A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire - Tratto AL, Cancella Macron ? E dopo ? (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Mon, 28 May 2018 10:53:25 +0300


" Euro Exit ", " VI ° Repubblica ", " reddito universale " ... molti sonagli più o meno chiassosa. Finché non abbiamo messo radicalmente in discussione la proprietà capitalista dei mezzi di produzione e di scambio, non avanzeremo di una virgola. Una buona soluzione ? Socializzazione, autogestione. ---- Ovviamente, se l'ondata di ribellione sociale era vacillante governo e braccato Macron all'Eliseo, si può solo applaudire, perché sarebbe l'indice della forza del movimento sociale. ---- Ma in verità, tra di noi, non ci interessa " Clear Macron ". ---- Macron è niente. " Giove " è solo un mito. La sua politica non è nuova o dirompente . È solo una parte della traiettoria dei suoi predecessori Hollande, Sarkozy, Chirac o Mitterrand. ---- Perché la politica dello stato, in un contesto capitalista, è sempre la politica del capitalismo. Sostituire l'ultra-liberale Macron con un politico keynesiano o sovranista non è la domanda.

La domanda che nessuno osa chiedere
La questione centrale e fondamentale è quella della proprietà capitalista dei mezzi di produzione e di scambio. La domanda centrale e fondamentale è: chi possiede ? Quindi chi decide il nostro futuro ? Chi modella l'economia e la società per profitto ?

Finché non abbiamo messo radicalmente in discussione la proprietà capitalista dei mezzi di produzione e di scambio, non avanzeremo di una virgola.

Scarica PDF da scaricare
Ogni politico ha la sua soluzione chiavi in mano per la cosiddetta cambiamento di vita: qui sarà fuori dall'euro o la chiusura delle frontiere, c'è una Costituente messo in palio, il VI ° Repubblica, il reddito universale, la nazionalizzazione banche e molti altri sonagli più o meno turbolenti.

Ogni volta, poniamoci la domanda: questo politico mette in discussione la proprietà capitalista ? Vuole che l'economia sia socializzata o rimanga sotto il controllo di una minoranza privilegiata ? O tiene un silenzio imbarazzato a riguardo ?

L'alternativa libertaria chiarisce: non ci sarà soluzione alla disintegrazione sociale e al disastro ecologico senza l'espropriazione dei proprietari, la socializzazione dell'economia, la sua autogestione da parte del primo e del primo interessato, la sua attuazione. servizio della popolazione.

Solo socializzando le imprese e l'economia in generale saremo in grado di delocalizzare l'industria, produrre ciò che è socialmente utile e sostenibile dal punto di vista ambientale. È solo affidando la gestione della produzione al primo e il primo preoccupato che possiamo trasformare il lavoro, l'inalienabile, mettere in discussione la separazione tra lavoro manuale e intellettuale, ridurre drasticamente il tempo di lavoro.

Tratto BD: clicca per ingrandire
Per l'autonomia del movimento sociale
Questa autogestione socialista è al centro del progetto comunista libertario che portiamo avanti.

Le classi popolari possono diventare di nuovo attrici e decisori. C'è un bisogno urgente di rafforzare i movimenti sociali, gli scioperi, il sindacalismo, le associazioni di lotta ... Oggi i movimenti sociali cercano un nuovo respiro. Lo troveranno se sapranno come reinventarsi. Per la lotta di classe non si ferma mai.

Ma per ricostruire i movimenti sociali, non bisogna neppure riprodurre gli errori del passato e non mettere vane speranze in un'alternanza politica alla testa dello stato. Nel 1981 come nel 1997, questo ha sempre comportato un indebolimento del movimento sociale e il tradimento delle promesse elettorali ...

L'autonomia del movimento sociale è la condizione della sua capacità politica. Questa è la condizione per il domani per rappresentare una vera forza, senza la quale non ci sarà alternativa al capitalismo.

http://www.alternativelibertaire.org/?Degager-Macron-Et-apres
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it