A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL Decembre - # Anch'io ho #balanced: e dopo ? (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Fri, 15 Dec 2017 08:48:06 +0200


Mentre il governo sta sventolando orgogliosamente la bandiera dell'ennesima legge sulle molestie, questa volta per strada, le notizie mostrano che le leggi non proteggono le donne dalla violenza. I movimenti #metoo e #balancetonporc hanno evidenziato la mancanza di spazio per l'espressione e le risposte appropriate. ---- All'inizio di ottobre, i giornali statunitensi rivelano che Harvey Weinstein è accusato di molestie, assalti o stupri da parte di 12 donne. In seguito, molte altre donne parlano e accusano Weinstein (93 donne vittime) e altri uomini di show-bizz. La fiducia porta fiducia, la parola è libera, facilitata da spazi che sembrano più accessibili, compresi i social network in cui gli hashtag prosperano intorno a questioni di violenza di genere. ---- In Francia, la giornalista Sandra Muller lancia l'hashtag #balancetonporc sulla piattaforma di social network Twitter il 13 ottobre ; pochi giorni dopo, sono stati scambiati più di 150.000 messaggi e sono stati segnalati 16.000 attacchi. Ne seguiranno altri come #metoo o #moiaussi, che riuniranno donne che vogliono parlare, ma che si uniranno anche per unire le forze. Questo darà quindici eventi " #Metoo nella vita reale " in Francia il 30 ottobre.

Queste testimonianze permettono finalmente di avere una parola pubblica e collettiva, denunciando fatti tutti apparentemente illegali. Ciò dimostra, ancora una volta, che il patriarcato e la sua espressione non sono contrari dal legislare. Tuttavia, l'ingiunzione è chiara: protesta, altrimenti puoi solo incolpare te stesso ! Anche se, in caso di stupro, solo una denuncia su dieci si conclude con una condanna. La società individua il rapporto con la violenza di genere. Sarebbe una situazione particolare, respinta sulla vittima dell'atto (il suo vestito, il suo grado alcolico, il suo " atteggiamento " ...), o legata a una " patologia " del aggressore. Nessuna sfida collettiva è all'ordine del giorno ; tuttavia, la pluralità delle testimonianze sottolinea la dimensione sociale di questi attacchi.

Consapevolezza e lotta contro il patriarcato

Il nostro bisogno di elaborazione e denuncia comuni è radicato nell'inesistenza delle soluzioni attuali, ma riecheggia anche i movimenti di altre donne. Questi strumenti hanno aiutato ad avviare e vincere lotte. Questo è ad esempio il caso del manifesto di 343 troie del 1971, che all'epoca sosteneva la lotta femminista per il diritto all'aborto e alla contraccezione per tutti.

È attraverso questa consapevolezza che non siamo soli, né un caso particolare, né una vittima quasi colpevole, che la lotta contro il sistema patriarcale sta iniziando a progredire in modo storico. Possiamo solo supportare tutte le forme di organizzazione collettiva, qualunque esse siano, e qualunque sia lo spazio investito. Ovunque, le donne che non l'hanno mai fatto prima si preparano a scendere in strada il 25 novembre durante l'evento annuale contro la violenza contro le donne. Questi spazi sono per noi un'opportunità per riaffermare che la violenza sessista e sessuale deve fermarsi, ovunque e sempre, nei nostri luoghi di vita, di lavoro, di lotta, in modo che la paura alla fine cambi lati.

Julie (AL Lorient), Emilie (AL St Denis), Flo (AL Lorient)

http://www.alternativelibertaire.org/?Moi-aussi-j-ai-balance-et-apres
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it