A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Palestina-Israele. Reports sulle azioni contro il muro del 8 maggio e 14 maggio [en]

Date Wed, 30 May 2012 17:05:13 +0200


Palestina-Israele, la lotta unitaria sullo sfondo dello sciopero della fame in
carcere contro la detenzione amministrativa
08.05.12
La consueta fine settimana di lotta degli Anarchici Contro il Muro insieme ai
comitati popolari di base si è intrecciata con lo sciopero della fame dei
prigionieri palestinesi in detenzione amministrativa. Dopo che due detenuti in
sciopero della fame sono stati rilasciati quando si trovavano in pericolo di morte,
lo sciopero della fame si è propagato nelle prigioni e fuori, dal momento che alle
poche centinaia di prigionieri in detenzione amministrativa si sono aggiunti più di
mille detenuti palestinesi nei campi di concentramento e nelle galere israeliani. Ci
sono manifestazioni quotidiane di cui alcune anche all'interno dei confini del 1948
di Israele. Lo Stato israeliano intensifica la repressione su queste manifestazioni
sia nei territori occupati, che su quelle dentro Israele. Il picco dentro Israele si
è avuto con l'arresto e con le percosse a danno di 17 nostri compagni che stavano
protestando di fronte al carcere ospedaliero di Ramle, dove ci sono 2 prigionieri
sono in fin di vita.

L'Alta Corte di "Giustizia" di Israele non ha accolto la richiesta di libertà
immediata inoltrata da due detenuti amministrativi in sciopero della fame Bilal Diab
e Thaer Halahla. I due non mangiano da 70 giorni - ed i dottori temono per le loro
vite."


Ramle

Giovedì 3.5.12, eravamo davanti al carcere ospedale di Ramle alle 17:30 per i
prigionieri politici palestinesi in sciopero della fame, di cui alcuni sono
incatenati ai loro letti. Più di 2000 detenuti sono in sciopero della fame da 12
giorni, mentre 8 detenuti amministrativi sono in sciopero della fame da oltre 1 mese
o 2. Bilal Diab e Thaer Halahleh sono prossimi alla morte, al loro 65° giorno di
sciopero della fame.

200 manifestanti fuori della prigione di Ramle con foto dei loro parenti detenuti -
RT @activestills: http://www.flickr.com/photos/activestills/6992877908/
Haim Schwarczenberg:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3911621748311.2173223.1212414101
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.425041200839523.105628.136633479680298
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.426185294058447.105717.136633479680298
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.427326547277655.105821.136633479680298

17 arrestati tra cui feriti e maltrattati. La polizia ha usato la forza contro
coloro che stavano aspettando gli arrestati fuori della stazione di polizia. Hanno
fatto ricorso a manganellate ed a scariche elettriche. Dopo una notte in carcere
sono stati rilasciati dietro cauzione, per 3 di loro arresti domiciliari e settimane
di restrizioni. Attivisti arrestati durante la manifestazione del giorno prima
davanti alla prigione di Ramle sono comparsi in udienza nel tribunale di Petach
Tikva per la cauzione il 4 maggio 2012.
Foto di Oren Ziv/Activestills.org:
http://www.flickr.com/photos/activestills/6995644662/in/photostream
http://www.youtube.com/watch?v=SBpn-GwmCCw


Al-Aqaba (Valle del Giordano)

Come molti villaggi dell'Area C, e specialmente nella Valle del Giordano, il
villaggio di al-Aqaba è sottoposto a vessazioni, violenze e demolizioni da parte
delle forze di occupazione. Le ordinanze di demolizione riguardano più della metà
degli edifici del villaggio, mentre 2 strade sono state già demolite, ed al loro
posto c'è ora un paesaggio da post-tornado.

Sfortunatamente, l'area di al-Aqaba ricorda quella del sud del Libano, e le
operazioni militari che lo affliggono regolarmente. Ci sono stati già 8 morti
dall'inizio dell'occupazione e più di 50 feriti, tra cui il sindaco, che da allora
si trova su una sedia a rotelle.

