A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net: [ZAD] Le espulsioni sono cominciate, la ZAD lancia un appello di mobilitazione

Date Sat, 14 Apr 2018 09:42:56 +0300


Scongiurato per anni dal movimento, un nuovo tentativo di espulsioni dalla ZAD di Notre Dame des Landes è cominciato. Dalle 3 del mattino, l'operazione si è manifestata in tutta la sua brutalità: interminabili file di furgoni blu, carri blindati, lacrimogeni, le prime cariche e i primi arresti. Le forze dell'ordine hanno annunciato che ai giornalisti è severamente vietato l'uso di "qualunque dispositivo" e hanno loro bloccato l'ingresso alla zona. Hanno affermato che scattare fotografie è proibito e che i media dovranno accontentarsi da quelle fornite dalla polizia. ---- Queste espulsioni confermano la pretesa del governo a ristabilire la legge, mentre di fatto la calpestano brutalmente. La prefettura non si è degnata di lasciare la possibilità agli abitanti della ZAD di avere accesso al minimo garantito dalla legge sul diritto all'abitare, in questo caso all'accesso a procedure nominative e al diritto di contestare l'espulsione. Eppure gli abitanti della maggior parte della ZAD avevano più volte rivendicato l'appartenenza al luogo a proprio nome negli anni passati.

Il doppio gioco della Prefettura è evidente oggi in tutta la sua ipocrisia: annunciare la ricerca di una risoluzione "pacifica e serena della situazione" proprio mentre invia 2500 agenti a distruggere le abitazioni. Ci viene proposta una possibile soluzione che opera secondo categorie che sono pura fiction, che non rispondono a null'altro che ai bisogni di uno story telling repressivo nel quale si è rinchiuso il governo: qui non ci sono dei radicali da una parte e contadini dall'altra, ma un'inisieme di pratiche e modalità che si intrecciano per condividere questo territorio. Contrariamente a ciò che afferma Gérard Collomb, nessuno si è ancora regolarizzato individualmente a scapito degli altri nelle ultime settimane. L'insieme del movimento ha proposto un quadro di accordo collettivo per la totalità degli abitanti e dei progetti.

Ma il governo non poteva semplicemente ammettere che il progetto dell'aeroporto era inutile, bisognava assolutamente che si vendicasse di chi l'aveva forzato all'abbandono. La terra muore, le strutture economiche più brutali atrofizzano le nostre vite, e ovunque degli individui aspirano a uscire da questo stato di cose. Erano 30000 il 10 febbraio a mettersi in gioco per sostenere il futuro della ZAD. Ma il messaggio politico del governo questa mattina è molto chiaro: non sarà lasciata nessuna possibilità agli spazi di sperimentazione.

La nostra rabbia è grande questa mattina di fronte al disastro rappresentato dalla distruzione in atto di case e spazi di vita che abbiamo costruito qui. La nostra inquietudine è grande all'idea che l'esperienza collettiva della ZAD sia messa in pericolo dall'ondata poliziesca.

Ma la ZAD non sparirà. Noi abitiamo qui, abbiamo messo radici in questo bosco, non ce ne andremo. Nel 2012, l'opprimente arroganza dello Stato gli si ritorce contro. In un contesto di aumento di scioperi, manifestazioni, occupazioni in tutto il paese, scommettiamo che le espulsioni di Notre Dame des Landes diventerà un nuovo motore della rivolta che si diffonde qui e ora. Questa operazione di distruzione si ritorcerà di nuovo contro i suoi artefici.

Chiediamo a chiunque possa unirsi a noi da subito o nei prossimi giorni di venire alla ZAD. Più di 80 punti di raduno sono già previsti in tutta la Francia stasera, tra le altre a Nantes e Rennes alle 18. La risposta a queste espulsioni si troverà anche col tempo. Ci sarà una manifestazione a Nantes questo sabato, e un incontro alla ZAD è stato organizzato per questo weekend.
Related Link: http://zad.nadir.org

https://www.anarkismo.net/article/30925
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it