A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) usi-ait: Solidarietà autogestita

Date Wed, 20 Dec 2017 07:50:12 +0200


Maltempo, nelle zone colpite dalla furia delle acque i compagni delle BSA e di Solidarietà Autogestita ---- Da RossoParma 15 dicembre 2017 ---- Written by Cristiano Antonino ---- Usi Ait ---- Brigate Solidarietà Attiva ---- I cataclismi climatici sono una vera iattura. Non vi è molto di positivo da ricavare da situazioni che prevedono se non (fortunatamente) morti, comunque sofferenze, privazioni ed un destino segnato. ---- Tra i pochissimi lati positivi, il fatto che diventano occasione di una solidarietà agita ed inseribile in un più generale modo di intendersi in mezzo agli altri, di tradurre in quotidianità la propria scala di valori. ---- Ovviamente non ci riferiamo a quei quattro cacciatori di selfie di Casapound (notoriamente selfie dei selfie), che spalano poche ore e in virtù di ciò fanno un book fotografico di spessore matrimoniale, bensì a compagni che nel tempo hanno dimostrato presenza e continuità non solo nella gestione dell'emergenza, ma anche nel periodo successivo.

Ed è bene essere chiari: è nella seconda situazione che si misura la gratitudine della popolazione civile, perché quando i riflettori si spengono...si spengono. Le grandi organizzazioni sbaraccano, i tanti politici giunti sul luogo per farsi fotografare riprendono a battere i territori a caccia di voti e ciò che rimane al cittadino colpito da un sisma o da un evento idrogeologico è il silenzio. Un grande e spaventoso silenzio.
Tra le organizzazioni che rompono questo silenzio ne segnaliamo due particolarmente meritorie, entrambe messe in piedi da Compagni con la "C" maiuscola: le BSA ( PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK ), acronimo di Brigate di Solidarietà Attiva, e Solidarietà Autogestita, un progetto del sindacato conflittuale Usi-Ait ( PER APPROFONDIRE LEGGI E VAI A RITROSO NEI LINK ).

Sono già sul posto, e si stanno dannando l'anima per aiutare chi ha bisogno.
Le foto sono poche e scattate male: ci sono gruppi che dedicano più attenzione allo spalare che al mettersi in posa. Anche in queste cose si misura una differenza. Quelli che seguono sono i post delle pagine, cui facciamo seguire i link nel caso aveste voglia di dare una mano.

BRIGATE DI SOLIDARIETÀ ATTIVA: l'emergenza alluvione in Emilia continua. Dopo l'acqua é ora di fare i conti con il fango, che ha ricoperto le strade e invaso le abitazioni. La popolazione si é già rimboccata le maniche iniziando i lavori di ripulitura. Anche i nostri volontari si sono messi al lavoro e anche oggi, "dal Popolo per il Popolo", ha dato dimostrazione di non essere solo uno slogan. Ringraziamo chi oggi a Lentigione ci ha messo a disposizione l uso della propria rimessa dopo averlo aiutato a spalare e a togliere il fango da casa. Da oggi abbiamo una nuova base operativa in cui sistemare le nostre attrezzature ed essere operativi già dalle prime ore di domani! AVANTI BRIGATE

GUARDA LA LORO PAGINA FACEBOOK

SOLIDARIETÀ AUTOGESTITA: Oggi come Solidarietà Autogestita, progetto USI per aiutare chi vive situazioni di difficoltà causa calamità naturali, un gruppo di noi è stato a Lentigione a dare una mano.
La situazione è molto difficile, perchè lì le case sono basse, e se entra l'acqua, prende quasi sempre anche le case oltre i garage e cantine.
Noi siamo stati alla scuola materna a spalare fango, poi, in attesa delle pompe (che scaricano acqua, ma ne togli e da sotto torna...), abbiamo fatto un giro in paese per continuare ad essere utili: che disastro, soprattutto chi vive vicino all'argine: tutto da buttare, una vita intera di sacrifici e ricordi. Quando si scrive "tutto" si intende" tutto", letteralmente.
Se pensiamo al Montanara da noi, la prima cosa che si nota è che non c'è tanta gente a dare una mano, un po' perchè -banalità- è un paese, e le abitazioni, più che grandi condomini - e quindi tanta gente che aiuta, solidale- sono case basse, e quindi più di tanto la gente non c'è, un po' perchè non è scattata la "mobilitazione mediatica" per cui tanti venivano lì in un meccanismo un po' artefatto ma comunque virtuoso. Vedremo meno foto in posa col badile, nei prossimi giorni.
Lavoro permettendo, cercheremo di organizzarci ancora nei prossimi giorni.
Coraggio Lentigione!
p.s. non abbiamo visto salamandre pubblicizzate e pubblicizzanti, ma potremo vedere le foto nei prossimi giorni sicuro.

http://www.usi-ait.org/index.php/notizie/1472-solidarieta-autogestita
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it