Sabato 5/5 c'è stata una simbolica ripavimentazione della strada, con la
partecipazione di attivisti dalla Palestina, da Israele e dall'estero, a
sottolineare la Tsumud e la resistenza insita in questo atto. Un atto di resistenza
popolare non violenta, a cui hanno preso parte circa 100 bambini dei dintorni.

Sabato, Circus Action in solidarietà con il villaggio dopo il ripetersi delle
demolizioni di case.

10 anni di Muro - parte 5: un nuovo modo di resistere
http://972mag.com/the-wall-10-years-on-part-5-a-new-way-of-resistance/44656/

I capitoli precedenti:

Parte 1: Il progetto della grande Israele
http://972mag.com/the-wall-10-years-on-the-great-israeli-project/40683/
Parte 2: Muro e Pace
http://972mag.com/the-wall-10-years-on-wall-and-peace/41137/
Parte 3: Un acro qui ed un acro lì
http://972mag.com/the-wall-10-years-on-part-3-an-acre-here-and-an-acre-there/41556/
Parte 4: Intrappolati nella parte sbagliata
http://972mag.com/the-wall-10-years-on-part-4-trapped-on-the-wrong-side/42820/


Beit Ummar

Sabato 5 maggio:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.427367800606863.105824.136633479680298


Bil'in

Venerdì 4 maggio, manifestazione settimanale contro il muro ed in solidarietà con i
prigionieri palestinesi in sciopero della fame.

"15 Israeliani ad un numero simile di internazionali di sono uniti alla
manifestazione settimanale dei palestinesi verso le terre di Bil'in che si trovano
oltre il muro ruba-terra. Gli organizzatori hanno convinto i giovani a starsene
nelle retrovie mentre il corteo avanzava pacificamente, ma appena raggiunta la prima
linea di filo spinato sono stati attaccati da una pesante pioggia di lacrimogeni. I
giovani si sono fatti avanti, lanciando pietre per impedire ai soldati di sparare
proiettili e di uscire dal recinto, mentre altri manifestanti erano impegnati nel
cercare di spegnere gli incendi causati dai candelotti. Una quercia ha preso fuoco,
ma non ci sono stati danni più gravi.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.425619230781720.105701.136633479680298
Chen Misgav:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150898726376803.471130.770301802

"Sette anni dopo il fatto, un ufficiale della unità di elite "Metzada" delle guardie
carcerarie israeliane ha ammesso che un suo subordinato ha lanciato pietre contro i
soldati a Bil'in - secondo gli ordini per la sua missione."


Kafr ad-Dik

Manifestazione, venerdì 4 maggio.


Al-Ma'sara

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.426252060718437.105726.136633479680298


Nabi Salih

Soldati israeliani hanno sparato lacrimogeni verso i manifestanti sulla collina
vicino alla fonte d'acqua confiscata.

http://t.co/WZwTegO1
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.426250204051956.105725.136633479680298
David Reeb http://www.youtube.com/watch?v=2_jIHwtwjE0


Ni'lin

Manifestazione, venerdì 4 maggio.


Kafr Qaddum

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.426235267386783.105724.136633479680298
Haim Schwarczenberg:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3921224708379.2173358.1212414101


Wadi Qana

Alcuni di noi hanno preso parte dalla riunione a Wadi Qana ieri notte. Tra le altre
cose abbiamo appreso che è stata diramata un'altra ordinanza militare che aumenta a
oltre 2.000 il numero degli alberi da sradicare. Il villaggio ed i suoi sostenitori
vogliono stabilire una presenza continua nella valle e ci hanno chiesto di dargli
una mano. La presenza è particolarmente importante nelle prime ora del mattino
perché è in questa fascia oraria che l'esercito colpisce.

