A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) anarkismo.net: Catalunya come opportunità (per il resto dello stato) da Gavroche (ca) [traduzione automatica]

Date Tue, 24 Oct 2017 10:56:06 +0300


Non mi piace che i tori prendano la minigonna ... Manolo Escobar ---- Con la frase di apertura demagogica riassumo l'atteggiamento di poche persone della sinistra spagnola che accusano la Catalogna di aver risuscitato il regime Franco per sostenere l'indipendenza. La similitudine deriva dall'aspetto di uno spirito patriottico unitario in tutta la Spagna che in alcuni casi ha un taglio fascista o almeno franco. Accusare la Catalogna è una risorsa facile: "Con quanto siamo stati con fascismo marginale, ora per colpa tua avremo un forte fascismo come opzione politica come in Germania o in Austria". ---- Da Catalunya, minacciato con la sospensione di autonomia, a guardare gli attacchi per bagnarsi sulla scuola pubblica catalana accusano di creare indipendenza e indottrinano gli studenti di separatismo e di vedere la purga probabile "il turco" che si terrà qui pochi mesi di applicazione dell'articolo 155, questo argomento ci dà risate pigra. "Quale altro esempio del fascismo vuoi?" Viene in mente. Anche se è vero che ciò che è stato descritto prima del fascismo è un autoritarismo statale. Il fascismo sarebbe venuto con le masse che cantavano la repressione.

In Catalogna, l'ambiente nei settori pro-indipendenza o pro-referendum è "come non siamo andati prima di questo paese?" Oppure "che cosa deve accadere per il governo proclamare l'indipendenza unilaterale di un tempo maledetto? L'ultimo caso di arresto dei due leader (la croce) movimento di indipendenza il Lunedi è riuscito a far rivivere gli spiriti che sono stati in qualche modo muted dall'ambiguità calcolato di Puigdemont, in grado di scrivere i discorsi che potrebbero essere interpretati in un modo e il suo contrario allo stesso tempo.

Ora il rimbalzo autoritaria è per la Spagna, non lasciano dubbi sul fatto che un liberticida e corrotto come il governo Rajoy non è sola in questo e che ha il forte sostegno del PSOE e dei media mainstream e istituzioni chiave dello Stato: Corte Costituzionale, Corte Suprema, Tribunale Nazionale, Procuratore, polizia e esercito. E naturalmente la Monarchia. Questo aumenta solo in Catalogna, Euskadi forse, e un paio di decine di migliaia di persone coraggiose che hanno preso in piazza in tutte le città per mostrare solidarietà con il processo di auto-determinazione e protestare contro la repressione.

La migliore difesa è un buon attacco, si dice. È necessario passare da atteggiamenti difensivi (protesta contro la repressione) ad un atteggiamento offensivo. Non si capisce cosa stanno facendo le organizzazioni della Marcia della Dignità o dei cosiddetti frontali sociali che non stanno chiamando a prendere la strada. Ma non protestare contro la repressione se non richiedere la Repubblica e la fine del vecchio regime (quella del 1978, con la sua origine inconfondibile nel 1939).

Le repubbliche spagnole di solito iniziano con la Catalogna, che proclama il loro primo. Questo dovrebbe essere il primo della strategia repubblicana, sembra che il movimento repubblicano non sia in grado di capitalizzare. E i movimenti dell'intenzione rivoluzionaria li considerano un passo indietro perché vogliamo qualcosa di più alto. L'esperienza storica ci dice che senza rotture non esiste alcun cambiamento possibile. La strada sociale è bloccata senza possibilità di chiamare grandi colpi (ci sono ragioni per chiamare uno in Galizia per i fuochi?). Il percorso può elettorale, lo stesso, in grado di provocare la minima crepa regime cadere ripetutamente nella trappola di guerre culturali sterili che lo mettono sulla difensiva (burrattinai, Venezuela, ETA, squat ...) e che sconfiggono il primo scambio di flojeras.

Quella Repubblica del 31 fu provocata da un grande movimento repubblicano e socialista con il sostegno della CNT. Quella Repubblica è stata anche proclamata in Catalogna in modo unilaterale, a modo suo. E la Galizia fu anche proclamata la Repubblica Galiziana per poche ore. Era il simbolo della caduta della dittatura e della monarchia. Ma è stato il primo capitolo della popolare effervescenza che ha prodotto una grande politicizzazione del paese e con il tempo anche la sua radicalizzazione politica.

Oggi, sia sotto la sospensione dell'autonomia o sotto un regime continuista dell'autonomia catalana, ci sono per bene o per cattivi 2,5 milioni disagiati. Abbiamo bisogno del resto della Spagna rossa per vivere e leggere gli eventi.

È vero che oggi non esiste un movimento repubblicano e che la democrazia sociale è per l'uva. Ma l'attivazione dei frontali delle organizzazioni sociali in questo aspetto sarebbe un passo verso la sua creazione. Perché, cosa farai quando venerdì o sabato di questa stessa settimana, l'autonomia è sospesa? Beh, non succede. Ma c'è qualcuno nella spagnola a studiare i possibili scenari?

Perché la mia sensazione è che ci sono paralizzati felicemente lettura di articoli ideologiche in cui si condanna l'azione di quei rivoluzionari della Catalogna come una marionetta della borghesia (con un sacco di Libertarias ci compas) che ora stanno sostenendo attivamente il movimento per l'indipendenza comprensione da un'opportunità la rottura in un modo semplice di non perdere il contatto con una popolazione in un processo di politicizzazione che si riunisce in assemblea nei CDR che non erano mai stati prima.

Link correlato: http://alasbarricadas.org/news/node/39082

https://www.anarkismo.net/article/30595
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it