A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL Décembre - Melenchavism: i sindacati dietro di me ! (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 29 Dec 2017 09:08:23 +0200


Mélenchon ci aveva promesso. Il milione, il milione di manifestanti contro le ordinanze ! Quindi tornò indietro. È acidità che spiega la sua accusa contro " i sindacati " che non desiderano seguire l'esempio ? Ma chi è il capo della Francia insubordinata ? ---- Nel suo blog e nei media, Jean-Luc Mélenchon ha giocato le grandi braccia fino alla sua marcia del 23 settembre a Parigi. Dato il successo molto relativo di questa ascesa nazionale e le critiche al suo approccio egemonico, dichiarò che permetteva ai sindacati di " prendere il controllo " dell'organizzazione della lotta contro le ordinanze. Troppo gentile, grazie ! Quindi, di fronte alle reali difficoltà dei sindacalisti nello sviluppare un solido movimento di sciopero, iniziò a incolpare i sindacati, le loro divisioni e la loro indipendenza per essere responsabili della situazione. Estratti dal blog di General Méluche, 31 ottobre:

" La Carta di Amiens costantemente richiamata di nuovo avrà avuto un buon ritorno. E 'giunto il momento che molti di coloro che si riferiscono ad essa per stigmatizzare la presenza di organizzazioni politiche nella lotta sociale si chiedano se questo documento risalente al 1905 e frutto della battaglia tra marxisti e anarchici all'inizio del secolo precedente debba rimanere un dogma senza sfumature 111 anni dopo. Perché questo testo fissa una strategia di unità dei lavoratori tenendo a distanza le "sette socialiste" (all'epoca, nel 1905, ci sono cinque partiti socialisti) per consentire l'innesco del "colpo rivoluzionario generale" ... Tra i leader dell'attuale movimento sociale, che intende preparare oggi uno "sciopero generale rivoluzionario" come previsto nella "carta di Amiens" ? Nessuno ! "

" Certo, il 16 novembre devi essere nella mobilitazione sindacale. Come in ogni stadio, la Francia insubordinata si mobilita a fianco dei sindacati mentre l'opposto non è mai vero. Nessuno, compresi quelli che danno lezioni, si mobilita così tanto. Dobbiamo porre fine a questa ipocrisia. In ogni caso, lo dico chiaramente: le organizzazioni politiche hanno il loro posto nella mobilitazione e nella condotta del movimento di resistenza sociale. "

Questi estratti richiedono commento: partiti operai elettorali oggi sono nello stesso stato di frammentazione e del settarismo a cavallo del XX ° secolo. Con la Carta di Amiens - che risale al 1906 e non a partire dal 1905 - gli anarchici ei sindacalisti rivoluzionari avevano due obiettivi: preservare l'unità della CGT dalle rivalità tra fazioni politiche ; per proteggere il movimento dei lavoratori dalle illusioni riformiste. Ovviamente, la Carta è ancora attuale ! Se troppo pochi attivisti sindacali - siamo - menzionano ancora lo espropriatore dello sciopero generale, ahimè i melenchonisti brillano su questo terreno né in congressi, né nell'AG ...

L'esternalità richiesta per il movimento sociale è sorprendente. Fare finta che " nessuno si mobilita tanto " come l'IF è altrimenti grottesco se non per giustificare le affermazioni di Mélenchon di dirigere l'attività sindacale. Non abbiamo bisogno di leader politici ma costruttori e costruttori di sindacati.

Infine, dobbiamo ancora una volta ricordare che Mélenchon ha una responsabilità diretta per il disincanto e l'attesa-veggenza che colpiscono il proletariato per essere stati così a lungo un leader e una sicurezza per il PS, senatore, segretario di stato al servizio delle politiche liberali.

Produttori e produttori, salviamoci !

Jean-Yves (AL 93-center)

http://www.alternativelibertaire.org/?Melenchavisme-Les-syndicats-derriere-moi
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it