A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Palestina-Israele, la lotta unitaria continua mentre la primavera diventa estate [en]

Date Fri, 1 Jun 2012 12:55:12 +0200


Report del 30.05.12:
Oltre alle consuete località di lotte unitarie, gli Anarchici Contro il Muro hanno
preso parte alla lotta contro gli attacchi razzisti portati contro i rifugiati
africani. All'interno di Israele ci sono state azioni di solidarietà con i Beduini
che sono sottoposti a sgomberi striscianti, di recente sempre più frequenti. A Tel
Aviv e Gerusalemme lotte soprattutto con i rifugiati e per la giustizia sociale.
Nella Cisgiordania occupata quinto anno di lotte unitarie per Al-Ma'sara, sesto anno
per Beit Ummar, già l'ottavo anno di lotta continua per Bil'in, già il terzo anno
per Nabi Salih, quasi il quarto anno per Ni'ilin, a Qaddum è iniziata quest'anno,
mentre siamo già al terzo anno di lotta a Sheikh Jarrah, quartiere ad est di
Gerusalemme/Al-Quds occupata.


Al-Araqeeb

Visita di solidarietà nel villaggio domenica 27 maggio dopo essere stato demolito
per la 38^ volta.


Beit Ummar

Sabato 26 maggio:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.441648165845493.107864.136633479680298


Bi'lin

Manifestazione settimanale il 25 maggio 2012.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.440856675924642.107733.136633479680298
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.345364155533988.79603.319396991464038


Al-Ma'sara

Protesta settimanale, venerdì 22 maggio 2012
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.440860892590887.107735.136633479680298


Gerusalemme/Al-Quds

I residenti di Sheikh Jarrah continuano con le loro veglie di protesta nel quartiere
ogni venerdì, contro gli sgomberi violenti dalle loro case.


Nabi Salih

Attivisti riferiscono che circa 1500 lacrimogeni sono stati sparati dalle forze di
occupazione israeliane ogni venerdì. Oggi fa molto caldo e i lacrimogeni
dell'esercito hanno messo a fuoco la montagna ed altre aree verdi. I manifestanti
disarmati sono sotto la mira di lacrimogeni, proiettili di gomma ed acqua fetida.
Tantissimi lacrimogeni e fumo da incendi. Almeno una persona sembra abbia perso
conoscenza a causa dell'inalazione di gas ed è stata soccorsa da un'ambulanza.
"Ci stiamo gradualmente avvicinando alla fonte d'acqua con intervalli di sit-in e
canti."

http://www.flickr.com/photos/activestills/7269145488/
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.440943225915987.107750.136633479680298
Haim Schwarczenberg:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.215101471942888.44757.202358256550543
David Reeb: http://www.youtube.com/watch?v=pCthWxnr3sQ
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150321861177554.340078.691717553

Donne Palestinesi, Israeliane ed internazionali si godono il picnic vicino alla
fonte d'acqua di Nabi Salih, il 27 maggio 2012. Sono già 2 anni che i coloni del
vicino insediamento illegale di Halamish hanno confiscato la fonte. "Con tutto
quello che è successo la settimana scorsa, in un posto governato dall'odio e dalla
rabbia, lo spirito di vacanza sembrava perduto. L'ho ritrovato oggi vicino alla
fonte a Nabi Saleh, sedendomi con i piedi nell'acqua, insieme ad altre donne che
suonavano tamburi e cantavano il "Ritorno".

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.442240625786247.107971.136633479680298

Durante il weekend, sostenuti da attivisti internazionali ed israeliani, i
Palestinesi si sono diretti in tre direzioni per stabilire e confermare il loro
controllo sulle terre della Cisgiordania. I contadini di Tuqu? sono ritornati sulle
terre che gli era stato proibito coltivare, i residenti di Mufagarah hanno costruito
una nuova casa dopo una serie di demolizioni e le donne di Nabi Salih hanno marciato
verso la fonte del villaggio per la seconda volta nel giro di un mese.

http://972mag.com/photos-a-weekend-of-direct-actions-to-protect-palestinian-lands/47033/


Ni'lin

Manifestazione settimanale, venerdì 22 maggio 2012:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.440854245924885.107732.136633479680298

