A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Alcune idee per capire fujimorismo di Cusco Libertario - ALB (ca, en) [traduzione automatica]

Date Mon, 1 Jan 2018 12:19:34 +0200


Il partito di Pedro Pablo Kuczynski, attuale presidente del Perù, non ha maggioranza al Congresso. Ha approvato una mozione di censura, promossa dal partito Fujimorist Popular Force, precisamente con i voti dei deputati di quella forza di opposizione. Poco dopo, ha dichiarato il perdono per Alberto Fujimori, imprigionato per crimini contro l'umanità. Decine di migliaia di persone sono scese in piazza al grido di L'indulto è un insulto! e chiedendo le dimissioni di tutti i corrotti. Due dei suoi ministri hanno anche rassegnato le dimissioni per il momento. ---- In questo articolo di Cuzco Libertario, il Fujimorismo è spiegato come il populismo di destra e come può continuare a contare così fortemente oggi. ALB ---- Cosa rende ancora un supporto un personaggio discutibile? Il Fujimorismo è un messianismo neoliberale postmoderno? Come sconfiggere un movimento che non si basa su argomenti razionali?

Il mito Fujimori

Tutte le versioni di quanto accaduto nell'ultimo decennio del XX secolo coincidono con l'indicare una figura storica, nel bene e nel male, chiamata Fujimori. Alcuni lo ringraziano per i suoi "successi nelle politiche economiche" e hanno sconfitto il terrorismo. Altri condannano la loro corruzione e la loro politica repressiva e autoritaria. Ma tutti continuano a indicare virtù e difetti come appartenenti all'individuo, come se un altro presidente fosse stato al suo posto, non avrebbe avuto gli stessi pregi e difetti.

La verità è che tutto ciò che Fujimori avrebbe fatto sarebbe stato fatto da chiunque fosse al suo posto. Per cominciare, ha applicato il programma economico di Vargas Llosa, incluso lo shok, motivo per cui molti sostenitori e consulenti del romanziere hanno finito per unirsi a Fujimorismo. Machiavellico consigliere Vladimiro Montesinos sarà presentata a nessuno, naturalmente, che si è rivelato perfetto "cinese", ma guardando la distanza, ha altri candidati non hanno ceduto alla presenza di questo individuo addestrato dalla CIA?

La sconfitta del terrorismo non è stata nemmeno utilizzata in campagna dallo stesso Fujimori, ricordo chiaramente che stava parlando della lotta alla recessione per eliminare le basi di Sendero. La verità è che Sendero non ha mai raggiunto l'"equilibrio strategico" che ha proclamato, è stato sconfitto dai turni in campagna e con ampio rifiuto delle organizzazioni popolari nelle città. I suoi attacchi di quegli anni erano solo il suo manotazo annegato. Gli stessi poliziotti che hanno combattuto contro questo negli anni '80, sarebbero stati quelli che avrebbero finalmente catturato Gonzalo, un fatto in cui nulla aveva a che fare con i cinesi e meno il suo consigliere.

Succede che nell'anno 90, la popolazione era disperata a causa della crisi economica, Vargas Llosa offrì il neoliberismo come l'unica soluzione e la sinistra subì gli effetti della crisi mondiale del marxismo. Poi appare uno sconosciuto che può crescere nei sondaggi. È ingenuo pensare che i poteri che non hanno scoperto il passato di un personaggio così "oscuro". Il suo lavoro e il suo background politico erano sufficienti per rendersi conto che sarebbe stato un utile governante e facilmente manipolato dai potenti gruppi. Ciò ha permesso alla gente di essere fiduciosa con questo "salvatore" e ha creduto di aver sconfitto il neoliberismo. Illusione che si è conclusa con il fujishok un mese dopo l'insediamento, tuttavia, il supporto di Fujimorist è cresciuto invece di diminuire.

È interessante confrontare ciò che accadde con Ollanta 16 anni dopo, quando, come El Chino, non adempì la sua promessa (caso Conga). Ma questa volta ha perso rapidamente il suo sostegno popolare. Gli anni spiegano questa differenza in parte (la delusione era maggiore in uno script noto) e c'è un ulteriore fattore:

Il Fujimorismo è "l'altro percorso"

Una delle caratteristiche evidenziate nella campagna degli anni '90 era che Fujimori era "chinito". La sua etnia pesava molto sulle persone ed era abilmente usata dal candidato e più quando era già il governo. I suoi compagni erano plurietnica, per la prima volta un congresso pieno di volti marrone e quechua era vice presidente. Tuttavia, dopo l'autogolpe del 1992, il vicepresidente voleva guidare l'opposizione democratica parlando in quechua. I fatti dimostrano che l'identità andina non era quella che pesava sul "cholos" di quel tempo.

Fujimori ha avuto un'origine e un discorso basato su quella che è stata definita "cultura chicha". L'argomento di umili origini che è venuto a trionfare nel mondo dei bianchi, come migliaia di mercanti, itineranti e migranti, avevano cercato. Riuscire nel mondo moderno, non cambiare la società o renderla più giusta, ottenere solo un posto di quella "promessa della vita peruviana", anche se per ottenerla dovrebbe commettere abusi.

