A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Comunicato FdCA: Dell'individualismo avanguardista e nichilista

Date Wed, 30 May 2012 17:06:59 +0200


La gambizzazione del dirigente dell'Ansaldo di Genova ed il conseguente comunicato
di rivendicazione ci lasciano interdetti sia per la vacuità e la nullità delle
parole usate che per il gesto, in se stesso controrivoluzionario.
Con l'occasione il potere, con l'aiuto dei media di regime, cerca, come da un
vecchio e solito copione, anche questa volta, di rinchiudere l'anarchismo nello
stereotipo borghese caro a tutte le polizie del mondo, per giustificare la
repressione prossima e ventura di ogni sviluppo della conflittualità sociale e
aumentare le risorse dedicate alle strutture repressive statali.
Il comunicato di rivendicazione chiarisce bene che l'atto rivendicato non è a favore
del popolo, oppure del proletariato, ma che è stato compiuto in nome di nessuno,
nello stile più alienato dell'insurrezionalismo, per il quale non esiste una società
divisa in classi, dove l'imperialismo può al più essere una questione geopolitica e
il capitalismo viene derubricato ad un incidente di percorso, il tutto per sfuggire
all'alienazione individuale senza troppi interrogativi che potrebbero nel tempo
incrinare le solide certezze della fine dell'anarchismo postmoderno.

Noi abbiamo sempre rivendicato il nostro ruolo di rivoluzionari dentro il movimento
di classe, ne siamo parte, nella nostra prassi non vi è posto per individui spavaldi
imbevuti di individualismo borghese.

Non ci appartiene questo tipo di anarchismo nichilista, tutto avvolto su di un mega
io spropositato, e ancora oggi, nonostante i colpi inferti dallo Stato e dal
capitale ai lavoratori ed ai ceti subalterni, non ci siamo arresi e non ci
arrenderemo, continuando la nostra lotta e la nostra battaglia per il comunismo
anarchico, nell'impegno sindacale e nelle lotte territoriali che portiamo avanti,
alla luce del sole e a viso aperto, da decenni, sempre dalla parte degli sfruttati.

Usare, inoltre, l'acronimo di una organizzazione anarchica, la FAI, con il palese
desiderio di arrecarle danno, mostra chiaramente quanto la scelta (consapevole o non
consapevole; questo non ci è possibile stabilirlo, anche se pare una non coincidenza
l'insorgere di determinati episodi quando il conflitto ha potenzialmente la
possibilità di aumentare di tono) sia utile al potere.

Tuttavia, consapevoli o non consapevoli, queste azioni negano l'essenza stessa
dell'anarchismo, che non nasce da qualche cervellotico filosofo, trovando sbocco in
inutili azioni isolate fisicamente e politicamente dalle aspirazioni proletarie.
L'anarchismo nasce nella lotta di classe, nello scontro tra capitale e lavoro, nella
lotta collettiva contro l'autoritarismo dello Stato e l'arroganza dei padroni, in un
ipotesi rivoluzionaria di costruzione di una nuova società, comunista ed anarchica.

I compagni e le compagne della FdCA per questo ribadiscono il loro ruolo tra le fila
del proletariato, fuori da un anarchismo individualistico che non solo non ci ha mai
interessato, ma che riteniamo profondamente inutile.

Ed è per questo che rilanciamo l'azione diretta e la crescita della coscienza di
classe, convinti che nessuna avanguardia possa sostituirsi all'azione collettiva
della classe lavoratrice e degli esclusi dal tessuto sociale produttivo. Un'azione
diretta collettiva, dispiegata pubblicamente nei conflitti reali, per una concreta e
quotidiana sovversione dell'esistente.


Federazione dei Comunisti Anarchici

24 maggio 2012

http://www.fdca.it


[Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca -A- fdca.it>]

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it