A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #280 - Cinema: la fabbrica del nulla (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 16 Mar 2018 09:03:06 +0200


L'irruzione del mondo del lavoro nel campo cinematografico è abbastanza rara da essere sottolineata. Inoltre, The Factory of Nothing, il film portoghese Pedro Pinho, lo fa con brio, e mette il pacchetto: tre ore di film e contenuti politici assunti. ---- La storia inizia quando i lavoratori di una fabbrica di ascensori nei sobborghi di Lisbona sorprendono una squadra che ha portato le macchine dalla loro fabbrica nel cuore della notte. Il giorno dopo, la situazione diventa più chiara, quando i dirigenti carnivori vengono a spiegare loro che, di fronte alle difficoltà dei loro affari, sarebbe più ragionevole per loro partire con un piccolo gruzzolo. Una situazione che ha visto centinaia di migliaia di lavoratori in tutta Europa e nel mondo in questo decennio di crisi.

Da lì, il film esplorerà le possibilità a disposizione dei dipendenti per uscire dalla loro situazione. Se prevale l'inerzia e la disperazione, lo sciopero, l'occupazione, la resistenza contro i capi e la polizia che cercano di allontanarli, allora la prospettiva di una ripresa cooperativa della fabbrica, sono quindi implementati. Anche l'ipotesi della lotta armata è prevista - e rapidamente spazzata via - in occasione di una scena molto divertente in cui una scatola di mitragliatrici risalenti alla rivoluzione dei Garofani viene dissotterrata dal padre di un lavoratore. Questa messa in scena del collettivo e dell'autogestione è salutare in un momento in cui il ritiro individualistico minaccia l'intera società e in particolare la classe operaia. Questa realtà non è negata dal film: i dipendenti accettano il ricatto della direzione e lasciano un risarcimento. Ma è la solidarietà che trionfa.
https://www.youtube.com/watch?v=ULPDQpuaalI
Al di là del suo contenuto, il film trova la sua forza in una messa in scena oscillante tra narrativa quasi documentaria e scappatelle poetiche, che culmina in una stravagante e fantastica commedia musicale, che sembra ricordare che il collettivo rende possibili tutti i sogni, anche agli operai e ai lavoratori mutilati dalla globalizzazione.

Vincent (AL Saint-Denis)

Pedro Pinho, The Factory of Nothing, 2017, 2:57.

http://www.alternativelibertaire.org/?Cinema-L-Usine-de-rien
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it