Fujimori sciolse il Congresso e il potere centralizzato nella sua persona, implementando un modello che sarebbe stato ricorrente 20 anni dopo: colpi di stato, dittature guidate da civili. I partiti politici si sono opposti alla misura, unendosi a questa destra e a sinistra. Ma l'effetto ottenuto era contrario, la popolazione vedeva in loro l'unione di tutti i colpevoli del malessere del paese e li inclinava piuttosto a sostenere la dittatura.

Poi, con un governo improvvisato che aveva l'unica dottrina per favorire gli affari, la corruzione è stata scoperta a livelli mai visti prima. Ed è stato questo che ha finito per indebolire il regime, i suoi ultimi anni tormentati dalla protesta studentesca e seppellirsi con i suoi stessi eccessi autoritari. La ri-rielezione, la marcia di 4 di loro e i vladivideos hanno liquidato un regime che solo un anno fa sembrava molto rafforzato.

Tuttavia, gran parte delle loro basi sociali è rimasta Fujimorist e sono quelle che ora supportano il loro ritorno. Questo non può essere spiegato solo dal clientelismo e dalla gestione simbolica che i cinesi avevano. Le sue basi continuarono a riflettersi in questo leader che non proveniva da una tradizione politica ma da un'esperienza di vita simile alla sua, era un "imprenditore di successo" per usare termini contemporanei.

Da 90, i politici seri e piuttosto ideologici sono stati sostituiti da politici con caratteristiche attori televisivi o film di: persone tra il pubblico (gli elettori) sono subliminale riflessa, grato per i loro trionfi e si rallegrano di questa trionfo di una squadra di calcio o il successo del fidanzato del romanzo. In entrambi i casi, queste gioie non cambierà la vita dello spettatore, ma questo si sente una soddisfazione simbolica che si muove attraverso la vita vuota e alienata rimanente. Né disprezza che i suoi "eroi" vincano cifre altissime. Il neoliberismo ha portato queste modalità di spettacolo alla politica.

Somiglianze e differenze tra Fujimorism e altri neoliberalismi

In Argentina, il neoliberismo è stato implementato da Carlos Menem, un leader autoritario e corrotto che ha governato tutti i 90 anni (è diventato anche amico di Fujimori), successivamente processato e condannato per corruzione. In Brasile è stato avviato da Collor de Melo, che si è dimesso a causa di scandali di corruzione. In Messico c'era Carlos Salinas, il cui fratello Raúl fu condannato per corruzione alla fine del mandato di suo fratello. Come vediamo, la corruzione e l'autoritarismo sono stati una costante nei governanti neoliberisti del decennio. La differenza è che nessuno ha costruito una base sociale in grado di tornare 20 anni dopo, forse questo è dovuto alla tradizione autoritaria più presente in Perù che in quei paesi.

La maggior parte dell'America Latina era tornata alla democrazia negli anni '80, ma solo in Perù è scoppiata una guerra civile senza precedenti. Questo spiega perché la paura del ritorno del terrorismo sia più forte della paura di perdere la democrazia. Il caso peruviano è più simile al caso centroamericano, ma in questi paesi i guerriglieri hanno negoziato la pace con i governi neoliberali. Questi guerriglieri erano stati ben visti da un buon settore dei loro paesi, a differenza di Sendero, che non solo era stato interrogato dalla sinistra peruviana, ma era anche stato affrontato penalmente. Inoltre, l'assenza di un "equilibrio strategico" significava che non c'era alcuna possibilità di negoziazione e Fujimori si prese cura di costruire la sua immagine come il vincitore del terrorismo, fomentando la paura di Sendero nella popolazione. La guerra era finita nel 1993,

Lo stesso modello autoritario cinese è stato applicato da altri governi nel decennio successivo, ma per contrastare il neoliberalismo. Per Chavez in Venezuela e Morales in Bolivia sono sintomatici, caudillismos messianici costruite mescolando paura il ritorno del neoliberismo. Sebbene il neoliberismo non sia mai stato veramente abbandonato, ha incoraggiato l'inclusione di ampi settori marginali dei loro paesi, il caso dei boliviani indigeni è il più interessante. Vale a dire, i progressisti hanno fatto quello che Fujimori ha solo predicato ma mai realizzato. E anche allora, ha ancora il sostegno popolare.

Somiglianze e differenze della dittatura e della democrazia

La caduta del fujimorato fu una mezza vittoria, poiché la Costituzione del 93 e l'intera struttura dello stato neoliberale furono mantenute. La politica locale era piena di piccoli Fujimoris: leader autoritari e corrotti, che in alcuni casi aspiravano alla presidenza. Questo modo di fare politica è andato avanti fino al presente e il caso Odebrecht è solo un esempio.