Oggi i contadini hanno ricevuto la "visita" di circa 100 coloni, di cui alcuni
armati. All'invasione dei coloni è ovviamente seguita quella dell'esercito. Ora la
situazione sembra tranquilla. In futuro il villaggio farà un'altra riunione di
venerdì con preghiere, aggiornamenti, ecc, a cui siamo invitati.


Sheik Jarrah (Al-Quds occupata)

I residenti di Sheikh Jarrah continuano con i loro presidi di protesta nel quartiere
ogni venerdì, contro gli sgomberi violenti dalle loro case, contro l'invasione del
quartiere da parte dei coloni e contro la giudaizzazione di Gerusalemme Est.

Manifestazione a favore dei prigionieri a Sheik Jarrah, il 4 maggio 2012:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.426144474062529.105710.136633479680298

Da Damascus Gate a Sheikh Jarrah 04.05.12:
Guy Butavia:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150837282107138.434638.779192137
Elifelet Sara:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150825432077859.437252.734442858
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.382117471829936.79681.195473957160956
Amir Bitan:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.451354224879598.119400.100000150737581
http://t.co/nHgYwzmY


Tel Aviv

Azione del Primo Maggio:
http://www.facebook.com/events/208409405942501/208637499253025/?notif_t=plan_mall_activity

***********************************

Palestina-Israele, la lotta unitaria si intreccia con lo sciopero della fame dei
detenuti palestinesi

14.05.12


In tutta la Cisgiordania migliaia di persone sono scese in strada a sostegno dei
detenuti in sciopero della fame. E' l'ora della terza intifada. E' iniziata con lo
sciopero della fame messo in atto dai detenuti amministrativi senza processo, poi
con le manifestazioni di solidarietà - intanto si sono uniti altri 1500 prigionieri
palestinesi - sia con i detenuti amministrativi sia per chiedere migliori condizioni
per tutti gli incarcerati. Ci sono stati ogni giorno manifestazioni e presidi di
solidarietà, sia nei territori occupati che dentro Israele. Le manifestazioni
settimanali ne hanno fatto il loro tema centrale. Dopo quasi 80 giorni di sciopero
della fame, sembra ormai imminente la morte per i primi 2 detenuti ad astenersi dal
nutrirsi, soprattutto dopo che la Alta Corte di "giustizia" ha confermato il netto
rifiuto dello Stato a ritirare il provvedimento di detenzione amministrativa. Le
forze di stato hanno oscillato tra atti di dura repressione sulle manifestazioni e
scelte di contenimento dell'uso della forza, espressione della loro incertezza
sull'evolversi della terza Intifada e sulla montante pressione internazionale.


Supporto ai prigionieri

Abir Kopti e Yonatan Polak alla CNN
http://edition.cnn.com/video/?/video/international/2012/05/10/amanpour-palestinian-prisoner-hunger-strike.cnn

Giaffa, 11 maggio 2012

Pomeriggio presto di sabato. Eravamo circa 10 al presidio davanti alla Torre
dell'Orologio di Giaffa. Metà palestinesi e metà degli attivisti antisionisti più
estremisti.

http://www.facebook.com/?ref=tn_tnmn
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151687813910214.850220.545775213
http://www.facebook.com/media/set/?set=oa.365155423531978


Ma'ale Adumim (insediamento coloniale vicino Gerusalemme)

Domenica, in solidarietà con i detenuti in sciopero della fame, l'ingresso
dell'insediamento è stato bloccato per poco tempo.

"‎50 Palestinesi, Israeliani ed attivisti internazionali stanno bloccando
l'ingresso a Ma'ale Adumim in solidarietà con i detenuti in sciopero della fame".
La polizia ha sgomberato i manifestanti, ma sono ora le auto della polizia a
bloccare la strada.

