A - I n f o s

A-Infos un servizio di informazione multilingue da per e su gli/le anarchici **
News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts Agli archivi di A-Infos

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
Le prime righe degli ultimi 10 messaggi:
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe


Le prime righe degli ultimi 10 messaggi
Prime righe dei messaggi in tutte le lingue nelle ultime 24 ore
Links to indexes of First few lines of all posts of last 30 days | of 2002 | of 2003
| of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009
Iscriversi a A-Infos newsgroups

(it) Treviglio (BG): 25 APRILE

Date Mon, 23 Apr 2012 08:20:01 +0200


25 APRILE a Treviglio
Treviglio, Piazza Mercato (anche in caso di pioggia, struttura coperta)
ore 16 concerto con DJ JESUS CHRIST VAMPIRE HUNTER + JERRINEZ (rock’n roll)
ore 18 spettacolo teatrale Banda discordanti (interpretato dalla
compagnia L’interezza non è il mio forte)
ore 19.30 apericena
ore 21 concerto con KASO (folk cantautorale in acustico) + IL GARAGE
ERMETICO (lo-fi postpunk cantautorale)
Durante tutta la giornata ci saranno mostra e filmati sulla
resistenza, banchetti informativi e ortofrutticoli bio, ristoro,
giocolieri e writers.
OGGI COME IERI, FASCISTI SERVI DEI PADRONI
In un periodo di crisi economica i fascisti sono sempre pronti a
cavalcare l’onda del malcontento diffondendo una cultura che esprime
xenofobia e intolleranza, predicando come soluzione alla crisi il
rafforzamento dei confini statali in perfetta linea con la peggior
ideologia ultranazionalista ed imperialista. La neanche troppo
affannosa ricerca di un capro espiatorio, sul quale addossare tutto il
peso di una grande e lunga crisi causata e voluta dal sistema
economico capitalista e dai suoi sostenitori, contribuisce a sviare le
coscienze dalla vera lotta contro i reali responsabili di questo
disastro economico e sociale, facendo scaturire una “guerra tra
poveri” che porta vantaggi unicamente al sistema stesso ed ai suoi
aguzzini.
Il fascismo, difatti, è solo l’altra faccia del capitalismo, il quale
pur di attuare le proprie logiche economiche nasconde il suo volto
autoritario dietro una facciata “democratica” costruita ad arte da
televisioni, giornali e partiti. Maschera che si dissolve nel momento
in cui si renda necessario reprimere le proteste di lavoratori e
studenti, e di chiunque si oppone a questo modello di sviluppo, degli
immigrati e di tutti gli sfruttati. Un volto democratico che non
esiste nelle carceri, nei lager per gli stranieri (CIE, campi di
identificazione ed espulsione) dove è una condizione (quella di
immigrato) ad essere punita e non un atto. Inesistente nella Val di
Susa, in un cantiere fortificato, in una valle occupata giorno e notte
dalle truppe militari. Una facciata democratica che si sgretola di
fronte ai tagli ai servizi pubblici, allo smantellamento della scuola
e dell’università pubblica, all’aumento dell’età pensionabile, al
peggioramento delle condizioni lavorative.

Ed ecco allora che l’assassinio di due ragazzi africani a Firenze ad
opera di un fascista di Casapound, l’incendio al campo nomadi a
Torino, le aggressioni agli immigrati, ai compagni e agli omosessuali
sono ritenuti episodi deplorevoli e da condannare, visti e diffusi
come gesti folli dal governo, dai media, dai benpensanti, dai partiti
di destra e di sinistra e dall’opinione pubblica in generale, la quale
però, in questo modo non si accorge del fatto che gli stessi che
condannano da una parte, promuovono dall’altra: ed è così che passano
leggi restrittive contro gli immigrati, si costituiscono i lager dove
rinchiuderli, si alimentano a dismisura le disuguaglianze sociali,
reali cause fondanti di ogni tipo di razzismo.

Il fascismo e i fascisti di oggi assumono quindi, la stessa funzione
di quelli di ieri: reprimere con la forza le proteste dei popoli
contro un sistema di sviluppo basato sullo sfruttamento dell’uomo
sull’uomo. Con questa giornata vogliamo celebrare non solo chi ha
combattuto il fascismo durante la resistenza, ma anche chi tuttora
combatte le ingiustizie di un sistema, quello capitalista, che impone
lo sfruttamento come unico mezzo di progresso e sviluppo.

Collettivo Tana Libera Tutt* Treviglio collettivotanaliberatutti@gmail.com


http://underground.noblogs.org/post/2012/04/20/25-aprile-a-treviglio/
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/cgi-bin/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it