A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) usi-ait - Cesena: le mani sulla sanità. - la rivolta. La salute non è profitto!?

Date Sun, 23 Apr 2017 09:52:26 +0300


Quello a cui stiamo assistendo in ambito sanitario è un qualcosa di diabolico e perverso. Che per il capitale, la medicina e la salute dei cittadini stia diventando sempre di più uno strumento di profitto è ormai palese ed evidente. Ogni cittadino deve perciò avere la consapevolezza che Il profitto quindi sarà di conseguenza prioritario rispetto a quello dell'utenza. I tagli effettuati in questi anni con i vari provvedimenti governativi e attraverso la conferma del blocco delle assunzioni stanno facendo pagare i costi della crisi sempre di più alle fasce più deboli della popolazione e ai lavoratori. Le politiche perseguite dai vari governi e dalle istituzioni hanno un obiettivo chiaro: vendere la nostra salute privatizzandola. Per questo motivo il servizio pubblico si riduce in maniera sempre più drastica togliendo risorse umane e finanziamenti necessari per il suo buon funzionamento.

I lavoratori e le lavoratrici della sanità si trovano coinvolti in un processo di destrutturazione del sistema sanitario che lasciandoli gli unici protagonisti della necessità di adeguare la risposta sanitaria alle necessità del Paese. Un processo lungo di graduale privatizzazione del sistema sanitario nazionale verso la creazione di un sistema pubblico residuale e di un più generale progressivo arretramento. Un processo degenerato nel corso del tempo e che oggi si palesa in tutta la sua mostruosità: la conversione della salute in merce. una salute merce, una sanità profitto, una prevenzione azzerata, una qualità assistenziale inesistente perché basata su carichi di lavoro insopportabili e su una precarizzazione totale di ogni diritto dei lavoratori. La concessione ai privati dell'intera gestione degli ospedali è un qualcosa di diabolico. Ogni giorno piccoli ospedali e servizi territoriali vengono chiusi, le lista d'attesa per visite e esami si allungano costringendo i cittadini a migrare nel territorio per ricevere adeguate prestazioni; l'accesso a servizi di qualità per tutti non è più garantito.

Perchè dibattere partendo dal documentario "Mani sulla Sanità: la rivolta"?
"Mani sulla Sanità: la rivolta", di Giuliano Bugani, è un'avventura nel mondo della sanità in tre grandi regioni italiane: Emilia Romagna, Toscana e Friuli. Un'inchiesta durata due anni e l'impegno di 21 operatori video: "Mani sulla sanità: la rivolta" è il secondo documentario a tema "sanità" di Giuliano Bugani, prodotto dal collettivo IndyGround Film (di cui è il fondatore). Si racconta l'azione avviata dall'ex Governatore dell'Emilia-Romagna, Vasco Errani, di "taglio di spesa" che portò ai reparti, intere cliniche smantellate e rase al suolo.

Ma si possono "tagliare" i nostri diritti?

Ne parleremo GIOVEDI 27 APRILE, dalle ore 20,30, presso il Circolo ARCI "MAGAZZINO PARALLELO", in via Genova 70/84, Cesena (FC).

Tra i relatori:
BUGANI GIULIANO, autore del documentario "Mani sulla Sanità: la rivolta";
COTICHELLI GIORDANO, infermiere e docente di infermieristica, Federazione Anarchica Italiana, autore del libro "Disuguaglianze nella salute e professione infermieristica. Risorse e criticità per l'equità del sistema sanitario";
MALANDRA FABIO, USI-AIT Sanità, infermiere;

SENSOLI RAFFAELLA, Consigliere Regionale M5S;

ZAGATTI NICOLA, portavoce Comitato Salvaguardia Ospedale del Delta di Lagosanto (FE).
L'evento è organizzato dalla sezione di Cesena dell'Unione Sindacale Italiana (USI-AIT), recentemente costituita.
Per contatti: tel 3313908114 (Stefano)

http://www.usi-ait.org/index.php/sanita/53-nazionale/1351-cesena-le-mani-sulla-sanita
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it