Per quanto riguarda la repressione, più violenza abbiamo visto in governi democratici come il secondo di Alan Garcia, che negli anni peggiori della dittatura. Inoltre, se esaminiamo il rapporto sul CVR, notiamo che ci sono state più violazioni dei diritti umani nel governo di Belaúnde che in Fujimori, e che questi eventi si verificano in un contesto di guerra, quindi, questi crimini sono dati a su larga scala all'inizio del fujimorato, diminuendo in seguito.

Che sì, il fujimorismo ha usato la paura del terrorismo per reprimere ogni protesta, arrivando a omicidi selettivi che hanno anche indebolito la sua immagine. Queste politiche sono state modificate solo in parte e grazie alla pressione della società civile, ma continuano ad essere applicate nei conflitti sociali. Nelle aree colpite da megaprogetti e aziende estrattive, non c'è differenza tra la dittatura e l'attuale democrazia presunta.

Un altro aspetto interessante è quello culturale. Ha prolungato la "cultura chicha" di cui Fujimori ha approfittato, gli imprenditori continuano a scegliere leader in cui sono riflessi anche se non esiste un vero collegamento, sono contenti con le opere o con i regali, con l'idea che tutti i politici sono corrotti e quindi preferisco scegliere uno conosciuto. Lì, un Fujimori è ancora l'opzione migliore.

Prison Fujimori ha aumentato questo link simbolico dei suoi seguaci, che hanno espresso i poveri "cinese" è in carcere, anche se ha fatto buone azioni, questo è simile a difendere il giocatore e rubacuori del romanzo che potrebbe aver commesso crimini, ma Lo perdona per le "illusioni e le gioie" che ci ha fatto vivere. La politica si trasformò in uno spettacolo non riguardano solo il Perù, è stato dato alla coppia intenzionalmente abbassato il livello culturale in tutti i paesi, si tratta di una politica neoliberista.

Ogni generazione ha la sua lotta

La generazione che si è ribellata al fujimorato lo ha effettivamente fatto contro il sistema, a suo modo e con il discorso più conveniente dell'epoca: il recupero della democrazia. Molti dei giovani furono poi coinvolti nei successivi governi neoliberisti, giustificando che la loro lotta era stata contro un regime autocratico e corrotto con il proprio nome, Fujimori.

Facendo un confronto tra quella ribellione giovanile e quella contro la legge Pulpín, ci sono apparenti somiglianze ma più differenze. I "pulpines" si ribellarono a una legge specifica, con discorsi più anti-sistema rispetto ai loro predecessori. Hanno costruito un'esperienza senza precedenti nel paese, le zone, che sono state viste in altri paesi negli ultimi decenni, ma qui sembrava impossibile. Tuttavia, lo spirito pulpín è stato in gran parte assorbito dall'antifujimorismo che ha impedito l'elezione di Keiko Fujimori nel 2016.

È curioso che gran parte degli antifujimoristas siano giovani che non vivevano direttamente durante il tempo del fujimorato. Ma sanno che la paura che ha generato quel periodo ed evitare il suo possibile ritorno rende accettabile qualsiasi governo, così come i progressisti in Brasile o in Bolivia, presentandosi come l'unica opzione per evitare il ritorno neoliberista. Questa paura è in concorrenza con un'altra più grande e più perniciosa, la paura del ritorno del terrorismo, la paura che favorisce i neoliberisti in generale, ma più il Fujimorismo in particolare, basato sull'idea che sarebbero stati i soli cinesi a sconfiggere quella minaccia .

In questo scenario, affrontare la corruzione con l'onestà per sconfiggere il Fujimorismo non funziona, perché la popolazione ritiene che tutti i politici siano corrotti. Né la dicotomia democrazia-dittatura aiuta, perché nella maggior parte degli abitanti la dicotomia è invisibile. Quindi, il potere del Fujimorismo non è nelle sue azioni o nei suoi soldi, ma nelle sue basi sociali ed è lì che dovrebbero lavorare la sinistra e la democrazia. Basi che cercano forti leader di origini "non bianche", è per questo che Toledo fu in grado di competere con Fujimori, anche se in seguito il suo caudillismo fu rapidamente svuotato, come accadde anche a Humala. Altri esempi di questi "possibili rivali" sono Antauro Humala o Goyo Santos.

Ma sostituire un caudillo con un altro avrebbe solo un valore simbolico, sarebbe Fujimori senza Fujimori (qualcosa che Toledo aveva promesso negli anni '90). Il problema è come portiamo gli insegnamenti delle Zone e di molti altri, in quei quartieri circondati da resti di Path da una parte, e Fujimorism oggi dall'altra. Come cambiamo il paradigma "progressista", la ricerca del successo personale, ad aspirare quella modernità "chicha", per un paradigma più comunitario e libertario. La lotta è nelle esperienze concrete che possiamo costruire come alternativa al neoliberismo e alla sua corruzione.

Link correlato: http://anarcochero.blogspot.com.es/2017/12/algunas-ideas-para-entender-al.html

https://www.anarkismo.net/article/30758
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it