A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) alternativa libertaria fdca: ARGENTINA - TERRORISTA E' LO STATO - COMUNICATO SUL DOSSIER INTITOLATO "RAM"

Date Sat, 6 Jan 2018 08:48:54 +0200


Il 27 dicembre è stato reso pubblico con mezzi ufficiali un rapporto di 180 pagine intitolato RAM, preparato dal Ministero della Sicurezza della Nazione in collaborazione con i governi provinciali di Río Negro, Neuquén e Chubut, dove si torna nuovamente a criminalizzare, demonizzare e perseguitare ancora una volta i mapuche che si organizzano e resistono; ma anche i militanti sociali, la sinistra e l'anarchismo. ---- Attraverso caratterizzazioni intenzionalmente infondate e basate su elementi di indagini giudiziarie che non sono state ancora chiuse ma che sono state presentate come prova di "violenza e pericolo" del gruppo RAM (Resistenza Ancestrale Mapuche), l'impresentabile fascista ministra Bullrich dichiara che ilcosiddetto RAM è "un movimento che promuove la lotta insurrezionale e che non riconosce lo stato argentino né la legislazione delle province". Questo rapporto collega anche diversi gruppi come se avessero un qualche tipo di relazione e come se, a priori, avessero commesso un crimine quando le loro uniche azioni erano la solidarietà di fronte alla brutale repressione delle comunità Mapuche che aveva già lasciato un bilancio di 2 morti: Santiago Maldonado e Rafael Nahuel.

Nel Rapporto di riferimento, vengono collegati 96 casi dal 2010 in poi, tutti ancora aperti o addirittura chiusi per mancanza di merito, con varie mobilitazioni popolari e attività pubbliche, come se fossero state sviluppate nell'ambito di azione di un gruppo chiamato RAM; mescolando confusamente organizzazioni politiche anarchiche e mezzi di comunicazione alternativi. Montature giudiziarie come queste guidate dallo Stato si sono già viste in Brasile, Spagna e Cile verso settori libertari e altri settori di lotta.

Lo Stato, ancora una volta, cerca di demonizzare e dividere diversi movimenti popolari, con l'obiettivo di creare un nemico interno, un capro espiatorio che giustifichi il vertiginoso aumento della repressione contro la protesta sociale prima delle misure permanenti anti-popolari che esso prepara. Si cerca di far passare che la critica e l'organizzarsi contro gli omicidi ingiusti sia in sé, un atto criminale. Sembra che la solidarietà con il movimento curdo, che affronta il peggio dell'ISIS, implichi il terrorismo. Si vuole creare un senso comune per cui coloro che combattono per il proprio lavoro o per l'istruzione, o in solidarietà per i diritti di tutti, sono criminali.

Allo stesso tempo, si sta cercando di infangare l'immagine del popolo Mapuche, il rapporto li accusa di essere "etno-nazionalisti" per combattere lo storico colonialismo che gli stati argentini e cileni hanno scatenato sui popoli indigeni nelle campagne di sterminio e nell'espropriazione del territorio che poi danno senza riguardo ai potenti uomini d'affari e ai grandi capitali internazionali, scommettendo sulla diffusione della confusione e contribuire a rafforzare il razzismo ancora in vigore.

Rifiutamo, in tutti i sensi, le accuse infondate e maliziose del ministero della Sicurezza e dei governi provinciali di Chubut, Neuquén e Rio Nero e simpatizziamo con le organizzazioni e le persone provenienti di diversi strati popolari di cui sopra. Questo dossier e la sua intenzionalità politica è il nuovo trucco di cambiamento del governo di fronte alle grandi e commosse manifestazioni per la scomparsa di Santiago Maldonado, alla richiesta di giustizia per l'assassinio di Rafael Nahuel e per la legittima difesa esercitata in questo caldo dicembre per le strade dai lavoratori più vulnerabili: i pensionati e le donne che ricevono l'Indennità Universale per i figli, e che hanno visto almeno 4 attivisti popolari perdere la vista da un occhio. Dov'è il confronto? Ci riportano al passato perché non sanno come affrontare l'organizzazione dignitosa e il rifiuto dei popoli che, a poco a poco, cominciano a dire Basta! per frenare le politiche di aggiustamento. Il piano repressivo va di pari passo con il pacchetto di Riforma e la riduzione della forza lavoro che vogliono installare nella regione dell'America Latina.

