A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL Octobre - Versão para impressão Progetti di estrazione mineraria: una sfida da parte locale a globale (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Sat, 4 Nov 2017 08:25:04 +0200


Il gruppo DesTerresMINÉes 35 ha formato per sfidare la licenza esclusiva per la ricerca (PER) di Dompierre-en-Bretagne. Poi, di fronte agli altri centri di lotta, si è evoluto verso un discorso e una contestazione più globali. Di nuovo su questo corso. ---- Il PER di Dompierre era un progetto minerario, guidato dalla società di esplorazione Varisica, che ha coinvolto 17 città tra Fougeres e Vitre (Ille-et-Vilaine), che è stato interrotto precocemente nel 2017 (vedi intervista ). Fu soprattutto per estrarre il tungsteno, alla base di acciai estremamente duri utilizzati negli armamenti o nell'industria in generale. L'esplorazione consisteva nel campionamento con coclee, fori e talvolta trincee poco profonde. Ma in realtà i minerali presenti erano già noti dopo un'enorme ricerca svolta in queste zone dalla BRGM [1], fino al 2000. Ufficialmente, i motivi della cessazione del progetto sono da tempo sconosciuti, nonostante le richieste di spiegazioni rivolte a Variscan o allo Stato. Ma gli avversari e gli avversari diretti sapevano che la società era in difficoltà finanziarie e che aveva presentato diverse domande per permessi di esplorazione senza poterne assumere tutti. Ciò rivela un aspetto inquietante della strategia: le aziende di esplorazione stanno anche testando la capacità della regione di mobilitare, l'accettabilità sociale e quindi la possibilità o meno di imporre nuovi progetti.

Esplorazioni di estrazione mineraria in Occidente
Verso una sfida radicale e globale

Il gruppo DesTerresMINÉes 35 aveva già costituito un'associazione, avrebbe potuto cessare la sua attività dopo l'annuncio dell'abbandono del progetto, ma i suoi membri attivi hanno deciso di continuare le azioni, soprattutto per informare i municipi e la popolazione. Poi si è messo a costituire una forma di federazione delle varie associazioni metropolitane, ma anche ultra-marine (c'è un progetto catastrofico in Guyana, con diverse associazioni per contestarla). L'idea iniziale era un sostegno reciproco tra le varie lotte, in particolare per le manifestazioni. La scelta di unire diverse lotte ha dato una vera vittoria in Bretagna: otto associazioni si sono incontrate a Parigi in occasione della giornata " Mines in France " per un incontro davanti alla scuola omonima ; c'erano i leader politici, le società minerarie e gli ingegneri, che erano abituati a far parte di una comunità. Gli avversari hanno interrotto questa riunione e i media hanno reagito (Francia Inter, Reporter, Le Monde diplomatique). Questo evento ha portato il consiglio regionale della Bretagna a opporsi ufficialmente alla rinascita delle miniere sui suoi territori. Nei prossimi mesi, l'associazione vuole continuare allo stesso modo contro il progetto di riaprire la miniera Salau, il prossimo progetto importante.

Le associazioni che combattono progetti minerari puntano a problemi significativi, ma lottano per uscire dai buoni sentimenti e ad entrare in un discorso più globale che necessariamente coinvolgerebbe un progetto di declino. Se la scelta di federare funziona per vincere, il discorso radicale non è unanime e alcune associazioni vogliono soprattutto che il progetto locale si ferma, senza vedere oltre. Detto questo, alcune associazioni di questo tipo continuano a frequentare la federazione, in quanto funzionano. È a questo punto che l'argomento " né qui né in nessun altro paese " deve sopportare.

Nel collettivo DesTerresMINÉes, si pensa che il rilancio dell'attività mineraria sia la conseguenza di una società iperconsumérista, quindi è il funzionamento di questa società da interrogarsi. L'unica risposta è pensare ad un'altra forma di società che consuma molto meno. Solo se le questioni sono veramente sollevate dal movimento, il silenzio dei media significa che solo poche decine di individui sono interessati dalla rinascita dell'estrazione mineraria. Non è sufficiente avviare un'ampia riflessione nell'opinione pubblica.

Daniel, dal collegio DéTerreMINÉes 35

[1] Ufficio di ricerca geologica e mineraria

http://www.alternativelibertaire.org/?Projets-miniers-Une-contestation-du-local-au-global
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it