Haitham Al Khatib http://www.youtube.com/watch?v=4wbm_2K_zQw
http://a5.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-ash3/533369_10150811738612683_724612682_9796549_1895896813_n.jpg
https://t.co/kaqTcTqa
http://t.co/6IJyszpg


Haifa

Sabato 12 maggio, più o meno un centinaio di manifestanti, per lo più palestinesi
con pochi ebrei si sono riuniti per una manifestazione. Punto di concentramento
Abbass street ad Haifa. La manifestazione proclamava il sostegno ai prigionieri
politici e l'opposizione all'occupazione israeliana. C'erano persone di tutte le età
e tutti cantavano e scandivano slogan. Abbiamo marciato lungo Abbass street,
attraverso Wadi Nisnas in direzione del German Colony. Gli slogan (che erano tutti
in arabo e molto radicali) non si sono fermati neanche un attimo. C'erano molte
bandiere giganti della Palestina e molti cartelli sia in ebraico che in arabo. Ogni
manifestante portava un bracciale marrone a significare il loro supporto ai
prigionieri. La protesta era imponente. I pochi agenti di polizia presenti si sono
tenuti a distanza e non hanno interferito. Ci hanno seguito per tutto il percorso.
Ad un certo punto ho pensato "Ma non lo sanno che noi ci aspettiamo che loro ci
fermino, ci maltrattino e ci manganellino? Ci stanno proteggendo! Cosa c'è che non
va?"

Quando siamo giunti in una strada trafficata, ci hanno chiesto gentilmente di non
proseguire, e di stare sul marciapiede. Ed anche di fronte al nostro NO, si sono
premurati di deviare il traffico. Quando ci siamo fermati in mezzo alla strada, uno
degli agenti che sembrava essere un volontario ci ha detto "Per favore! Tornate sui
marciapiedi" ma appariva più come una supplica che un ordine o una richiesta
imperiosa. Sembrava scortese non cooperare...

Durante il transito in Wadi Nisnas, molti ragazzi si sono uniti alla manifestazione
e sono stati subito coinvolti dalla protesta e dagli slogan. Ad un certo punto
eravamo oltre 200 persone. Infine siamo giunti al German Colony, davanti ai
ristoranti di lusso, una strada che ricorda Rothschild Boulevard. I ristoranti hanno
tremato al suono degli slogan!!

Ci siamo fermato in un posto in cui fino al giorno prima c'era una tenda di
solidarietà con i prigionieri, abitata da una settimana da scioperanti della fame in
solidarietà con i detenuti, ma la scorsa settimana le autorità municipali avevano
deciso di far sgomberare il posto entro venerdì. Alcuni manifestanti palestinesi ed
israeliani avevano deciso di rimanere per la notte per continuare lo sciopero della
fame. Impressionante davvero la manifestazione e la sua organizzazione, con
manifestanti meravigliosi, Haifa street palestinese, e la polizia di Haifa. Invito
tutti a tornarci per le future manifestazioni!

http://www.facebook.com/media/set/?set=oa.366209976759856&type=1


Al-Araqeeb

Proseguono gli sforzi dei progetti israeliani per trasferire i cittadini Beduini in
campi di concentramento per rubargli ciò che rimane delle loro terre, ma continua
anche la lotta di resistenza - soprattutto come nel caso delle terre di Araqeeb.

Ciao... prima di tutto grazie a coloro che sono venuti ad al-Araqeeb questa
settimana. E' cruciale che non si interrompa questo flusso di volontari, per cui
prenotatevi per la prossima settimana.


Beit Ummar

Sabato 12/5/2012. Manifestazione di solidarietà con palestinesi prigionieri nelle
carceri israeliane e per commemorare il 64° anniversario della Nakbah; decine di
manifestanti si sono ritrovati per la protesta, tra cui Khader Adnan, attivisti
internazionali ed israeliani oltre ai cittadini di Beit Ummar. Una volta giunti
vicini all'insediamento coloniale di Karmei Tzur, costruito sulla terra dei
contadini di Beit Ummar, più di 30 soldati israeliani pesantemente armati hanno
attaccato i manifestanti usando il calcio dei fucili, manganelli, scudi e
lacrimogeni, molti manifestanti sono stati feriti, tra cui Ahmad Abu Hashem (46
anni), Segretario del comitato popolare di Beit Ummar, il quale dopo essere stato
picchiato è stato arrestato, Yousef Abu Mareya portavoce del comitato popolare di
Beit Ummar (38 anni), Mosa Abu Mareya (34 anni) esponente del comitato popolare,
ferito alla fronte, Younes Arar (40 anni) coordinatore del comitato popolare, il
quale è stato picchiato sui piedi, ed un attivista internazionale. Altri se ne
aggiungeranno domani a conferma della brutalità delle forze di occupazione
israeliane.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10151092795935760.541865.531065759