Il Ministero della Sicurezza ha deciso di formare una commissione e un comando operativo congiunto, composto da forze federali e provinciali di Chubut, Rio Negro e Neuquen dove promettono anche di usare il sistema giudiziario per condannare prima che ci sia un'indagine (come è in effetti previsto dal "Report"), o il doppio processo incostituzionale come nel caso di Facundo Jones Huala, ma approvato dai media. Il dato di colore sul Rapporto è che in esso appare come una prova della violenza usata dalla RAM, il taglio fatto il 1 ° agosto per la libertà di Facundo, una foto in cui si vede espressamente Santiago Maldonado, che fu poi ucciso dalla repressione brutale di 130 gendarmi contro 10 compagni. Appaiono anche come prova, strumenti di lavoro come seghe, cacciaviti, pietre, una sporca presa in giro.

CHI VIENE CRIMINALIZZATO
L'elenco di persone e organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella RAM è lungo e noioso, oltraggioso perché ogni giorno usiamo le nostre forze per costruire un mondo dove non ci siano più l'ingiustizia patriarcale, razzista, capitalista e estrattiva da parte delle comunità originarie come delle organizzazioni dei piqueteros, dei sindacati, delle organizzazioni femministe, dei diritti umani, sindacali e sociali. A tutti i combattenti popolari offriamo la nostra solidarietà per la demonizzazione fatta dal governo di Cambiemos e chiediamo alle organizzazioni sociali di ripudiare e fermare questo scenario miserabile che ci stanno preparando.

A titolo informativo, rendiamo noti coloro che compaiono nel dossier del Ministero della Sicurezza:
https://es.scribd.com/.../RAM-Informe-conjunto-realizado-entr...
-Persone che appaiono come sostenitori della RAM: Moira Millán (Donne Indigene per il Buen Vivir- Comunidad Pillan Mahuiza); Facundo Jones Huala (Pu Lof en Resistencia Cushamen)
-Organizazzioni/mezzi di comunicazione che compaiono come collegati alla RAM:
Federación Libertaria Argentina; Colectivo Anarquista Regional La Plata; Acción Socialista Libertaria; IRPGF (Fuerza Guerrillera Popular Revolucionaria Internacional)-Siria-; Kurdistán América Latina(Portal de noticias)
-Organizzazioni/mezzi di comunicazione che compaiono come collegati alla RAM per aver dimostrato solidarietà col popolo curdo in lotta per la sua autodeterminazione:
FM 99.5 Programa Zumba La Turba, (RNMA); Editorial Sudestada; El Churqui, centro cultural, Moreno; Convergencia Socialista; Federación Anarquista de Rosario
-Organizzazioni che compaiono come direttamente collegate alla RAM in quanto presunti finanziatori:
ATE Neuquen; IPES(Instituto de Promoción de Derechos Sociales)
-Organizzazioni che compaiono come direttamente collegate alla RAM, per presunto sostegno militare:
FARC-Colombia-

E una lista vergognosa di almeno 20 persone, alcune semplicemente per identificazione della polizia, altre da arresti in manifestazioni o fatti arbitrariamente, vengono presentate dal Ministero della Sicurezza come membri delle azioni della RAM.

A Patricia Bullrich (Ministro della sicurezza), al governo di Mauricio Macri e ai governi provinciali di Mariano Arcioni (Chubut), Omar Gutierrez (Neuquén) e Alberto Weretilneck (Río Negro), li riteniamo responsabili di intimidazioni, minacce e qualsiasi pericolo che scatenano esponendoci alle loro forze repressive.

BASTA CON LE MONTATURE!
LIBERTÀ PER FACUNDO JONES HUALA!
GIUSTIZIA PER SANTIAGO MALDONADO E RAFAEL NAHUEL!
AVANTI CON LA LOTTA!
(traduzione a cura di Alternativa Libertaria-Ufficio Relazioni Internazionali)

http://alternativalibertaria.fdca.it/wpAL/blog/2018/01/02/argentina-terrorista-e-lo-stato-comunicato-sul-dossier-intitolato-ram/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it