A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) alas barricadas: 1 novembre, giorno internazionale di sostegno per Kobane. Inserito da harrison (ca, en) [traduzione automatica]

Date Tue, 31 Oct 2017 09:54:34 +0200


Sono passati 3 anni dall'estate del 2014 in cui lo Stato islamico (ISIS) ha spazzato gran parte della Siria e dell'Iraq. Sembrava che nulla potesse fermare l'offensiva del fascismo islamico, che per ogni territorio che conquistarono aumentava il loro arsenale e arsenali economici. ---- Nel nord della Siria (Rojava i curdi) lo Stato siriano era scomparso di fatto, prendendo il controllo delle forze democratiche curde rappresentate dalla PYD (Democratic Union partito) e la sua armata YPG (Protezione Unità Persone) e YPJ, che fanno parte del conglomerato democratico confederale legato all'ideologia del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) e del suo leader Abdullah Ocalan. ---- Uno dei bastioni curdi era la città di Kobane. L'ISIS è venuto a controllare il 60% della città completamente assediata. La battaglia ha preso proporzioni epiche con la resistenza curda a uno svantaggio distinto. Dopo 6 mesi di lotta la città è stata liberata, che è stato un punto di svolta nella guerra siriana e il primo grande colpo contro l'ISIS.

Da allora si celebra ogni 1 novembre giornata internazionale di solidarietà con Kobanê , per commemorare questa vittoria e sostenere la rivoluzione democratica che si sta sviluppando in Rojava con lo sviluppo della Federazione Democratica del nord della Siria.

Con il recente rilascio di Raqqa , l'antica capitale di ISIS, da parte delle forze democratiche siriane (SDF) poche città importanti sono le mani di ISIS e la guerra ad una nuova fase in cui per essere visto l'impegno di approcci progettuali confederalista in Siria che esce dalla guerra e le costanti minacce di invasione da parte della Turchia.

Chiamata a Madrid il 1 ° novembre a Tirso de Molina alle 18:00 di Rojava Azadi:

Questo primo novembre abbiamo preso le strade in solidarietà con il movimento di liberazione kurda e la sua lotta contro il fascismo islamico ISIS.

Nell'estate del 2014, l'ISIS domina gran parte del territorio della Siria e dell'Iraq. Nella Siria settentrionale, dove colture come curde, assiri o arabi coesistono, un assedio dell'ISIS sulla città di Kobane ha durato mesi. La resistenza delle forze di autodifesa curda (YPG / YPJ) era di carattere eroico e costituiva un punto di svolta nella guerra contro l'ISIS. Da allora, il YPG / YPJ, formando un'alleanza più grande attraverso le Forze democratiche siriane, sono state guadagnando terreno a ISIS alla vittoria lo scorso 19 ottobre a cui era la capitale dello Stato Islamico, Raqqa.

Queste vittorie militari vanno di pari passo con un importante progetto politico: il confederalismo democratico. modello politico e sociale sulla base dei pilastri della emancipazione delle donne, il rispetto per la natura, l'importanza dei giovani, democrazia diretta e il pluralismo politico in cui le diverse culture ed etnie convivono pacificamente e altrettanto. Questo modello è quello che ha cominciato ad essere attuata dopo la vittoria nel Kobanê e la dichiarazione di autonomia democratica, il 19 luglio 2012. Da allora l'area sapevamo come Rojava è ormai diventato un progetto più ampio che mira a realizzare un rivoluzione democratica in tutto il Medio Oriente. Questo progetto prende forma oggi nella Federazione Democratica della Siria settentrionale.

Questi fatti stanno continuando più di 40 anni di lotta da parte del movimento kurdo di liberazione che ha avuto inizio nel 1978 con la fondazione del (Partito dei lavoratori del Kurdistan) PKK e guerra aperta contro il colonialismo turco e mancanza di libertà politico e culturale della popolazione curda. Oggi, questo movimento è cresciuto in forza, il numero, la capacità, il controllo del territorio e la simpatia, uno dei principali punti di riferimento a livello mondiale, insieme con gli zapatisti in Messico, per quelle persone e movimenti che vogliono oltre il capitalismo verso una società democratica la mano della liberazione femminile e dell'ecologia sociale.

La repressione contro questo movimento di emancipazione è tremenda. Il PKK è stato bandito e trattato come un'organizzazione terroristica internazionale e il suo leader Abdullah Öcalan è rimasto in isolamento dal 1999 in un prigione turco sull'isola di Imrali. È per questo che riteniamo importante per sconfiggere il regime fascista turco di Erdogan e per chiedere libertà politiche per il popolo curdo e la liberazione di tutti i prigionieri politici.

Da Rojava Azadi Madrid vi invitiamo a solidarizaros attivamente alla manifestazione internazionale il 1 ° novembre e scavare più in profondità questo movimento crediamo che sia in grado di portare nelle nostre lotte e il nostro modo di vedere e cambiare il mondo.

Per la solidarietà internazionale tra i popoli.
Viva la resistenza del Kurdistan.
Biji Berxwadana Kurdistan.

http://alasbarricadas.org/noticias/node/39128
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it