A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) usi-ait: La base HEMS non si farà! -- CHI LA DURA LA VINCE

Date Wed, 24 May 2017 10:34:33 +0300


ALLA FINE L' USI SANITÀ DEL SAN CARLO E DEL SAN PAOLO ASSIEME AI LAVORATORI, AI PAZIENTI E AI CITTADINI DELLA ZONA 7 DI MILANO HANNO VINTO LA LORO BATTAGLIA: - IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO RESTERA' ALL'AEREOPORTO CIVILE DI BRESSO. LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA BASE HEMS (helicopter emergency medical service) PREVISTA ALL'INTERNO DEL GIARDINO DELL'OSPEDALE SAN CARLO E' STATA FERMATA. ---- La Regione e le due Direzioni Generali dell'AREU e dell'ASST Santi Paolo e Carlo hanno dovuto fare un passo indietro su questo progetto assurdo e pericoloso sulla pelle dei lavoratori e della popolazione e sono state costrette a farlo a seguito delle continue campagne di controinformazione svolte dalla sola USI Sanità, degli incontri pubblici, delle raccolte di oltre 1.000 firme tra i residenti, delle mobilitazioni e presidi dei lavoratori della sanità, sino a diverse interrogazioni regionali.

MA NON E' FINITA QUI! Altre battaglie ben più pesanti si profilano all'orizzonte e tutte derivanti dall'applicazione nefasta della nuova legge 23/2015 di riordino del servizio sanitario regionale, che accorpa diverse aziende ospedaliere fra loro ma chiude interi reparti e servizi scaricando i costi sul personale della sanità e sui cittadini.
LA CHIUSURA DEL PUNTO NASCITA ALL'OSPEDALE SAN CARLO È UNA DI QUESTE.

Se non ci mobiliteremo in fretta assisteremo alla soppressione delle degenze nel reparto di ostetricia, la chiusura delle 4 sale parto, della camera operatoria per il cesareo, del pronto soccorso ginecologico, della chiusura della nursery sino alla chiusura di 5 posti letto di patologia neonatale nel reparto di pediatria. Tutte strutture messe a nuove e con attrezzature all'avanguardia costate milioni di € e che andranno dismesse.
Ma ancora più grave per le donne incinte sarà la chiusura del servizio del punto nascita che tuttora svolge oltre 1.000 parti l'anno e che a breve verranno dirottati ed effettuati presso il reparto di ostetricia dell'ospedale San Paolo, con inevitabili disagi se non rischi per chi deve affrontare kilometri per partorire e trovarsi in una struttura sovraffollata e col personale prossimo al collasso.

Anche in questo caso il mantra che si sente spesso da parte di chi si occupa di salute è che manca il Personale medico ed infermieristico e poi bisogna risparmiare. Peccato che gli stessi che predicano in questo modo sono proprio quelli collusi con il "malaffare" e stanno affossando il servizio sanitario pubblico a tutto vantaggio del privato.
Invece che chiudere vogliamo che i soldi stanziati dal SSN (48 milioni di € per l'ospedale San Carlo e 42 milioni di € per l'ospedale San Paolo) vengano impiegati per le ristrutturazioni e per la messa a norma dei due ospedali e si dia avvio ad una nuova politica di assunzione del personale di assistenza, che ormai è ridotta allo stremo, va sempre più tardi in pensione ed invecchia sempre più.

Perchè se aspettiamo che venga costruito il nuovo polo ospedaliero, se consideriamo i tempi di realizzazione delle opere pubbliche in Italia, se (e come dicono) i soldi statali destinati alle ristrutturazioni del San Paolo e del San Carlo verranno dirottati per la costruzione del nuovo ospedale (individuato prima a San Cristoforo ed ora al Ronchetto) e se quest'ultimi non verranno messi in sicurezza nel più breve tempo possibile, correremo il rischio di non trovare nessuna delle tre strutture sanitarie in tutta la zona sud e ovest di Milano in grado di erogare assistenza alla popolazione per i prossimi 10-15 anni.
Milano, 8/05/17

USI - SANITA' Ospedali SAN CARLO E SAN PAOLO

http://www.usi-ait.org/index.php/sanita/51-ospedale-san-paolo-milano/1374-la-base-hems-non-si-fara
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it