Oggi (28.05.12) è il 4° anniversario dell'inizio della lotta popolare nel villaggio
di Ni'lin, oggi si entra nel quinto anno di lotta contro il muro della segregazione.

http://www.youtube.com/watch?v=jcyYXR01zkQ

La lotta continuerà. Venerdì 1 giugno 2012 marcia di lealtà con i martiri di Ni'lin,
brutalmente uccisi durante le manifestazioni di pace contro il muro israeliano
dell'apartheid a Ni'lin:
Ahmad Mousa, 10 anni, ucciso il 29.07.08
Yousef Amireh, 17 anni, ucciso il 30.07.08
Arafat Kawaja, 22 anni, ucciso il 27.12.08
Muhammed Kawaja, 18 anni, ucciso il 27.12.08
Aqil Srour, 36 anni, ucciso il 05.06.09

Per altre informazioni, contattare: http://www.nilin-village.org/


Qaddum

"Venerdì 25 maggio, circa 200 palestinesi, 4 Israeliani e 5 internazionali hanno
dato vita alla manifestazione settimanale contro il blocco della maggiore strada di
accesso a Nablus - il capoluogo della regione.

In seguito al blocco della strada ed all'espansione dell'insediamento coloniale di
Kedumim, oltre 1.100 dunam delle terre agricole del villaggio sono state bloccate.
Quindi, i residenti si sono appellati all'Alta Corte Israeliana ed hanno vinto la
causa. La corte ha stabilito che la strada deve essere riaperta, ma l'esercito non
ha eseguito la sentenza ed ha confermato la chiusura della strada per ragioni di
sicurezza dei viaggiatori... (Stranamente, la salute e la sicurezza dei palestinesi
sono diventate molto importanti per l'esercito...). Subito dopo, i residenti hanno
iniziato a protestare contro l'illegale chiusura della strada. Come ogni settimana,
l'esercito ha posto una barriera all'ingresso del villaggio per impedire agli
israeliani e ad altri partecipanti da fuori di poter essere alla manifestazione, ma
noi abbiamo facilmente aggirato il blocco passando per i campi agricoli. La
manifestazione è iniziata con una cerimonia come al solito,
abbiamo camminato in direzione dei soldati che ci stavano attendendo nelle case che
avevano requisito nel villaggio lungo la strada. Il corteo è proseguito con urla al
megafono verso i soldati, con musica e danze. Subito dopo è iniziato uno scambio
tra lacrimogeni e lanci di pietre di risposta. I lacrimogeni venivano sparati
direttamente sulla folla e 5 manifestanti ne sono rimasti colpiti, di cui 2
ricoverati nell'ospedale di Qalqiliya. Il getto di acqua fetida è stato usato di
tanto in tanto contro il blocco stradale improvvisato dai manifestanti. Quando non
riusciva a colpire i manifestanti, il getto d'acqua puzzolente veniva indirizzato
con "generosità" nelle case e sugli alberi da frutto. Contemporaneamente, 2
drappelli di soldati hanno iniziato a scendere dalle colline intorno al villaggio
verso gli uliveti e lì è iniziato uno scambio di pietre e lacrimogeni. Circa 2 ore
dopo, i soldati hanno iniziato a ritirarsi inseguiti dai giovani del
villaggio con le loro urla di vittoria insieme al lancio di pietre.

Dopo che i soldati si sono ritirati nell'insediamento di Kedumim, i manifestanti
hanno ripreso la strada, hanno bruciato dei copertoni in segno di vittoria,
appestando l'aria sull'insediamento di Kedumim (il vento ci era favorevole e portava
il fumo nero direttamente verso l'insediamento). Sulla strada si potevano notare
chiaramente i segni dei fuochi delle precedenti manifestazioni. Una dopo l'altra,
sembra che ogni manifestazione faccia un passo in più in avanti nel liberare parte
della strada e nel lanciare la sfida ai soldati occupanti. Questa volta i giovani
sono giunti ad un punto molto vicino al territorio su cui si è espanso
l'insediamento coloniale di Kedumim ed è lì che hanno dato fuoco ai copertoni."


Tel Aviv

Non sarà chiamata "La Notte dei Cristalli" - sarà chiamata "La notte al silicone":
http://thelede.blogs.nytimes.com/2012/05/24/african-migrants-attacked-in-tel-aviv/


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


[Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca -A- fdca.it>]

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it