A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) ANA: [Francia] Catalina Silva Cruz, l'ultimo superstite della uccisione di "Casas Viejas", è morto a 100 anni a Montauban Con José Luis Gutiérrez Molina (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Wed, 16 Aug 2017 08:42:09 +0300


L'anarchico muore a 100 anni senza sapere dove i resti di sua sorella Maria, ucciso 81 anni fa. ---- Ieri, 11 agosto, è morto nella sua casa di Montauban Catalina Silva Cruz. E 'stato 100 anni e poco più di otto mesi. Con esso scompare l'ultimo testimone vivente l'uccisione di "Casas Viejas". Per fortuna ci ha lasciato il suo conto in un'intervista diverse ore il cui "lordo" si meritano compreso il trattamento di interesse culturale che non è mai nato, nonostante le ripetute promesse, la dichiarazione del 2009. ---- Catalina Silva è sempre stato un combattente. Prima del gennaio 1933, il gruppo anarchico femminile armonia e amore che apparteneva accanto la sorella Maria e la sua amica Manolita Lago. Durante gli eventi, dal coraggio di arrivare al rifugio, mentre assediata. Poi nel 1936, dopo il colpo di stato, aiutando a fuggire gli abitanti di Paterna e si fuggire dopo l'omicidio della sorella. Valore e lotta che è rimasto in volo continuo al confine con la Francia e anche nel paese vicino afflitto da occupazione nazista e la diffidenza delle autorità francesi nei migliaia di anarcosindacalisti rifugiati nel sud.

Anche nei momenti peggiori, come ha detto, non ha mai dimenticato quella notte d'inverno nel gennaio 1933, quando il sole della speranza rivoluzionaria è stata sostituita dalle fiamme della repressione più spietata. Notte dopo notte ricordato l'ancora vivente che non è stato inserito fino al presente secolo, quando ha lasciato l'anonimato in cui era mantenuto volontariamente. E 'stato durante la preparazione del libro che ho scritto su Miguel Pérez Cordón, il compagno di María Silva. Ho avuto l'immensa fortuna non solo per ottenere la sua testimonianza, ma per aprire un momento di amicizia e di affetto con lei, sua figlia Estrella e dei suoi figli Augusto e l'universo.

Catalina, come altri Silva, non ha avuto fortuna con il paese in cui ha toccato la sua nascita e la cui nazionalità non ha mai mollato nonostante viva in Francia ottant'anni. Una vita. Nessuna fortuna, perché è sempre stato nel gruppo di perdenti, quelli che hanno perso nel 1933, nel 1936-1939 e in esilio dopo la morte del dittatore, quando entrò a far parte dei dimenticati e quelli che non mi piace quello che hanno visto quando sono tornati in breve i viaggi, la loro terra e la località natale. Ma lei, come molti altri, di certo non importava. Lo sapevate che, mentre questa società è come è organizzato, il suo posto sarebbe questo. Non smetto mai di essere un promemoria per i potenti, chiunque essi siano, che il peggio che può accadere a loro è a loro che ci sono persone consapevoli e combattenti, come lei, a cui il più lontano si è, meglio è.

Tuttavia, e non sarò molto originale, la storia ha le sue ironie. Oggi nel pomeriggio, quando i resti Catalina sono depositati nella tomba di famiglia nel cimitero di Montauban, a poche decine di metri dalla scissione dell'ultimo leader politico degli omicidi di "Casas Viejas": l'allora presidente del governo della Repubblica spagnola, Manuel Azaña . Colui che ha sacrificato l'interesse collettivo del paese da parte dell'individuo che deteneva il potere.

Catalina, come decine di migliaia di spagnoli saranno senza sapere dove i resti di sua sorella Maria che è stato assassinato, in pochi giorni farà 81 anni. In silenzio, in silenzio come ha vissuto. Il tempo passava, nonostante i suoi 100 anni, troppo veloce per i ritmi di una società e di un'amministrazione a tutti i livelli, come la corrente del Regno di Spagna.

Catalina che la terra poggiare leggermente su di voi. Vivrai per sempre nei nostri cuori.

Fonte: http://www.todoslosnombres.org/content/noticias/montauban-francia-catalina-silva-cruz-la-ultima-superviviente-la-matanza-casas
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it