A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL September 2017 - Nucleare: Nicolas Hulot, la perdita in avanti (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Sun, 1 Oct 2017 10:54:49 +0300


Macron aveva impegnato fedeltà a EDF nella sua campagna, promettendo la messa in servizio della EPR di Flamanville. La nomina di Nicolas Hulot al Ministero della Transizione Ecologica e della Solidarietà cambia davvero qualcosa ? ---- Fin dagli anni '70, i successivi governi francesi si sono impegnati, senza alcuna forma di democrazia, ad un programma di produzione nucleare di elettricità come sproporzionato quanto è costoso. Ed ora il ministro Hulot solleva la possibilità di chiudere le centrali elettriche entro il 2025 per entrare nelle unghie degli accordi di Parigi e la legge sul transito energetico. Tenuto conto delle sue ultime affermazioni, ha già abbassato la sua ambizione (passando da 25 chiusure a 17). ---- Come i ministri precedenti di Ecologia " antinucleare " (Cochet, Lepage Voynet), Hulot ha sentito i vari principi del suo ministero, la maggior parte delle ingénieur.es " X-Mines " di formaté.es i loro studi, hanno acquisito la lobby nucleare.

Chiesto l'autorizzazione a operare l' EPR di Flamanville Hulot [1], ha dichiarato: " Aspetta che l'Autorità per la sicurezza nucleare (ASN) dia la sua opinione " e cerca " una chiara visione di dove "andiamo nel nostro modello energetico ". Ma una volta che questo si presenta con il programma Macron che prevede l'unica chiusura della centrale di Fessenheim - e ancora, per mettere Flamanville in servizio - i giochi sono già fatti.

Errori ripetuti

Eppure il futuro dell'EPR è più che compromesso. Mentre sono stati annunciati i successi commerciali di Areva e EDF che vendono questi reattori (1 in Finlandia, 2 in Cina e 2 nel Regno Unito), nessuna di esse è stata messa in funzione. servizio.

Il primo tentativo di Olkiluoto in Finlandia (OL3 chiamato) è stato firmato nel 2003 per aprire nel 2009. Fino ad oggi ed a causa di una serie incredibile di lavorazione, il reattore non è ancora completato la sua messa in funzione è differiti da anno in anno e il costo della sua costruzione, inizialmente previsto a 3 miliardi di euro, esplose a superare i 9 miliardi. Oggi in conflitto, l'operatore finlandese TVO e Areva rivendicano diversi miliardi di euro, uno per la perdita di sfruttamento, l'altro per le perdite subite a causa della supposta cattiva fede del suo cliente.

Quando vediamo i difetti osservati dall'ASN sul serbatoio del reattore Flamanville e la mancanza di volontà di Areva e EDF di riconoscerli, la cattiva fede di TVO resta da dimostrare ... Si noti che il duo francese è ancora più strettamente legato poiché lo Stato vuole prendere il controllo di Areva NP da EDF.

A Flamanville in cui, come in Olkiluoto, i costi esplodono (da 3,3 miliardi a circa 11 miliardi di oggi) e il sito è in ritardo di diversi anni: la messa in programma per il 2010 è stata rinviata al 2018. Ma scommettiamo che non rimarremo. Oltre al serbatoio difettoso che Areva e EDF rifiutano di sostituire al momento, ci sono anche altri difetti accumulati. E se, ufficialmente, tutto va bene sul sito di Taishan in Cina, secondo Reporterre [2]difetti visto sul serbatoio Flamanville potrebbe essere sui due reattori cinesi, e aprire la porta a nuovi contenziosi.

Riposo di Hinkley Point in Inghilterra. Deciduta nel 2012, l'EPR non è ancora ufficialmente lanciata, anche se sono state avviate opere di terra. Per dare il via libera, lo Stato inglese è in attesa di vedere cosa succede a Flamanville, un altro ritardo potrebbe essere un colpo fatale al progetto, attualmente pari a oltre 20 miliardi (contro 13 nel 2012). Tuttavia i cinesi, cofinanziatori del progetto, stanno lobando al governo britannico per farlo iniziare. Ma se EDF rimane in un bricolage del serbatoio, quest'ultimo potrebbe abbandonare puramente e semplicemente il progetto. Nel frattempo, mentre il primo calcestruzzo nucleare non è ancora stato versato, EDF sta già annunciando un costo aggiuntivo di 1,5 miliardi a causa del ritardo sul cantiere. Il rischio finanziario diviene tale che anche la concessione di interconnessione di EDF (CGT," Governo Scandalo " dopo le dimissioni " per disperazione " CFO che ha rifiutato di correre il rischio, avvenuta nel febbraio 2016.

È una scommessa sicura che tutto questo non scoraggierà i nostri governanti, così da decenni, il potere nucleare è stato venduto come la pietra del nuovo filosofo a cui i successivi governi hanno creduto. È difficile tornare indietro, e in assenza di mobilitazione massiccia nei confronti di questi progetti, è difficile vedere come non hanno potuto vedere la luce del giorno.

Visitando l'Isola Long all'inizio di luglio, Macron travestito da marinaio ha approfittato di una piccola immersione sul sottomarino Le Terrible, per riaffermare con l'equipaggio la " necessaria permanenza del deterrente francese " che garantisce " gli interessi vitale per la Francia " [3]. Tuttavia, se il governo volesse risparmiare, il bilancio delle armi nucleari sarebbe stato un modo per esplorare, con la sua manutenzione di 4 miliardi di euro nel 2017 e il prossimo rinnovo della flotta di sottomarini che avrebbero lanciato motori a 3 miliardi ciascuno [4]; si tratta dell'importo che il governo sta cercando di chiudere il suo bilancio. Eppure la " dissuasione " francese si risollezza dolcemente agli americani e ai russi, che insieme hanno circa 13.000 bombe nucleari, rispetto a 300 qui. Ma quando vuoi " costruire la pace " come Macron, tutti i mezzi sono buoni, anche se si scontrano con i principi della non proliferazione e smettono di guardare le spese.

Max (AL Saint-Denis)

Forum Sociale Mondiale Antinucleare

L'evento potrebbe rappresentare un'opportunità per rilanciare la lotta anti-nucleare in Francia, dal momento che il terzo Forum sociale mondiale anti-nucleare si terrà a Parigi dal 2 al 4 novembre. Questo ramo di riflessione del WSF prese i primi passi autonomamente a Tokyo, poi a Montreal (2016). Tra i dibattiti previsti: le attuali aporie del settore nucleare, la contraddizione tra la transizione nucleare ed ecologica, il legame tra nucleare civile e militare nucleare.

[1] Reattore pressurizzato europeo, quindi reattore di potenza evolutivo, progettato e sviluppato da Areva NP, ma che opera il brevetto Westinghouse's Pressurized Water Reactor (PWR).

[2] Reporterre.net, " EPR cinesi affrontati con difetti francesi ".

[3] " Macron in capo degli eserciti a bordo del sottomarino nucleare Le Terrible ", Ouest-france.fr, 4 luglio 2017.

[4] Ultimo nato nel 2008, Le Terrible aveva costato circa 2,4 miliardi di euro.

http://www.alternativelibertaire.org/?Nucleaire-Nicolas-Hulot-la-fuite-en-avant
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it