A - I n f o s

a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **
News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts Our archives of old posts

The last 100 posts, according to language
Greek_ 中文 Chinese_ Castellano_ Catalan_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ _The.Supplement

The First Few Lines of The Last 10 posts in:
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_
First few lines of all posts of last 24 hours | of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004 | of 2005 | of 2006 | of 2007 | of 2008 | of 2009 | of 2010 | of 2011 | of 2012 | of 2013 | of 2014 | of 2015 | of 2016 | of 2017 | of 2018 | of 2019 | of 2020

Syndication Of A-Infos - including RDF - How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups

(it) anarkismo.net: La competizione tra Iran e Stati Uniti per l'Iraq di Zaher Baher (ca, en, pt) [traduzione automatica]

Date Wed, 15 Jan 2020 08:45:34 +0200


La relazione tra gli Stati Uniti e l'Iran è stato spaventoso dalla "rivoluzione", ma dalla "primavera araba" è peggiorato ancora di più. Il coinvolgimento dell'Iran in molti paesi del Medio Oriente, in particolare in Iraq e in Siria, ha reso difficili gli Stati Uniti. raggiungere i tuoi obiettivi particolari nella regione. Questo articolo mostra cosa è successo di recente in Iraq e la tensione tra i due paesi prima dell'assassinio del generale Suleimani. ---- Il 27 dicembre, una base americana vicino a Kirkuk è stata attaccata, uccidendo un appaltatore americano e ferendo soldati statunitensi e iracheni. Gli Stati Uniti hanno dichiarato che l'attacco è stato lanciato da un gruppo di miliziani sciiti, Kata'ib Hizbullah (KH) filo-iraniano.
Domenica 29 dicembre, gli Stati Uniti hanno reagito con un attacco aereo contro cinque basi del KH, tre delle quali in Iraq e il resto in Siria. Il KH ha confermato che 19 dei suoi combattenti sono morti e altri 35 sono rimasti feriti. Il capo di Hashd al-Shaabi, (Popular Mobilization Forces) ha annunciato poco dopo "Il sangue dei martiri non sarà vano e la nostra risposta sarà molto dura per le forze statunitensi in Iraq".

Il 31 dicembre, una grande protesta organizzata dalla milizia filo-iraniana e dai suoi sostenitori irrompe violentemente nel complesso americano e canta gli slogan "No, no, America", "No, no, Trump" e "Death to America". Le proteste continuano e la sicurezza irachena ha permesso ad alcuni manifestanti di entrare nella Green Zone altamente protetta. La stessa sicurezza che ha represso brutalmente i manifestanti in Tahrir Square a Baghdad e in altre città, ora ha permesso ai manifestanti e ai sostenitori delle milizie filo-iraniane di stare in piedi e guardare i cocktail Molotov lanciati contro l'ambasciata americana. I media curdi hanno affermato che non c'era nessuno all'interno del complesso, che tutto il personale era stato evacuato la notte prima nella città di Erbil, la capitale del governo regionale del Kurdistan (KRG). Ma gli Stati Uniti hanno denunciato questa notizia come una voce.

Ciò che sta accadendo ora tra l'Iran e gli Stati Uniti non è una guerra, penso che ci siano poche possibilità di una guerra tra questi due.

Il conflitto tra l'Iran e gli Stati Uniti è il fallimento della politica estera americana che è fallito in relazione al regime iraniano nella regione del Medio Oriente. È stato dimostrato che la politica degli Stati Uniti non solo in Siria e in Iraq, ma in tutta la regione è fallita; così come in Afghanistan e in Libia.

Ciò che sta accadendo ora può continuare fino a quando l'attuale regime in Iran continua, è difficile per gli Stati Uniti. raggiungere i suoi obiettivi nella regione, in particolare in Siria e Iraq. L'Iran sa come giocare agli Stati Uniti.

La politica di guerra di Donald Trump con l'Iran, la Corea del Nord e la Russia nei confronti di paesi o interessi in conflitto non è sul tavolo. Trump non è così ingenuo come gli presentano i media occidentali. È intelligente e franco con il suo approccio. Considera almeno tre fattori nella guerra con l'Iran:

1. In primo luogo, la guerra contro Afghanistan, Iraq e Libia non ha avuto successo, è costata agli Stati Uniti un'enorme quantità di denaro; con conseguente gran numero di soldati americani uccisi in azione, feriti e disabili. Sa anche che la sua guerra con l'Iran non può essere vinta; sarà ancora più difficile della guerra contro Afghanistan e Iraq. Inoltre, esiste una grande possibilità che la guerra si diffonda in tutta la regione. Non è sicuro di poter vincere la guerra.

