A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL - Siria-Kurdistan, Un comunista libertario nella IFB # 05: ecologia nel confederalismo democratico (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Thu, 22 Feb 2018 09:40:29 +0200


In Afrîn, non si combatte solo per battere gli islamisti e gli imperialisti turchi ; stiamo anche lottando per un diverso progetto della società: il confederalismo democratico. Vorrei esaminarlo attraverso diversi aspetti ... ecologia, democrazia diretta, femminismo ... ---- Libertarian Alternative riproduce i post del blog Kurdistan-Autogestion-Revolution dove, dopo Arthur Aberlin, impegnato nel YPG, ora esprime Damien Keller, impegnato nel Battaglione Internazionale di Liberazione (IFB). ---- Nel corso delle settimane, testimonierà la vita nell'IFB, i dibattiti in corso e l'evoluzione del processo rivoluzionario nella Federazione democratica della Siria settentrionale. ---- Cantone di Cizîrê, 15 febbraio 2018 ---- La battaglia di Afrîn continua, ma ciò che è ovvio è che Erdogan ei suoi scagnozzi islamici dell'esercito siriano libero stanno calpestando. In tre settimane di offensiva, sono difficilmente riusciti ad entrare nella township, e le Forze democratiche siriane hanno inflitto perdite significative, sconfiggendo elicotteri e carri armati. Se continua così, comincerà ad assomigliare all'Afghanistan per l'URSS, o al Vietnam per gli Stati Uniti.

Ma a quale prezzo ? Molti compagni stanno pagando per questo nella loro vita, per non parlare delle vittime civili e della distruzione materiale nelle città e nei villaggi di Afrin Township.

"Lunga vita all'internazionalismo dei lavoratori. Viva l'internazionalismo proletario "(Kurmanji, allora turco).
Inserto: martiri del Battaglione di liberazione internazionale.
Dato che sono costretto a rimanere nel retro ( vedi il mio post precedente ), non sarò contento di commentare la battaglia di Afrîn. Vorrei iniziare a pubblicare alcune note sul processo rivoluzionario qui a Rojava e nella Federazione democratica della Siria settentrionale.

Il " confederalismo democratica ", il cui reclami al PYD e le sue organizzazioni sorelle in diverse regioni del Kurdistan vuole un overflow del marxismo-leninismo, che incorpora diversi aspetti: l'ecologia, democrazia diretta, il femminismo ...

Vorrei esaminarli uno per uno, e condividere osservazioni critiche personali o derivanti da mie discussioni con rivoluzionari différent.es, curdi o no.

Ecologia. Questo è probabilmente l'asse di meno che attualmente lavorano nella società civile Rojava - e, naturalmente, questo è dovuto alla crisi attuale - quando i bisogni sono enormi.

Prima di tutto, bisogna ricordare che il regime di Hafez al-Assad ha realizzato una massiccia deforestazione del Rojava per farne il granaio della Siria. Ciò ha comportato la distruzione dell'intero ecosistema della regione. Ci vorrebbe una politica su larga scala e proattiva per ripiantare intere foreste. Ovviamente non è questo il caso, quando il Rojava si trova in una situazione economica molto precaria - il servizio pubblico di raccolta rifiuti non è nemmeno fornito ovunque, ad esempio.

Uno slogan per tenere pulite le strade: "Una cultura di pulizia, una nazione democratica".
In una strada di Tell Tamer (Girê Xurma).
Va aggiunto che gli anni di guerra hanno portato alla diffusione di munizioni e cartucce le cui componenti chimiche inquinano il suolo da decenni, come si può vedere in Francia dove l'ecosistema di alcuni dipartimenti porta ancora lo stigma di Prima guerra mondiale

Infine, la questione energetica è decisiva. Da un lato, la facilità di accesso al petrolio non incoraggia la popolazione a fare a meno di questa risorsa, nonostante le carenze a seguito del divieto delle raffinerie, che sono troppo inquinanti. D'altra parte, il blocco imposto dalla Turchia e dal suo alleato, il Kurdistan dell'Iraq, impedisce l'importazione di materiali come pannelli solari o sistemi di raffinazione più puliti.

Infine, i principi dell'ecologia anticapitalista, basati sulla produzione locale e autonoma di energia piuttosto che sulla centralizzazione industriale, non sono purtroppo sufficientemente funzionanti nelle nostre stesse organizzazioni politiche e troppo poco condivisi a livello internazionale.

A seguire.

Damien Keller

http://www.alternativelibertaire.org/?Un-communiste-libertaire-dans-l-IFB-05-l-ecologie-dans-le-confederalisme
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it