A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL Décembre - The Chained: Nella carne dei precari (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Sun, 17 Dec 2017 08:45:59 +0200


Nel riferire sui suoi due anni di lavoro in cinque società di Hauts-de-France, il giornalista Thomas Morel vuole che i lettori, molti dei quali non lo sentiranno mai nella loro carne, sentano un po 'della realtà del lavoro. più precario. Ed è un successo. ---- Così lavora alla catena, per il cioccolatiere Cémoi, poi in un'enorme fabbrica Toyota, di fronte alla sua organizzazione del lavoro ultra-parcellizzato e ultra-standardizzata. Racconta le cadenze e le difficoltà infernali che distruggono lentamente i corpi di operai e operai, come Armelle, che la distruzione del tunnel carpale forzerà ad essere operata, anche se continua a funzionare nel frattempo, perché non ha scelta. ---- Alla Toyota, il giornalista sperimenta la difficoltà di scioperare, un diritto che userà più volte durante il movimento contro la legge sul lavoro del 2016, quando lavorava nella compagnia giapponese, e che varrà la pena per lui. non vedere il suo contratto rinnovato.

Le altre sequenze escono dal mondo industriale, per farci scoprire un universo terziario come da incubo. L'autore ci porta prima al call center Clictel, che lavora per i negozi Boulanger. Sotto la patina di start-up della mente, i dipendenti hanno scoperto rapidamente sorveglianza pervasiva cui è soggetto, come tutti i suoi colleghi, e anche l'inutilità del suo fianco, il cui valore aggiunto è in qualche modo discreto.

Poi, il giornalista occupa un posto di VRP a Ranger, dove deve firmare, porta a porta, contratti per GDF Suez. E una novità, probabilmente un futuro nella nostra società sempre più ubriaca: nessun salario fisso, solo commissioni per ogni contratto firmato. Ciò incoraggia i venditori a mettere da parte la propria etica, ad esempio scuotendo l'età dei clienti quando hanno superato i 75 anni, con i quali la legge vieta la conclusione di tali transazioni.

Ma alla fine è il suo lavoro in una filiale di Cofidis specializzata nel recupero di crediti al consumo che dimostrerà l'esperienza più dolorosa. In questo " nido di avvoltoi ", si trova costretto a mostrare una cinica impeccabilità nel pagare i debiti alle famiglie che non hanno i mezzi, per rafforzare la precarietà delle persone che sono già immerse in essa. al collo. O come il mondo del lavoro moderno riesce a far lavorare i lavoratori contro la propria parte.

Julien (AL Parigi-Sud)

Thomas Morel, The Chained, The Arena, 2017, 270 pagine, 20 euro.

http://www.alternativelibertaire.org/?Les-Enchaines-Dans-la-chair-des-precaires
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it