2. In secondo luogo, sa bene che il popolo americano ha ancora brutti ricordi di guerre e non vuole un'altra guerra.

3. In terzo luogo, le elezioni presidenziali si stanno avvicinando quest'anno, mentre c'è una possibilità che vincerà; Non è abbastanza stupido da rovinare le sue possibilità.

Per quanto riguarda gli iraniani, hanno studiato intelligentemente la mentalità e la politica estera di Trump. Sanno che Trump non vuole una guerra con loro, ma non vogliono nemmeno che l'Iraq sia dominato dagli Stati Uniti per paura che l'Iraq sia fuori dal loro controllo. Questo è il motivo per cui l'Iran occasionalmente avvia una sorta di operazione militare direttamente o indirettamente contro gli Stati Uniti. o i suoi alleati. Nel frattempo, l'Iran è disposto a proteggere il regime iracheno ad ogni costo.

1. Ciò che sta accadendo in Iraq ora, interessa l'Iran più degli Stati Uniti. Ma alla fine è il popolo iracheno a pagare il prezzo. L'Iran sa che le mani degli Stati Uniti sono in qualche modo legate. Ciò rende difficile per gli Stati Uniti costringere l'Iran a rispettare determinate condizioni da loro stabilite. In realtà, gli Stati Uniti Non possono fermare il modo di agire dell'Iran. L'Iran sa anche che in questo conflitto ci sono un paio di questioni importanti. Innanzitutto, allargare il divario tra il regime iracheno e gli Stati Uniti in crescita. Allo stesso tempo, l'Iran sta testando il suo potere e le sue influenze tra le sue milizie e altri sostenitori. Se questa situazione persiste, la disputa tra Iraq e Stati Uniti può essere acuita, diventerebbe un vero problema. L'Iraq non può rimanere neutrale indefinitamente tra l'Iran e gli Stati Uniti. Come dice ora. Gli Stati Uniti non saranno felici di vedere che le forze di sicurezza irachene permettono ai pro-iraniani e ai loro sostenitori nelle strade e nel parlamento iracheno e nei loro dintorni di fare ciò che stanno facendo contro l'ambasciata americana. Pertanto, l'Iraq non ha altra scelta che chiarire la sua posizione di rimanere con l'Iran o di sostenere gli Stati Uniti. Secondo me, se la situazione raggiungerà quel livello, l'Iraq sosterrà l'Iran contro gli Stati Uniti. L'Iraq non ha altra scelta che chiarire la sua posizione di restare con l'Iran o di sostenere gli Stati Uniti. Secondo me, se la situazione raggiungerà quel livello, l'Iraq sosterrà l'Iran contro gli Stati Uniti. L'Iraq non ha altra scelta che chiarire la sua posizione di restare con l'Iran o di sostenere gli Stati Uniti. Secondo me, se la situazione raggiungerà quel livello, l'Iraq sosterrà l'Iran contro gli Stati Uniti.

2. Se questa situazione persiste, interesserà i manifestanti a Baghdad e in altre città che finora hanno già pagato un prezzo molto elevato. Più di 552 persone sono state uccise, 21.000 ferite, 25.000 detenute; Inoltre, molti altri attivisti sono stati rapiti.

3. Di fronte a questa situazione, i manifestanti non avranno altra scelta poiché non vogliono far parte di nessuna delle due parti, ma lasciano le loro trincee e i luoghi che hanno già occupato.

Questa competizione tra Iran e Stati Uniti per l'Iraq non può continuare, deve essere risolta prima o poi, ma al momento è difficile per noi prevedere quando e come.

https://www.anarkismo.net/article/31721
________________________________________
A - I n f o s Notiziario Fatto Dagli Anarchici
Per, gli, sugli anarchici
Send news reports to A-infos-it mailing list
A-infos-it@ainfos.ca
Subscribe/Unsubscribe http://ainfos.ca/mailman/listinfo/a-infos-it
Archive http://ainfos.ca/it
A-Infos Information Center