possibilità di indipendenza con mezzi elettorali. Fortunatamente, la Costituzione francese non include un articolo simile al 155 della Costituzione spagnola (che ha rimosso ogni autonomia dalla Catalogna). L'attuale autonomia della Nuova Caledonia verrebbe mantenuta, ed è importante (corrisponde a quella che oggi viene rivendicata dai Corsari dell'ex FLNC!).

In questo contesto, le persone di Kanak sono divise sull'atteggiamento da avere: le organizzazioni firmatarie degli Accordi sono quasi obbligate ad accettare le regole del gioco mentre prevedono il risultato, e alla ricerca di modi per garantire che il fallimento non succederà di nuovo tre volte ; mentre altre correnti preferirebbero il boicottaggio di entrata.

Ma come è stato ben sintetizzato, alla convention FLNKS del 28 e 29 aprile, Daniel Goa, attuale portavoce del Fronte: " Un popolo che perde unito è un popolo che è diventato una minoranza in patria dalla colonizzazione di stare in piedi. Se le persone perdono perché sono divise, quale credibilità tiene per il resto della sua lotta ? "

Se lo desiderano, il popolo Kanak una posizione unitaria comune, a prescindere da quale emergerà il consenso nella tradizione della sua cultura, ricordando le ultime parole di Tjibaou poco prima di morire: " Il sangue dei morti è ancora vivo. " Qualunque cosa accada il 4 novembre, l'affermazione rimane !

Daniel Guerrier

[1] Wassissi Iopué, nel Bicentenario e in queste cosiddette isole francesi, Syllepse, 1989).

[2] " 1917: Kanaks fa guerra alla guerra " , Alternative Libertaire, aprile 2017.

http://www.alternativelibertaire.org/?Juin-1878-La-grande-revolte-kanak
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it