A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL Décembre - Camerun, Togo: repressione mortale e complicità francese (en, it, fr) [traduccion automatica]

Date Wed, 3 Jan 2018 14:16:19 +0200


Negli ultimi mesi, i movimenti sociali hanno scosso il Camerun e il Togo, due paesi tra le dittature amichevoli della Francia. ---- In Camerun, una nazione prevalentemente francofona, la minoranza anglofona, che rappresenta circa il 20% della popolazione, è stata a lungo emarginata dal potere del dittatore Paul Biya. Per esprimere i loro sentimenti di inadeguatezza, hanno dimostrato per la prima volta il 22 settembre, riunendo " tra 30.000 e 80.000 persone in una trentina di città e località inglesi.[...] Inizialmente pacifici, le marce divennero violente in alcune località " [1]. La violenta reazione delle forze di sicurezza e di sicurezza ha poi lasciato almeno 4 morti e decine di feriti tra i manifestanti. ---- Indipendenza di Ambazonia ---- Il secondo atto, più sanguinosa, ha avuto luogo il 1 ° ottobre alla chiamata secessionisti anglofona. Di fronte alla portata inaspettata delle manifestazioni del 22 settembre, " il governatore ha schierato un nuovo rinforzo di 1.000 soldati e imposto uno stato di emergenza e una legge marziale di fatto (arresto di civili da parte dell'esercito, sentenza nel tribunali militari) " [2]. Inoltre, su richiesta delle autorità, gli operatori telefonici (Orange e MTN) hanno interrotto l'accesso a Internet, rendendo estremamente difficile sapere a distanza cosa stava accadendo: decine di migliaia di persone sono andate a camminare pacificamente, bandiere di sollevamento e proclamano simbolicamente l'indipendenza di uno stato di lingua inglese chiamato Ambazonia. La repressione è stata estremamente violenta, sostenendo tra le 40 e le 100 vittime, secondo le fonti, e oltre 500 arresti secondo Amnesty International.

In Togo, è nell'intero paese che il popolo è stufo di un potere clanico e mafioso. Dopo il regno di 38 anni Gnassingbé Eyadéma, il potere è stato monopolizzato nel 2005 da suo figlio Faure Gnassingbe al prezzo di una " transizione " a ogni violenza (500 morti e 40.000 réfugié.es secondo le Nazioni Unite). Da allora, Faure fatica a mantenere il potere in una patina democratica fragili, che lo porta a voler cambiare la costituzione per evitare la limitazione del numero di mandati presidenziali (provata ricetta di altri dittatori di Françafrique) .

Il popolo togolese si mobilitò per inseguire il tiranno
Di fronte a questo progetto, la mobilitazione popolare era al rendez-vous, con diverse scadenze di incontri il cui punto culminante, il 18 e 19 ottobre, fu a sua volta violentemente represso: " almeno 16 persone uccise, dozzine di persone feriti e arbitrariamente arrestati, a volte processati senza avvocati " [3], senza dimenticare l'uso delle milizie che rintracciano gli avversari nelle loro case.

In questi due casi recenti, la voce diplomatica della Francia esprime " preoccupazioni " e condanna " la violenza " ... Ma in Camerun, in Togo e in molti altri paesi " amici ", accompagnano dozzine di agenti di polizia e militari francesi e addestrare le forze armate attraverso accordi di cooperazione (il cui contenuto non è attualmente trasparente). Ma fermare questa cooperazione nel cuore dell'arsenale repressivo dei regimi criminali non sembra attraversare la mente del governo francese, che preferisce chiamare sommariamente tutte le parti " al dialogo e al controllo ".

Onda di Natale

[1] Nota dell'International Crisis Group (ICG) del 19 ottobre 2017

[2] Idem

[3] Banconote in Africa, associazione Survival mensile, ottobre 2017

http://www.alternativelibertaire.org/?Cameroun-Togo-Repression-meurtriere-et-complicite-francaise
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it