A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL Decembre - Glifosato, veleno economico (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Mon, 11 Dec 2017 10:45:20 +0200


L'erbicida più diffuso ha appena visto la sua autorizzazione all'immissione in commercio rinnovata per cinque anni dall'Unione europea. Sebbene il suo potenziale cancerogeno sia fortemente sospettato, consente il mantenimento di bassi costi nell'agricoltura industriale. Questo spiega la mancanza di volontà politica di uscire. Resta da fare una rivoluzione agricola. ---- Il diserbo è una delle questioni fondamentali che devono affrontare i produttori agricoli. Ci vuole tempo e non produce nulla. In questo campo, il glifosato, come altre sostanze chimiche, è stato una soluzione industriale post-bellica per risparmiare tempo di lavoro, riducendo così i costi. Questa fredda ottimizzazione della produzione di valore ha distrutto ecosistemi, terreni inquinati e umani avvelenati. Tutto questo è già stato detto [1]e nonostante il rinvio del divieto successivo in Europa annunciato molto tempo fa, questa sostanza è stata autorizzata per altri cinque anni dopo un fantastico voto della Germania. Alla fine, non c'è dubbio che il glifosato dovrebbe essere vietato. Ma non la logica che lo tiene.

Nella logica industriale, la sostituzione del glifosato con un'altra sostanza non disturberebbe molte persone, con l'obiettivo di mantenere bassi i costi (a condizione che gli stati sovvenzionassero) di rimanere competitivi nel mercato globale. È perfettamente accettato che un diserbante possa essere di origine vegetale purché consenta la salvaguardia della competitività. E così che l'agricoltura di domani è " organica ", pur mantenendo di regola l'eliminazione di alcune specie viventi per promuovere la produzione di valore e beni di consumo.

L'inerzia avvantaggia gli industriali

I continui cambiamenti nell'orientamento delle istituzioni europee sono un'espressione di divergenti interessi dei diversi paesi su queste questioni. I proprietari di coltivazioni sul campo in Polonia o in Romania (su migliaia di ettari) vogliono mantenere gli erbicidi (incluso il glifosato), mentre i paesi la cui produzione è trascurabile a livello globale vogliono fermarsi. E la Francia, leader di questi prodotti da decenni, gioca l'inerzia, ben sapendo che a vantaggio dell'industria.

Riautorizziamo, poi riscopriamo in tre anni ... Questa è la linea di Nicolas Hulot. Ma di cosa stiamo parlando ? Dal mantenere un'agricoltura distruttiva a una " responsabile " ? Da un'etichetta biologica che accetta sempre più sostanze nei suoi processi di approvazione ? O una rivoluzione ?

Certo, per queste persone non si tratta di rivoluzione ! Questo sta accadendo altrove, tra coloro che rifiutano di entrare nel sistema e che vogliono produrre sano e accessibile al maggior numero ... A questi gruppi vengono poste molte domande per portare un'alternativa, come quella di la legittimità della bio come etichetta governata dallo stato [2], il diserbo termico o il ruolo di " consom'actor " ...

Ma il glifosato pone due domande più specifiche: quella della presa degli erbicidi nell'economia globale e quella del prodotto da cui provengono: i gas da combattimento. Una linea di risposta della tradizione libertaria per costruire le nostre riflessioni è quella dell'aiuto reciproco, che è il fenomeno della proliferazione della vita, non della competizione.

Reinette reinette (AL Aveyron)

[1] Vedi " Pesticidi: medaglia avvelenata per la Francia " su Alternative libertaire.org.

[2] Vedi l'intervista a Pierre (contadino): " Le norme non hanno fermato la mucca pazza ", in Alternative libertaire n ° 276 di ottobre 2017.

http://www.alternativelibertaire.org/?Glyphosate-poison-economique
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it