Bil'in

Manifestazione settimanale: "venerdì della Fame" a supporto dei prigionieri
palestinesi. Come di consueto, circa 15 attivisti degli anarchici contro il muro si
sono uniti ad una dozzina di internazionali ed alle decine di residenti del
villaggio, per la manifestazione contro il furto della terra operato con i recinti
ed i muri e contro l'occupazione. Durante il corteo, abbiamo scandito slogan ed
alzato fotografie dei prigionieri in sciopero della fame che sono in urgente
pericolo di morte. Quando siamo giunti al muro della separazione, le forze di stato
israeliane erano sorprendentemente reticenti, persino quando alcuni dei giovani
stufi per aver atteso invano il primo lacrimogeno hanno iniziato a lanciare pietre.
Pochi ed inefficaci getti di acqua-puzzola sono stati deviati da un vento da nord a
noi amico. Solo dopo che alcuni hanno osato correre tra i recinti di filo spinato
che "proteggono" il muro, le forze di stato hanno iniziato un massiccio lancio di
lacrimogeni. Dato che la bassa vegetazione tra gli alberi era già secca, i
lacrimogeni hanno preso fuoco minacciando gli ulivi dell'area. Alcuni soldati sono
usciti dal muro verso di noi, ma non c'è stato nessuno scontro degno di nota. Dopo
che i manifestanti ed i pompieri hanno spento i fuochi, il corteo è tornato al
villaggio.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.432099660133677.106390.136633479680298
haithmkatib: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=2BUTAhdGkHI


Nabi Salih

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.432299613447015.106437.136633479680298
http://t.co/WZwTegO1
David Reeb: http://www.youtube.com/watch?v=BHjuBoP46_s


Ni'ilin

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.432252906785019.106428.136633479680298

Kafr Qaddum

Nel villaggio di Kafr Qaddum, a sud-est di Nablus, a centinaia hanno manifestato
nonostante un pressante assedio posto alla città da tutti i lati. Nel loro tentativo
di sedare la protesta, le forze israeliane hanno usato lacrimogeni, proiettili di
gomma ed un cannone di acqua-puzzola. Dopo circa un'ora di manifestazione, un gruppo
di soldati ha sparato proiettili veri verso i manifestanti da breve distanza, senza
però colpire nessuno.

Manifestazione settimanale di venerdì 11 maggio: soldati fanno ricorso più del
solito a proiettili veri sulla manifestazione a Kafr Qaddum. Nessun ferito. Il
villaggio era sotto stretto assedio fin dal mattino.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.432174853459491.106410.136633479680298


Sheikh Jarrah

Venerdì, 11 maggio:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.390763084300634.86253.100001008382622


Walaje

"cari, in solidarietà con gli scioperanti della fame ed in in memoria della Nakba
manifestazione ad Al-Walaje venerdì 11.05.12 alle 12:00. punto di incontro alla
moschea all'ingresso del villaggio."

Palestinesi di tutta la Cisgiordania hanno manifestato in solidarietà con i
prigionieri in sciopero della fame.

