A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) France, Alternative Libertaire AL #270 - Prospettiva: NPA e LO: Quale programma contro il capitale? (en, fr, pt) [traduzione automatica]

Date Wed, 5 Apr 2017 13:09:18 +0300


Entrambe le parti anticapitaliste che giocano il gioco di strategia elettorale sia pretendere di avere un programma di transizione anticapitalista. Questo programma di prendere in considerazione la realtà del capitalismo e delle sue leggi? ---- La NPA (Nuovo Anti-capitalista Party) e LO (Lutte Ouvrière) hanno programmi relativamente simili, che consiste di aumento dei salari (salario minimo di 1.700 euro netti), la riduzione del tempo di lavoro (32 ore), la rimozione di omaggi fiscali ricchi e le imprese, scappatoie fiscali e IVA, la lotta contro l'evasione fiscale o la tassazione finanziaria. Essi propongono anche misure quali la socializzazione delle banche e dei grandi gruppi di energia. Infine, ci sono anche proposte come ad esempio il divieto di licenziamenti, aprendo i libri contabili o di pagamento del debito da parte dei capitalisti.

Il capitalismo e la ridistribuzione

Moralmente, queste misure sono giuste perché mirano a migliorare le condizioni di vita della stragrande maggioranza della popolazione, ma alla base di valutazione che la crisi era dovuta a eccessiva avidità dei capitalisti, che dovrebbe essere moderata golosità. E 'certamente possibile sostenere che la crisi, al di là di un certo stadio, è stata aggravata dalle politiche neoliberiste[1]. In questo caso, a parità di condizioni, recuperare i salari perforando la quota di profitto delle non-capitalista reinvestito nella produzione (accaparramento, lusso consumi di beni ...), consentirebbe di aumentare l'economia puntualmente.

Tuttavia, avendo solo misure che agiscono in direzione della distribuzione della ricchezza, senza affrontare i problemi della produzione di ricchezza, LO e NPA sembrano non prendere in considerazione i problemi di valutazione del capitale e limitazioni (può ancora produrre più ricchezza, crescita).

Ignora non è la comprensione che risolvere la realizzazione di crisi (in grado di convertire i beni strumentali di vendita) porterebbe alla situazione iniziale di recupero crisi (nessuna crescita)[2], che è stato la causa attacchi ai salari e contro i servizi pubblici dopo la crisi 1974[3]. In effetti, si potrebbe pensare che l'aumento dei salari e proibire licenziamenti aumenterà la domanda effettiva (più persone saranno in grado di acquistare beni) e in grado di soddisfare tutti i gusti: le salarié.es che possono consumare, e le aziende che possono vendere e mantenere i loro profitti. Ma non era a conoscenza che l'aumento dei salari non è compatibile con la crescita, e che è di vitale importanza per il capitalismo. La quota di utili di un'impresa che può essere spogliato è i redditi personali degli azionisti e manager (siamo d'accordo, vivono nel lusso). Ma quello che restituisce alla società di acquistare macchine più potenti (o qualsiasi investimento in produzione) non possono essere spogliate colpa per la produzione di una crisi che ha sostenuto da risolvere.

La sovraccumulazione, bancarie e crisi finanziarie, solo mascherare l'impasse è l'economia reale, dopo aver fatto il capitale troppo produttivo per il capitalismo, facendo sempre di più verso il basso il valore della produzione di massa (più beni vengono prodotti ma sempre più a basso costo), durante la rimozione sempre più lavoro vivo (la curva della disoccupazione reale non è pronto ad invertire) e non può sopravvivere solo attraverso l'accumulo di una montagna di debiti insolventi[4].

E 'quindi inutile lottare contro bancario e finanziario, se non rivelare la fragilità dell'economia reale e la necessità di abolirla. Infatti, poiché le strutture sono mantenuti capitalismo sono poi mantenuto la legge del valore, la crescita imperativa e quindi le possibilità di crisi, e le loro conseguenze disastrose per la classe operaia; , Anche se sono stati aumentati i salari, riduzione dell'orario di lavoro, anche se le aziende sono state gestite da coloro che vi lavorano.

Sapendo questo, è quindi del tutto inutile cercare di aprire i libri dei conti per dimostrare che "i soldi, ci sono nelle tasche delle grandi imprese." Ed è assolutamente impossibile pensare a misure come la cancellazione del debito o il divieto di licenziamenti, sotto il capitalismo, in cui la distribuzione della ricchezza è cambiato, o anche un socialismo di stato che n non avrebbe rotto con la mercificazione. E 'necessario rivolgersi alla soppressione radicale del capitalismo e le sue strutture, oggi, domani, sempre!

Il problema della valutazione

L'argomento generale non parlare della crisi di valori è che è udibile o troppo complicato da spiegare alla classe operaia. Sarebbe promuovere la rivolta di massa rapida per programmi di emergenza legate agli interessi immediati dei lavoratori, lasciando alla critica sistemica da parte.

Diversi problemi qui: la precipitazione rivoluzionaria non lasciare abbastanza tempo per spiegare le cause alla base della crisi a milioni di persone. Perché mettere la classe operaia con un fallimento fatto compiuto di un modello che abbiamo fatto lo succhiare, poi spiegare che si aspettava, e abbiamo avuto un altro progetto in riserva?

D'altra parte, la mancanza di comprensione della doppia crisi del capitalismo e l'emergere di crisi in una società sostenendo socialista, potrebbe dare peso alle attuali contro rivoluzionari idee.

Piuttosto, tutti gli anti-capitalisti, comunisti, comunisti libertari dovrebbero sottolineare che il problema non è solo il saccheggio della ricchezza da parte dei membri di una classe male e predatori, ma l'incapacità di sempre più profonda di una società capitalista, mercato, competitivo, raggiungere i suoi obiettivi per il recupero e l'ampliamento pur rispondendo alle esigenze, e quindi impossibile per questo sistema per eliminare le crisi e le loro conseguenze disastrose. Ne consegue logicamente che questi non sono solo i proprietari, gli azionisti, finanzieri e banchieri devono essere sparati. L'intero sistema ha bisogno di cambiare!

Uscite per 1 a 3% nelle elezioni, LO e la NPA non avrebbero molto da perdere per sbarazzarsi dell'arsenale di proposte riformiste inutili e confuse semplicemente proporre l'espropriazione dei capitalisti, il abolizione della proprietà privata dei mezzi di produzione, il lavoro salariato e scambio di merci.

Floran Palin (AL Marne)

[1]Alain Bihr, "Il trionfo del neoliberismo catastrofica," per leggere il alencontre.org.

[2]A.Bihr, "A proposito di un eccesso di valore aggiunto" per leggere il alencontre.org.

[3]Per completare l'analisi, si legge: "La legge sul lavoro, la fase finale della crisi capitalista" Alternative Libertaire, giugno 2016 su http://alternativelibertaire.org . Leggi anche: Alain Bihr La riproduzione del capitale, i capitoli 16 e 18.

[4]Ernst & Lohoff Norbert Trenkle, Grande svalutazione.

http://www.alternativelibertaire.org/?Point-de-vue-NPA-et-LO-quel
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it