A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) usi-ait: Livorno: 18 febbraio 2017

Date Sat, 25 Feb 2017 11:52:39 +0200


Questo sabato, in una bella giornata di sole e con una leggera brezza che profumava di salmastro, si è tenuta a Livorno la manifestazione promossa da USB, ASIA (il sindacato degli inquilini), UNICOBAS e Centri sociali della città labronica. Incentrata contro le politiche economiche del governo Gentiloni.. ---- Erano anche presenti diversi compagni delle sezioni USI-AIT di Livorno, Firenze Nord e Lucca. Livorno è una città letteralmente in ginocchio. Le fabbriche chiudono una dopo l'altra e non a caso a Livorno appunto e a Piombino sono localizzate due delle aree di crisi tra le ottantacinque che il governo riconosce come tali. ---- Inoltre ben duecento famiglie vivono in appartamenti occupati o in situazioni di precarietà, stipati magari a famiglie intere in una sola stanza. Un corteo di circa duecento, tra compagne e compagni, a voler essere modesti, con tanto di sound system che lo precedeva di pochi metri, è sfilato per le vie del centro della città, affollate per il consueto ‘struscio‘ del sabato pomeriggio.

Nutrita, oltre la metà dei presenti, la rappresentanza libertaria. Viste tra le tante bandiere anche una bandiera viola e nera e, assolutamente incongrua, una bandiera di Rifondazione Comunista.
Durante tutto il percorso, si sono alternati interventi di compagne e di compagni. Tra gli altri ha parlato anche Monica, la compagna che è stata licenziata dal Cottolengo di Pisa. Monica ha parlato di diritti e di come questo sistema mira, non soltanto a toglierti i diritti acquisiti in tanti anni, ma vuole addirittura toglierti la dignità e l'umanità.
Lo spezzone USI-AIT, una ventina di compagni e di compagne, si è posizionato dietro lo striscione già affisso davanti al Cottolengo di Pisa e che porta la scritta ‘Un'offesa fatta ad una è un'offesa fatta a tutte‘. La manifestazione si è sciolta alle sei del pomeriggio.

Domani mattina, alcuni compagni saranno all'aeroporto di Pisa, per una manifestazioine contro i licenziamenti di diversi lavoratori.

Lorenzo Micheli

http://www.usi-ait.org/index.php/notizie/1332-livorno-18-febbraio-2017
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it