Venerdì, corteo del ritorno per il 64° della Nakba, manifestanti cantano vicino alla
fonte contro il muro del ghetto che circonda da tutti i lati il villaggio.
Circa 1.000 manifestanti hanno protestato oggi ad al-Walaje contro l'occupazione,
contro il muro dell'Apartheid e per il 64 anni della Nakba. C'erano giovani di
Al-Fatah giunti da tutta la Palestina, alcuni persino da Jenin, 10 attivisti
israeliani e pochi internazionali. Abbiamo preso per la strada del muro ed un gruppo
di manifestanti è salito sulla collina dove sorgeva il villaggio di al-Walaje fino
al 1948, e dove ora ci sono rovine, sventolando bandiere e cantando slogan contro
l'occupazione; poi abbiamo proseguito verso la vecchia fonte, ci siamo rinfrescati e
dissetati, poi sono arrivati i soldati, ma gli abbiamo parlato e loro sono stati
d'accordo nel lasciarci protestare pacificamente. Per cui i soldati se ne sono
andati e noi siamo rimasti a manifestare intorno alla fonte, per poi far ritorno al
villaggio. Il grosso del corteo è rimasto lungo il percorso del muro dove c'è stato
uno scambio di pietre e lacrimogeni tra giovani e soldati, ma la manifestazione è
finita pacificamente.

Lior Ben Eliahu:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.3011163169110.155230.1563442697
http://www.facebook.com/media/set/?set=oa.365134896867364
http://www.facebook.com/media/set/?set=oa.365155423531978
Elifelet Sara Derbarmbdicare:
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10150885645237859.439189.734442858
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.432166093460367.106405.136633479680298
http://www.youtube.com/watch?v=ilXwdpzL170
http://t.co/4nm7zH9s

Il Muro, 10 anni dopo - parte 7: un villaggio trasformato in prigione
http://972mag.com/the-wall-10-years-on-part-7-a-village-turned-prison/45348/


Tel Aviv

Martedì, circa 300 vittime del razzismo e della discriminazione edilizia con
attivisti radicali hanno manifestato nel centro della città con tante bandiere
rosso&nere.

http://youtu.be/tw8PHRgT4nw


Giustizia sociale

A migliaia hanno "celebrato" la giornata internazionale del 12 maggio tornando sulle
strade. In Israele ci sono state manifestazioni a Gerusalemme (migliaia), ad Haifa
(più di 1.000) e la più grande a Tel Aviv. Dove più di mille persone hanno
manifestato dai quartieri poveri a sud della città fino al centro, in cui ci sono
state manifestazioni per tutto il pomeriggio fino alla sera con migliaia di
manifestanti. Erano circa 15.000 e sono rimasti lì a lungo, prima che la gente
iniziasse a spostarsi verso le sedi dei partiti (nonostante la resistenza della
polizia). Manifestazioni più piccole nelle altre città. Un piccolo gruppo comunista
anarchico "Ahdut" (Unità) portava i nostri colori e distribuiva opuscoli e giornali.

http://unityispa.files.wordpress.com/2012/05/cimg0119-copy.jpg
ilyiwy: http://www.youtube.com/watch?v=vQH8XA0_y-Y
http://www.facebook.com/media/set/?set=a.446295885398335.115001.274242409270351


Non dite che non lo sapevamo, n°310

Lunedì 32 aprile 2012, le forze militari sono giunte nel villaggio palestinese di
Hilet El-Warde, vicino Bani Na'im (nella regione di Hebron). Hanno demolito 2
stalle, tre stanze dove abitavano dei lavoratori, ed una cisterna.

Mercoledì 2 maggio 2012, i soldati sono giunti a Baq'a vicino Hebron, dove hanno
demolito una cisterna; è la seconda volta che lo fanno.

Mercoledì 2 maggio 2012, rappresentanti del governo accompagnati dalla polizia sono
giunti a Khirbet El-Batal, un villaggio beduino non riconosciuto vicino Mishmar
HaNegev.

Hanno demolitola casa di una coppia recente.

Questions & queries: amosg@shefayim.org.il


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:
http://www.fdca.it/wall


[Da: Federazione dei Comunisti Anarchici <fdca -A- fdca.it>]

________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it